Vedere le app di un utente: Google ha posto dei limiti

0
84
Vedere le app

Solo i programmi antivirus, i file manager e simili saranno in grado di vedere altre app sul dispositivo di un utente.

Cosa cambia?

Google ha introdotto una nuova regola che impedirà alla maggior parte delle app di vedere tutte le altre app sul tuo telefono o tablet Android.

Il gigante della tecnologia ha aggiornato la sua Politica del programma per sviluppatori per limitare i tipi di app che possono richiedere l’autorizzazione QUERY_ALL_PACKAGES. Che restituisce l’elenco completo delle app installate su un dispositivo che esegue Android 11 o versioni successive.

La nuova Policy considera vedere le app informazioni personali e sensibili

Secondo la norma aggiornata, Google “considera l’inventario del dispositivo delle app installate interrogate dal dispositivo di un utente come informazioni personali e sensibili“. Pertanto, Google ora concederà a QUERY_ALL_PACKAGES richieste di autorizzazione solo se la funzionalità principale dell’app rivolta agli utenti devono essere in grado di rilevare tutte le app installate. 

Gli esempi includono programmi antivirus, file manager, browser e applicazioni per la ricerca dei dispositivi. Gli sviluppatori, afferma la policy aggiornata, “devono essere in grado di giustificare sufficientemente il motivo per cui un metodo meno intrusivo di visibilità delle app non abiliterà sufficientemente la funzionalità di base dell’utente conforme alle policy della [loro] app”.

Smettere di vedere le app è una modifica per la sicurezza

La nuova politica potrebbe rendere più difficile per i malintenzionati spiare il tuo dispositivo per scopi nefasti o agli inserzionisti per fornirti annunci mirati. Resta da vedere se sarà efficace quanto la modifica della politica implementata da Google nel 2018. Aveva anche lo scopo di reprimere le app Android che abusano delle autorizzazioni. 

Quel particolare aggiornamento della politica ha posto una restrizione su ciò che può accedere ai registri delle chiamate e ai dati SMS. Il gigante della tecnologia ha dichiarato l’anno scorso che è stato così efficace da aver visto un calo del 98% nel numero di applicazioni del Play Store che accedono a tali informazioni. 

La modifica delle norme di Google entrerà in vigore il 5 maggio 2021. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here