Apple presenta il processore M2 Ultra per Mac Studio

0
302

Apple ha annunciato il processore M2 Ultra, un nuovo chip per la workstation Mac Studio destinata agli utenti professionali.

Il chip ha 134 transistor e 24 core di unità di elaborazione centrale (CPU) con prestazioni superiori del 20%. Ha fino a 76 core di unità di elaborazione grafica (GPU) con prestazioni fino al 30% più veloci. Apple ha fatto l’annuncio durante l’evento WWDC di oggi nel campus Apple di Cupertino, California.

Il chip sarà inserito nel prodotto Mac Studio, che in precedenza utilizzava il silicio Intel. Si tratta di macchine come quelle utilizzate dagli ingegneri per il Saturday Night Live o per creare film di successo, ha dichiarato Jennifer Munn di Apple.

Apple ha dichiarato che questo completa la transizione al silicio Apple. Gli sviluppatori possono creare nuove versioni di applicazioni a velocità di curvatura, con prestazioni fino al 25% superiori rispetto al passato, ha dichiarato Munn.

Il motore neurale a 32 core è più veloce del 40% nei calcoli di intelligenza artificiale. Supporta 192 gigabyte di memoria unificata, il 50% in più rispetto all’M1 Ultra.

“È il chip più potente mai creato per un personal computer”, ha dichiarato Munn.

Anshel Sag, analista principale di Moor Insights & Strategy, ha dichiarato in un messaggio: “Credo che il passaggio completo ad Apple Silicon renderà più facile lo sviluppo per gli sviluppatori dell’ecosistema Apple, specialmente per i giochi”.

“Perché ora uno sviluppatore può creare un titolo per l’intero ecosistema in una sola volta e distribuirlo su Mac, iPad, iPhone e persino XR. Non c’è davvero una piattaforma di silicio che lo giustifichi”, ha dichiarato Sag.

E ha aggiunto: “Penso che questo si estenderà anche ad altre applicazioni, perché ora non si sviluppa solo per iPhone, ma anche per iPad, Mac e l’auricolare XR. Tutti utilizzeranno le stesse CPU, la stessa architettura di memoria, gli stessi driver per le GPU, ecc. Questo attirerà un maggior numero di sviluppatori e li incoraggerà a sviluppare di più per l’intero ecosistema, aiutandoli a monetizzare più rapidamente i costi di sviluppo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here