Samsung rilascerà due monitor da gioco QD-OLED ultrawide nel 2023

0
291

I monitor OLED per videogiochi sono ovunque al CES 2023 e la linea di Samsung non fa eccezione. L’azienda ha presentato oggi il monitor Odyssey G95SC, un modello da 49 pollici che secondo l’azienda è il primo monitor OLED da gioco con rapporto di aspetto 32:9 al mondo. L’azienda ha anche ricordato che il monitor Odyssey G8 QD-OLED da 34 pollici, presentato in autunno durante l’IFA 2022, uscirà “molto presto”.

Le novità dei modelli QD-OLED

Ciò che distingue questi due modelli da quelli recentemente annunciati da LG è che utilizzano la tecnologia QD-OLED di Samsung e non gli ultimi pannelli di LG Display. Qui di seguito ho inserito una barra laterale che spiega come il QD-OLED si differenzia dall’OLED, ma il punto è che è in grado di produrre un’immagine più ricca di contrasto a livelli di luminosità più elevati, uno dei pochi limiti della tecnologia OLED tradizionale. Non riesco a capacitarmi di quanto sarebbe bello sedersi di fronte al nuovo Odyssey G95SC da 49 pollici di Samsung. Per fortuna, invece, è in grado di avvolgermi la testa da solo. Ha un rapporto di aspetto 32:9 super ampio, che si espande fino a una risoluzione di 5.120 x 1.440 con una curva di 1800R. Questo modello ha una veloce frequenza di aggiornamento di 240Hz. Arriverà nel 2023 e per ora non ha un prezzo. L’Odyssey G8 è un po’ più piccolo nella scheda tecnica, ma ha un pannello simile a quello del monitor da gioco QD-OLED di Alienware del 2021. Il pannello è simile nei dettagli, tra cui le dimensioni di 34 pollici, il rapporto d’aspetto 21:9, la curvatura 1800R, la risoluzione di 3.440 x 1.440 e la frequenza di aggiornamento di 175 Hz. Samsung non ha ancora comunicato il prezzo, ma aggiorneremo questo post se la situazione dovesse cambiare.

Qual è la differenza tra OLED e QD-OLED?

Gli schermi QD-OLED differiscono dai tradizionali pannelli OLED prodotti da tempo da LG Display per il modo in cui producono l’immagine. I display di LG sono considerati OLED WRGB, perché utilizzano un composto OLED blu e giallo per generare pixel di luce bianca che vengono fatti passare attraverso filtri colorati per produrre sub-pixel rossi, verdi e blu. I televisori OLED più recenti dispongono anche di un quarto sub-pixel bianco non filtrato, destinato a migliorare la luminosità, soprattutto per i contenuti HDR. Il QD-OLED cambia le cose emettendo luce blu attraverso i punti quantici per convertire parte del blu in rosso e verde senza bisogno del filtro colore. (Ciò comporta una maggiore efficienza energetica della luce; poiché non si perde luce a causa dei filtri colorati, i televisori QD-OLED dovrebbero offrire un aumento della luminosità rispetto agli OLED della passata generazione. Dovrebbero inoltre essere in grado di mantenere una riproduzione vivida dei colori dei punti quantici anche ai massimi livelli di luminosità, mentre gli OLED WRGB possono talvolta presentare una certa desaturazione quando vengono spinti così in là. Nel caso di Sony, l’azienda sostiene che il QD-OLED “aumenta la luminosità dei colori fino al 200% rispetto ai televisori tradizionali”. Gli angoli di visione già superlativi dell’OLED sarebbero ancora migliori con il QD-OLED, poiché la diffusione è maggiore senza l’intralcio del filtro del colore. La possibilità di burn-in non è eliminata dal QD-OLED, ma la speranza è che questi pannelli possano avere una durata complessiva maggiore rispetto agli attuali TV OLED, poiché i pixel non lavorano così intensamente. Samsung Display utilizza tre strati di materiale OLED blu per ogni pixel e questo potrebbe preservarne la longevità. Samsung sostiene che entrambi i monitor supportano l’HDR True Black 400, una specifica VESA che significa che possono raggiungere 400 nit di luminosità di picco. Tuttavia, è possibile che in realtà offrano una luminosità inferiore, a seconda di ciò che si guarda su di essi. Durante la recensione di HDTVTest del monitor Alienware QD-OLED, che ha le stesse specifiche True Black di questi nuovi monitor Samsung, ha fornito quasi 280 nits mentre visualizzava uno schermo completamente bianco (la sfida più brutale per un OLED).

Monitor da gioco

Questi monitor sono destinati a collegarsi a console e PC potenti, ma supportano anche Gaming Hub di Samsung, che consente di collegare in modalità wireless un controller per giocare su servizi di streaming cloud come Xbox Cloud Gaming e Nvidia GeForce Now. Sono inoltre dotati di Smart Hub, che consente di accedere alle app per smart TV come Netflix, Amazon Prime Video e altro ancora. In termini di porte, entrambi sono dotati di Mini DisplayPort, Micro HDMI 2.1 e ricarica USB-C fino a 65W. È possibile scegliere tra due laptop Surface Pro 9 dall’aspetto identico: uno con chip Intel di 12a generazione e l’altro con SQ3 basato su ARM di Qualcomm. Quest’ultimo è dotato di 5G, ottima durata della batteria e alcuni nuovi ed entusiasmanti trucchi per la webcam, ma è quello giusto per la maggior parte delle persone? Diamo un’occhiata a entrambi gli ultimi computer portatili di Microsoft per aiutarvi a scegliere.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here