Sakamoto: Metroid Dread non è la “fine definitiva”

0
449

Nella stessa intervista con CNET, dove il produttore di Metroid Dread Yoshio Sakamoto ha parlato di come gli piacerebbe vedere un film di Metroid diventare una “realtà”, ha anche discusso il futuro della serie in generale. Dread segna la fine dell’arco di cinque storie di Metroid iniziato originariamente su NES nel 1986, quindi cosa ci aspetta ora che questo capitolo è completo? Sakamoto ha usato questa opportunità per ribadire e rassicurare i fan che Samus non sta dicendo addio.

Finchè lei esiste le sue avventure in Metroid continueranno

In poche parole, finché lei “esiste” – questa non è la sua “fine definitiva” e le sue avventure continueranno. Dread è una chiusura? “Finché il personaggio di Samus esiste, penso che la sua avventura continuerà. Sento che Samus dovrebbe continuare la sua avventura, ed è qualcosa in cui dovremmo davvero impegnarci al massimo. Metroid Dread conclude l’arco di cinque storie che va avanti da 35 anni. Tuttavia, sento che non è la fine definitiva. Ci dovrebbe essere qualcosa che sia in grado di continuare il franchise e l’universo. Quindi sì, finché il personaggio di Samus è amato, vorrei fare quello che devo fare“. Questa non è la prima volta che Sakamoto ha parlato del fatto che Dread non segna la fine di Metroid. Già a giugno, durante un’intervista con Famitsu, aveva accennato a come i fan potessero aspettarsi “episodi futuri” una volta concluso l’attuale arco narrativo. Anche se non è direttamente collegato, la prossima avventura di Samus è Metroid Prime 4 – un titolo sviluppato da Retro Studios e supervisionato dal produttore Kensuke Tanabe. Anche se non è chiaro quando questo particolare gioco uscirà, probabilmente solleverà ancora più domande sul futuro di Samus. Forse la serie potrebbe prendere una direzione completamente nuova oltre a questa…

Metroid Dread online prima del lancio di questa settimana

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here