Razer BlackShark V2 Pro (2023) contro Logitech Pro X 2 Lightspeed: battaglia per la fascia media

0
430


La scelta tra due cuffie da gioco di qualità come le Razer BlackShark V2 Pro (2023) e le Logitech Pro X 2 Lightspeed si riduce a capire cosa è più importante per voi. Che si tratti di vestibilità, firma sonora o caratteristiche, c’è quasi sempre un vincitore, anche quando le differenze sono minime.

Considerando che queste due cuffie si equivalgono in molte aree, la scelta non è così semplice, poiché sono entrambe tra le migliori cuffie da gioco disponibili al momento. Infatti, sono abbastanza buone da gestire più dell’audio di gioco e sono in grado di coprire lo stesso territorio, cioè l’ascolto della musica, delle migliori cuffie.

Poiché sono entrambe un po’ costose, la maggior parte delle persone non potrà averle entrambe. Quindi, per aiutarvi a capire quale sia la migliore cuffia da gioco wireless per voi, confronteremo le Razer BlackShark V2 Pro (2023) e le Logitech Pro X 2 Lightspeed sotto diversi aspetti per vedere se una delle due è oggettivamente migliore e dove potrebbe funzionare meglio per le vostre esigenze.

Razer BlackShark V2 Pro (2023)



Le Razer BlackShark V2 Pro (2023) riprendono il modello 2020 e lo perfezionano per ottenere una cuffia da gioco quasi perfetta. Non solo il suono è ottimo, ad eccezione di una fascia bassa un po’ debole, ma è dotata di una vestibilità confortevole e di un microfono straordinariamente chiaro. Naturalmente, non si tratta delle cuffie più economiche in circolazione, anche se sono disponibili anche opzioni più costose.

Pro
Suono dettagliato e coinvolgente
Potente equalizzatore
Microfono incredibile
Ottima durata della batteria
Leggero e confortevole


Contro
Parte bassa un po’ debole
Non è economico
Logitech Pro X 2 Lightspeed

Logitech Pro X 2 Lightspeed


Sebbene il Logitech Pro X 2 Lightspeed abbia dei problemi quando si utilizza l’audio surround in alcuni giochi, per il resto riesce a fare quasi tutto alla perfezione. Il suono è dettagliato e coinvolgente, mentre l’adattamento è altrettanto impressionante. Come molti altri prodotti Logitech, l’applicazione è molto ricca di funzioni e consente di regolare non solo l’audio ma anche il microfono a proprio piacimento.

Pro
Audio incredibilmente dettagliato
Palcoscenico ampio e coinvolgente
DTS Super Stereo
Leggere e confortevoli
Applicazione ricca di funzioni


Contro
Perde un po’ di spazio in testa
Non è economico
Solo cinque bande di equalizzazione

Razer BlackShark V2 Pro (2023) vs Logitech Pro X 2 Lightspeed: Caratteristiche


Per quanto riguarda le caratteristiche, il Razer BlackShark V2 Pro (2023) e il Logitech Pro X 2 Lightspeed sembrano avere caratteristiche diverse. Entrambi sono ricchi di funzioni e supportati da numerose app, ma le caratteristiche del Razer BlackShark V2 Pro (2023) sono focalizzate sul supporto ai giocatori competitivi, mentre quelle del Logitech Pro X 2 Lightspeed cercano di creare un’esperienza più coinvolgente.

Il Razer BlackShark V2 Pro (2023), ad esempio, potrebbe supportare l’audio spaziale (THX Spatial Audio, in particolare), ma non è una priorità per queste cuffie. Invece, sono dotate di una serie di profili di equalizzazione specifici per i giochi FPS, messi a punto con l’aiuto di giocatori professionisti, e di profili di equalizzazione più generali, accessibili al volo tramite un pulsante fisico sulle cuffie stesse.

Inoltre, Razer ha incluso un microfono ad asta incredibilmente chiaro, con una frequenza di campionamento di 32 kHz sorprendentemente alta e sufficientemente buono da far sì che molto probabilmente non vi sentirete mai costretti a investire nel miglior microfono USB. Inoltre, attraverso l’app Razer Synapse è possibile effettuare numerose elaborazioni per isolare o regolare la voce, compreso un equalizzatore a 10 bande.

Il Logitech Pro X 2 Lightspeed, invece, è meno focalizzato sugli Esports. Il suo microfono non è altrettanto nitido, anche se fa un buon lavoro per ridurre al minimo il rumore ambientale. Inoltre, l’app G Hub offre una quantità ridicola di regolazioni, anche se una buona parte delle funzioni relative al microfono sono effetti divertenti, più stravaganti che utili.

Il punto di forza delle cuffie Logitech è invece l’applicazione malleabile dell’audio spaziale DTS. Non solo è possibile impostare i giochi in modo che carichino un profilo audio specifico all’avvio, ma alcuni di essi, come Cyberpunk 2077, hanno un proprio profilo ambientale sintonizzato, alias audio spaziale. Inoltre, c’è una modalità Super Stereo che fa un lavoro fantastico per aggiungere un po’ di quell’immersione che l’audio spaziale offre pur mantenendo un’immagine stereo, una funzione che funziona sorprendentemente bene con la musica.

Razer BlackShark V2 Pro (2023) vs Logitech Pro X 2 Lightspeed: Prestazioni

Entrambe le cuffie messe a confronto suonano molto bene, con palcoscenici ampi e il tipo di immagine accurata di cui si ha bisogno quando si gioca. Tuttavia, il loro suono è abbastanza diverso da far preferire l’una all’altra, probabilmente perché la Razer BlackShark V2 Pro (2023) monta driver in titanio da 50 mm, mentre la Logitech Pro X 2 Lightspeed da 50 mm ha driver in grafene.

Il Razer BlackShark V2 Pro (2023) è il più luminoso dei due, con una gamma alta dettagliata che si desidera quando si gioca con gli FPS. Il suo mid-range è bello e pieno, quindi, anche se è più luminoso, non ha un suono sottile. La gamma bassa è probabilmente il punto debole, poiché è un po’ anemica con le impostazioni predefinite. Sebbene sia possibile equalizzare i bassi, sarebbe stato gradito un livello inferiore più equilibrato.

Le Logitech Pro X 2 Lightspeed, invece, hanno un suono più rilassato. È interessante notare che, pur essendo più calde, riescono a mantenere tutti i dettagli della gamma alta. La gamma media è ricca senza risultare fangosa – un problema sempre presente nelle cuffie dal suono più caldo. La gamma bassa è molto più intensa rispetto alle cuffie Razer, ma riesce ad avere un suono forte senza sovrastare il resto della gamma di frequenze. Se c’è un problema con la qualità del suono delle Logitech, è quando si attiva il suono surround. Enfatizza così tanto la gamma media che diventa eccessiva, richiedendo alcune regolazioni dell’equalizzazione quando si utilizza l’audio spaziale.

Razer BlackShark V2 Pro (2023) vs Logitech Pro X 2 Lightspeed: Design

Qualunque sia il set di funzioni o la firma sonora che preferite, vi ritroverete con delle cuffie confortevoli. Entrambe le opzioni sono sufficientemente ma non straordinariamente leggere: le Razer BlackShark V2 Pro (2023) pesano 320 grammi, mentre le Logitech Pro X 2 Lightspeed si attestano sui 345 grammi. Inoltre, sono dotate della giusta quantità di forza di serraggio per rimanere in posizione in modo sicuro senza la possibilità di provocare un mal di testa da pressione.

Per quanto riguarda l’aspetto, entrambe le cuffie puntano a un design elegante, semplice e attraente, che probabilmente invecchierà meglio di molte altre cuffie da gioco. Le Razer mantengono l’aspetto classico che i modelli Blackshark sfoggiano da tempo, assomigliando in qualche modo alle cuffie utilizzate dai piloti. Anche Logitech rimane fedele alla sua linea di cuffie Pro, caratterizzate da padiglioni arrotondati con uno schermo circolare lucido che contrasta piacevolmente con la finitura opaca del resto delle cuffie. Entrambe sono disponibili solo nei colori bianco e nero (Razer ha anche una “Six Siege Special Edition” al momento in cui scriviamo).

Razer BlackShark V2 Pro (2023) vs Logitech Pro X 2 Lightspeed: Durata della batteria
Se c’è un’area in cui c’è un chiaro e indiscusso vincitore, è la durata della batteria. Il Razer BlackShark V2 Pro (2023) offre ben 70 ore di utilizzo con una sola carica. Si tratta di un grande miglioramento rispetto alla versione 2020 di queste cuffie, che ne offriva solo 24. Inoltre, se in qualche modo si riesce a scaricare completamente la batteria prima di ricaricarla, una ricarica rapida di 15 minuti offre altre sei ore di utilizzo.

D’altra parte, le Logitech Pro X 2 Lightspeed offrono un’ottima autonomia di 50 ore con una singola carica, che purtroppo non è all’altezza delle cuffie Razer. Inoltre, non sembra offrire alcuna capacità di ricarica rapida o veloce. Naturalmente, le capacità delle cuffie Logitech sono più che sufficienti per la maggior parte dei giocatori, soprattutto se non si prevede di utilizzarle al di fuori del proprio impianto di gioco e se si possono collegare di tanto in tanto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here