Un giudice statunitense blocca il divieto di TikTok del Montana: ‘travalica il potere dello Stato’

0
204
Nuove restrizioni TikTok per gli utenti adolescenti

In un’ingiunzione preliminare di giovedì, il giudice Donald Molloy ha dichiarato che il divieto, primo nel suo genere, viola i diritti di libertà di parola degli utenti

Un giudice statunitense ha bloccato l’entrata in vigore, dal 1° gennaio, del divieto di utilizzo dell’applicazione per la condivisione di brevi video TikTok, introdotto per la prima volta nello Stato del Montana, affermando che tale divieto viola i diritti di libertà di parola degli utenti.

In un’ingiunzione preliminare di giovedì, il giudice distrettuale statunitense Donald Molloy ha dichiarato che la legge “oltrepassa il potere statale e viola i diritti costituzionali degli utenti”.

La decisione segna un’importante vittoria per un’azienda che è stata bersagliata da critiche e proposte di regolamentazione durante la sua fulminea ascesa, compresa la minaccia di un divieto federale che ha preso piede all’inizio di quest’anno. TikTok, di proprietà della società madre cinese ByteDance, non ha commentato immediatamente.

Il Montana è diventato il primo Stato a vietare TikTok a maggio, quando ha approvato una legge che prende di mira i marketplace come Google Play Store e App Store, vietando loro di mettere l’app a disposizione degli utenti e multandoli fino a 10.000 dollari per violazione. Secondo la legge, i singoli utenti non verrebbero sanzionati.

TikTok ha fatto causa al Montana a maggio, poco dopo la firma della legge da parte del governatore Greg Gianforte, sostenendo che la legge violava il diritto di libertà di parola dell’azienda e degli utenti in base al Primo Emendamento. Anche gli utenti di TikTok in Montana hanno intentato causa per bloccare il divieto.

L’ufficio del procuratore generale dello Stato, che ha difeso il divieto approvato dalla legislatura citando le preoccupazioni per i dati personali degli utenti del Montana e il potenziale spionaggio cinese, non ha commentato immediatamente.

TikTok ha dichiarato in un precedente deposito in tribunale che “non ha condiviso e non condividerà i dati degli utenti statunitensi con il governo cinese e ha adottato misure sostanziali per proteggere la privacy e la sicurezza degli utenti di TikTok”.

Molloy, nominato da Bill Clinton, nel suo parere di 48 pagine ha ritenuto fondate numerose argomentazioni sollevate da TikTok, tra cui il fatto che la legge causerebbe un danno irreparabile all’azienda e che TikTok dispone di una serie di misure di salvaguardia per i dati degli utenti.

“Sebbene possa esistere un interesse pubblico a proteggere i consumatori del Montana, lo Stato non ha dimostrato in che modo questa legge di TikTok lo faccia”.

Durante un’udienza di ottobre, Molloy si è chiesto perché nessun altro Stato avesse seguito il Montana nel vietare TikTok e ha chiesto se lo Stato fosse “paternalista” nel sostenere che il divieto fosse necessario per proteggere i dati degli utenti di TikTok.

Il parere afferma che, secondo le stime, circa 150 milioni di persone negli Stati Uniti accedono a TikTok ogni mese, tra cui oltre 380.000 persone in Montana. L’ingiunzione del giudice fermerà il divieto del Montana in attesa di ulteriori azioni da parte del tribunale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here