Il miglior spot del weekend del Super Bowl viene da Apple (e non è nel Super Bowl)

0
570
Apple: in arrivo nuova funzionalità per iPhone e Watch

È tempo di celebrare un passatempo per eccellenza che coinvolge uomini, grandi e meno grandi, che si spingono al limite.

No, non sto parlando di un hackathon notturno di Meta. Sto parlando del Super Bowl, l’unico momento dell’anno in cui gli americani esprimono forti opinioni sulle pubblicità – molte delle quali di aziende tecnologiche – e sul ruolo del football come sfondo.

È sempre un momento di dibattito nazionale.

Mentre ci avviciniamo alla grande partita – il mio collega Steven Vaughan-Nichols ha un’ottima guida allo streaming del Super Bowl – un grande dibattito ha ruotato intorno al Vision Pro di Apple e a come potrebbe influenzare la vita umana.

Rivoluzionerà il modo in cui lavoriamo e giochiamo? Aumenterà il senso di solitudine? Apple farà una pubblicità di Vision Pro al Super Bowl? (Beh, Apple Music ci sarà sicuramente, in uno spot con protagonista, bontà sua, Tim Cook).

L’offerta di Microsoft per il grande show di domenica è una visione anthemica per i professionisti. O, piuttosto, per coloro che aspirano a diventarlo.

Con una musica coinvolgente e uno spirito aggressivo, Microsoft presenta ciò che i giovani – oh, sono tutti giovani – saranno in grado di realizzare con il nuovo compagno AI di Microsoft, Copilot.

Tutto ciò è molto persuasivo e commovente, e ricorda stranamente un’altra campagna Microsoft, alla fine stroncata da Bill Gates nel secolo scorso, intitolata “Dove vuoi andare oggi?”.

Posso immaginare che molti sognatori siano rimasti completamente affascinati da questo spot Microsoft, mentre guardavano il Super Bowl e il suo cast di personaggi sovrumani.

Tuttavia, mentre analizzate i meriti della pubblicità del Super Bowl, di Microsoft che alimenta le vostre speranze e di Uber Eats che combatte contro DoorDash, vi prego di dedicare un pensiero a un’altra pubblicità che Apple ha pubblicato appositamente per questo fine settimana.

No, non per il Super Bowl ma per il Capodanno cinese.

Quindici minuti di contemplazione

Si dà il caso che il Capodanno cinese cada il 10 febbraio, il giorno prima che i Chiefs e i 49ers si godano la loro piccola festa della gioia. E credo che lo spot di Apple per il Capodanno cinese abbia più cose da dire di tutti gli spot del Super Bowl messi insieme.

Si tratta della storia di 15 minuti di una bambina di nome Wei che crede di essere imperfetta, ma che improvvisamente scopre di avere dei superpoteri. Può diventare qualcosa di diverso e soprattutto, nella sua mente, qualcuno di diverso.

Inoltre: Tutto su come proteggere la vostra privacy e rimanere al sicuro online

“Se riesco a diventare tutto, sarò la ragazza più popolare del mondo”, dice al nonno. “Piacerei a tutti”.

Non vogliamo tutti piacere a tutti? Non cresciamo forse con questa disperazione radicata nell’anima?

Wei crede di non essere attraente come le modelle delle riviste, eppure, mentre fa i conti con il proprio potere di diventare chiunque le piaccia, conclude improvvisamente: “Voglio stare da sola”.

Quando cresce, lascia il suo villaggio e si dirige verso la grande città. È allora che affronta tutta la forza della tecnologia e, in particolare, dei social media.

Chi è veramente? Come dovrebbe essere? Quando si è su Instagram o TikTok, si può diventare chiunque si voglia, così Wei inizia ad affrontare gli ostacoli della vita usando i suoi superpoteri per diventare qualcun altro, anzi molti altri.

Anche per noi comuni mortali, la tecnologia ci dà un po’ di questo superpotere.

Wei trova il suo cambiamento di forma così divertente che, quando il nonno chiama, non si preoccupa di rispondere.

Il suo mutamento di forma – e la tecnologia che diffonde i suoi nuovi sé – è molto più utile per offrirle viaggi dell’ego. Chi ha bisogno di noiosi viaggi nella memoria?

Quando il nonno viene a trovarla, lei nega di essere chi è veramente. Tuttavia, una volta che lui se n’è andato, inizia finalmente a rendersi conto di ciò che il suo superpotere di trasformazione, unito all’ubiquità dei social media, le ha fatto. Si rende conto di aver perso il contatto con la sua vera identità.

È vero che è Apple, ma è comunque riflessivo

Questo piccolo film – naturalmente tutto girato con un iPhone 15 Pro Max e una troupe stellare – propone l’idea che se non si può essere perfetti, tanto vale essere se stessi, perché è la strada migliore per la felicità.

Alcuni potrebbero trovare eccessivo lo schmaltz in tutto questo. Alcuni potrebbero anche trovarlo dolorosamente datato, in un contrasto banale con l’avventura lungimirante di Microsoft.

Lo spot, tuttavia, è un elegante promemoria del fatto che per tutta l’approvazione che le persone cercano nel mondo digitale – e alcune ricerche suggeriscono che i giovani ne trovano molta di più lì che nel mondo reale – c’è (in definitiva) una gioia più profonda nella semplice accettazione di sé nel mondo reale.

So che questo non è il genere di cose che le pubblicità del Super Bowl vi offriranno spesso. E so anche che Apple ha svolto il suo ruolo nel rendere più facile lasciarsi alle spalle il proprio vero io e scomparire in quel, beh, altro mondo online. Apple Vision Pro offre, forse, il più alto livello di sparizione personale.

È comunque edificante vedere un’azienda tecnologica che riconosce almeno un po’ i disturbi personali che i suoi stessi prodotti contribuiscono a generare.

Non si tratta di una compagnia di birra che vi racconta una barzelletta. Non si tratta di Uber Eats e DoorDash che litigano per vedere quali celebrità vi piacciono di più. Non è Microsoft che vi dice che la sua nuova intelligenza artificiale modificherà il vostro futuro. Non è nemmeno Apple che fa agire il suo CEO.

Ma forse questa pubblicità di Apple farà sentire meglio alcune persone con il loro vero io e non è forse questo che tutte le aziende tecnologiche dovrebbero sforzarsi di fare?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here