Musk prevede che la “superintelligenza digitale” esisterà tra 5-6 anni

0
279
Neuralink: in arrivo il chip per il cervello

Elon Musk ha dichiarato di ritenere che la “superintelligenza digitale” esisterà nei prossimi cinque o sei anni, durante una conversazione con i rappresentanti Mike Gallagher (R-Wis.) e Ro Khanna (D-Calif.) ospitata su Twitter Spaces mercoledì.

“Penso che ci vorranno cinque o sei anni”, ha detto il proprietario di Twitter e CEO di SpaceX e Tesla durante la conversazione sull’intelligenza artificiale.

“La definizione di superintelligenza digitale è che sia più intelligente di qualsiasi essere umano, in qualsiasi cosa”, ha aggiunto, spiegando che “non è necessariamente più intelligente della somma di tutti gli esseri umani – questo è un limite più alto”.

L’evento, ha detto Khanna, è stato il prodotto di una conversazione separata avuta con Musk e Gallagher circa un mese prima, quando “abbiamo tutti pensato che sarebbe stato importante avere una conversazione riflessiva e impegnata in un modo in cui le persone potessero partecipare, senza la teatralità delle udienze del Congresso in cui le persone cercano solo di ottenere punti. Speriamo che questo accada oggi”.

La conversazione è avvenuta poche ore dopo che Musk ha annunciato la formazione della sua nuova società di intelligenza artificiale, xAI, che mira a “comprendere la vera natura dell’universo”, secondo il suo sito web. Nella conversazione Musk ha riconosciuto che “xAI è appena agli inizi, quindi… ci vorrà un po’ di tempo prima che sia rilevante su scala” di alcune delle principali aziende di intelligenza artificiale.

Nel corso della conversazione, il trio ha discusso dei pericoli e dei potenziali benefici dell’IA e tutti e tre hanno concordato sulla necessità di una sorta di quadro normativo, pur divergendo sui dettagli.

Khanna ha suggerito un’agenzia di regolamentazione come la Food and Drug Administration (FDA) statunitense, i cui funzionari “sanno davvero di cosa stanno parlando”. Khanna ha affermato di ritenere che la FDA non solo abbia garantito la sicurezza dei farmaci, ma anche gli elevati standard a cui gli Stati Uniti tengono i propri farmaci.


Gallagher non è d’accordo, esprimendo la preoccupazione che l’agenzia non riesca a tenere il passo con il rapido cambiamento della tecnologia. Ha suggerito che la supervisione dei regolamenti sull’IA richiede “un processo normativo più dinamico con una tecnologia come questa, in cui il ritmo del cambiamento è così rapido”.

“Anche se quest’anno approvassimo una legge sensata sull’IA, che raggiungesse l’equilibrio… tra le barriere di sorveglianza, ma anche la necessità di innovare, potrebbe essere superata molto rapidamente. Quindi, trovare un modello normativo dinamico senza soffocare l’innovazione, credo sia il dilemma principale”, ha aggiunto Gallagher.

Anche Musk ha espresso il desiderio di una sorta di supervisione per l’IA “proprio come abbiamo una regolamentazione per la tecnologia nucleare. Non si può creare una diga nucleare e tutti pensano che sia una figata – noi non pensiamo che sia una figata. Quindi, c’è un sacco di regolamentazione per le cose che riteniamo pericolose”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here