Il produttore di Fortnite vince la causa legale contro Google per le barriere nell’app store

0
182
Fortnite festival
Fortnite: il festival dei cortometraggi animati

Epic Games ha vinto il suo processo antitrust di alto profilo contro Google. L’azienda sosteneva che l’app store Play operasse come un monopolio illegale. Google ha dichiarato che ricorrerà in appello.

L’azienda che sta dietro al popolare gioco di tiro Fortnite ha vinto un processo antitrust contro Google dopo aver accusato il gigante tecnologico di pratiche anticoncorrenziali.

Epic Games ha sostenuto che Google ha abusato del suo potere di proteggere il suo play store – da cui gli utenti scaricano le app – dalla concorrenza per proteggere un sistema che frutta miliardi di dollari ogni anno.

La causa, depositata nel 2020, contesta anche la commissione fino al 30% che Google impone agli sviluppatori per le vendite in-app.

La giuria ha emesso un verdetto unanime dopo sole tre ore di deliberazione al termine di un processo durato quattro settimane.

“Vittoria su Google! Dopo quattro settimane di dettagliate testimonianze in tribunale, la giuria californiana si è pronunciata contro il monopolio di Google Play su tutti i fronti”, ha dichiarato Tim Sweeney, amministratore delegato di Epic.

Proprio come Apple per il suo negozio di applicazioni per iPhone, Google applica una commissione che varia dal 15 al 30% sulle transazioni digitali all’interno delle applicazioni.

Apple ha vinto un’analoga causa intentata da Epic contro il negozio di app per iPhone in un processo del 2021, deciso da un giudice federale con una sentenza che è in appello presso la Corte Suprema degli Stati Uniti.

Il capo di Epic Tim Sweeney, la cui azienda è dietro Fortnite, ha portato Apple e Google in tribunale negli ultimi anni.
Tim Sweeney: Chi è il boss del gioco che ha portato Epic in tribunale contro Apple e Google?

I genitori i cui figli hanno fatto acquisti su Fortnite a loro insaputa potrebbero presto ottenere un rimborso

Un giudice statunitense è giunto a una conclusione della causa legale

Un tribunale statunitense stabilisce che Apple deve alleggerire le regole sugli acquisti in-app dopo la causa intentata da Epic Games

Ma la giuria di nove persone che si è occupata del caso del Play Store è giunta a una conclusione diversa, anche se Google tecnicamente consente di scaricare le app Android da altri store, un’opzione non disponibile per l’iPhone.

“Il processo ha messo in luce ciò che Google ha fatto per ostacolare la concorrenza”, ha dichiarato ai giurati l’avvocato di Epic, Gary Bornstein.

Ha aggiunto che Google “blocca sistematicamente” altri negozi di app sul Play Store dell’azienda.

Poco prima dell’inizio del processo, Google ha cercato di evitare la giuria, ma ora spetterà al giudice distrettuale statunitense James Donato decidere quali misure Google dovrà adottare per porre fine al suo comportamento illegale.

Il giudice ha dichiarato che terrà delle udienze sulla questione nella seconda settimana di gennaio.

Non è il comportamento di un monopolista

Google ha negato di aver commesso illeciti e ha sostenuto di competere “intensamente sul prezzo, sulla qualità e sulla sicurezza” contro l’app store di Apple.

L’avvocato di Google, Jonathan Kravis, ha dichiarato ai giurati che Google “non vuole perdere 60 milioni di utenti Android a favore di Apple ogni anno”.

Ha detto che Google ha abbassato la sua struttura tariffaria per competere con Apple. “Questo non è il comportamento di un monopolista”, ha aggiunto.

Google ha dichiarato che farà ricorso.

“Continueremo a difendere il modello di business di Android e resteremo profondamente impegnati nei confronti dei nostri utenti, dei nostri partner e del più ampio ecosistema Android”, ha dichiarato Wilson White, vicepresidente degli affari governativi e delle politiche pubbliche di Google.

Prima dell’inizio del processo, Google ha patteggiato con il produttore di app per incontri Match.

Il gigante tecnologico ha inoltre patteggiato le richieste di risarcimento antitrust da parte di Stati e consumatori statunitensi in base a condizioni non ancora rese pubbliche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here