Elon Musk metterà all’asta le insegne di Twitter e altri cimeli

0
215
Twitter

Il multimiliardario Elon Musk metterà all’asta le insegne degli edifici di Twitter e altri oggetti dell’azienda, a poche settimane dal cambio di nome della società in X.

Tra i 584 lotti in offerta ci sono tavolini da caffè, gabbie per uccelli fuori misura e dipinti a olio di immagini diventate virali.

Sono stati messi all’asta anche decine di scrivanie e sedie, una cabina per DJ e strumenti musicali sufficienti per equipaggiare una band.

Da quando ha acquistato la piattaforma di social media l’anno scorso, Musk ha tagliato migliaia di posti di lavoro nel tentativo di ridurre i costi.

L’asta è stata chiamata “Twitter Rebranding: Asta online con cimeli, arte, beni d’ufficio e altro ancora!”.

Una delle insegne di Twitter in offerta è ancora fissata alla sede della società sulla 10th Street a San Francisco.

“L’uccello è ancora montato sul lato dell’edificio. L’acquirente è responsabile dell’assunzione di una società autorizzata a SF con i permessi appropriati”, si legge nell’annuncio.

Il mese scorso, un tentativo di rimuovere un’altra insegna di Twitter è stato temporaneamente bloccato dalle autorità di San Francisco.

Saranno messi all’asta anche due dipinti a olio di fotografie diventate virali su Twitter.

Il primo è il selfie di Ellen Degeneres scattato in occasione degli Oscar 2014.

L’altro è l’immagine che l’allora presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha twittato quando è stato rieletto nel novembre 2012. All’epoca fu il tweet più apprezzato della piattaforma.

L’asta comprende anche attrezzature musicali che vanno dalle chitarre alle batterie e agli amplificatori, oltre a una cabina per DJ con controller, mixer e altoparlanti.

L’offerta minima per ogni lotto è di 25 dollari (19,70 sterline), secondo la casa d’aste Heritage Global Partners.

Le offerte inizieranno il 12 settembre e termineranno due giorni dopo.

L’asta arriva dopo che Musk ha tagliato i costi di Twitter in seguito all’acquisto dell’azienda per 44 miliardi di dollari.

Da quando ha acquistato Twitter, ha effettuato importanti tagli di posti di lavoro, tra cui l’eliminazione dei lavoratori che seguivano gli abusi sulla piattaforma. L’azienda ha anche cambiato le modalità di verifica degli account.

All’inizio dell’anno, Twitter ha organizzato un’asta di centinaia di oggetti provenienti dalla sua sede di San Francisco.

Una statua del suo famoso logo a forma di uccello ha attirato l’offerta più alta, venduta per 100.000 dollari.

Il mese scorso, l’azienda ha eliminato il logo dell’uccello blu dal suo marchio e lo ha sostituito con una X in bianco e nero.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here