I migliori altoparlanti con assistente Google per la casa

0
317
Alexa


Ci sono diversi assistenti vocali impegnati in un braccio di ferro per il controllo degli altoparlanti intelligenti di casa: Alexa di Amazon, Assistant di Google e Siri di Apple. Noi preferiamo Google. Il suo Assistente risponde alle domande in modo più accurato, ha un processo di configurazione più semplice e si collega a un numero crescente di dispositivi per la casa intelligente. Tutti i dispositivi qui sotto hanno l’Assistente Google integrato, quindi potete chiedergli qualsiasi cosa cerchiate su Google o chiedergli di controllare prodotti per la casa intelligente come aspirapolvere robot, spine intelligenti, luci e TV.

Non dimenticate di consultare la nostra guida su come mantenere il più possibile la vostra privacy pur godendo dei lussi degli assistenti intelligenti. Abbiamo anche molte altre guide all’acquisto, tra cui i Migliori display intelligenti, i Migliori altoparlanti intelligenti e i Migliori altoparlanti Alexa.


Il migliore per le basi


Google Nest Mini (seconda generazione)


Il Nest Mini di seconda generazione (7/10, recensione WIRED) è il successore dell’originale Google Home Mini, anche se è difficile trovare cambiamenti visivi. La qualità dell’audio è migliorata, in particolare i bassi sono più forti e il riconoscimento vocale è migliorato, inoltre il dispositivo può essere montato a parete per risparmiare spazio sulla credenza. I controlli del volume si illuminano quando ci si avvicina al Mini e, cosa forse migliore di tutte, il diffusore è realizzato con materiali sostenibili: Il tessuto intorno alla parte superiore è composto al 100% da bottiglie di plastica riciclate e l’involucro esterno è realizzato con circa il 35% di plastica riciclata post-consumo.

Se state cercando il modo più economico per rendere più intelligente la vostra casa, il Nest Mini è il punto di partenza. Ma se avete intenzione di ascoltare molta musica in streaming, non è l’opzione che vi consigliamo, perché il Nest Mini non è troppo rumoroso. È un po’ più grande di un disco da hockey.


Il miglior rapporto qualità/prezzo


Google Nest Audio


Il Nest Audio è impressionante per il suo prezzo (8/10, WIRED raccomanda). Questo altoparlante di medie dimensioni sostituisce il Google Home del 2016 e lo migliora con un suono più forte e bassi più profondi. Non occupa comunque troppo spazio e il suo design discreto gli permette di integrarsi nella casa. Il lungo cavo di alimentazione contribuisce a renderlo facilmente collocabile ovunque. E soprattutto, se ne accoppiate due, Parker Hall, recensore di WIRED, afferma che otterrete uno dei migliori suoni stereo a prezzi contenuti. C’è un interruttore fisico per spegnere il microfono.


Il migliore per il suono


Sonos One (Gen 2)


Il Sonos One di seconda generazione è un’ottima opzione per chi desidera una qualità audio eccellente ma non vuole spendere diverse centinaia di dollari in altoparlanti. I controlli touch capacitivi sulla parte superiore includono un interruttore mute per garantire la privacy. Inoltre, quando viene attivato l’Assistente Google, emette sempre un tono piacevole, in modo da sapere quando è in ascolto. È possibile accoppiare un altro Sonos One per ottenere un suono stereo multiroom e, se in casa sono presenti altri diffusori Sonos, come le soundbar dell’azienda, è in grado di connettersi senza problemi. Il Sonos Move (8/10, consigliato da WIRED) è un buon upgrade di Sonos (ed è portatile!), ma costa il doppio.

Sonos ha anche i nuovi altoparlanti Era, che però non supportano Google Assistant per il controllo vocale. È comunque possibile controllare i modelli Era con un altoparlante Google separato (come quelli di questa guida), ma non è facile come usare il Sonos One. Per saperne di più, consultate la nostra guida sui migliori altoparlanti Sonos.


La migliore soundbar


Sonos Arc Soundbar


Il Sonos One ha un ottimo suono, ma se rientra nel vostro budget, scegliete la Soundbar Arc (9/10 WIRED raccomanda) e migliorerete la qualità del suono. Ha il supporto vocale integrato per Google Assistant (oltre ad Alexa e Siri). I quattro microfoni a grande distanza sono in grado di captare la voce attraverso il televisore, in modo da poter dire di mettere in pausa o abbassare il volume. Non è l’unica soundbar con funzionalità di assistenza vocale, ma l’Arc ha un suono davvero eccellente con il supporto Dolby Atmos e riceverà aggiornamenti probabilmente per il prossimo decennio. L’unico aspetto negativo è il prezzo.

La Sonos Beam (8/10, WIRED raccomanda) è un’opzione più piccola con un suono eccellente alla metà del prezzo. Per ulteriori consigli, leggete la nostra guida alle migliori soundbar.


Miglior display intelligente


Google Nest Hub Max


Gli altoparlanti con assistente si limitano all’audio, per questo i display intelligenti hanno un vantaggio. La qualità dell’audio è simile e in più c’è uno schermo su cui vedere le previsioni del tempo, anziché ascoltarle. Il Nest Hub Max da 10 pollici di Google (8/10, WIRED raccomanda) è abbastanza grande da poter essere usato come schermo per guardare programmi o video di YouTube mentre si lavano i piatti (anche se Amazon Prime Video non è disponibile). Quando non è in uso, lo schermo funge da cornice digitale per le foto, riproducendo le immagini da Google Photos.

Il Nest Hub Max non ha un aspetto troppo tecnologico, ha una buona qualità audio ed è dotato di una videocamera, in modo da poter effettuare videochiamate di gruppo con il servizio di videochiamata di Google, Meet. La videocamera è in grado di identificare le persone che fanno parte del nucleo familiare, per cui quando ci si mette di fronte ad essa, viene visualizzato un calendario personalizzato. È anche in grado di riconoscere il palmo della mano, quindi basta sollevarlo per mettere in pausa la musica o i video senza dover dire nulla. La cosa migliore è che sul retro c’è un interruttore fisico che disattiva il microfono e la fotocamera. Se il formato da 10 pollici è troppo grande, il Nest Hub da 7 pollici (2a generazione) (7/10, WIRED raccomanda) è una buona opzione. È un po’ troppo piccolo per i nostri gusti, ma la mancanza di una telecamera lo rende un apparecchio più adatto alla privacy per le aree più riservate della casa. Ha anche funzioni di monitoraggio del sonno se lo si usa su un comodino.


Una combinazione di display e tablet intelligente


Tablet Google Pixel


Il Google Pixel Tablet (7/10, WIRED raccomanda) può trasformarsi in un display intelligente quando viene posizionato sul dock per altoparlanti incluso. In questa modalità hub, è possibile accedere a tutti i controlli della casa intelligente direttamente dalla schermata di blocco – persino visualizzare i feed delle telecamere di sicurezza – e i microfoni fanno un ottimo lavoro nel captare i comandi “Hey Google” dall’altra parte della stanza. Il dock altoparlante ha un suono sorprendentemente decente per le sue dimensioni ridotte.

Come tablet, lo schermo LCD da 11 pollici è ottimo per guardare film e spettacoli, inoltre è possibile eseguire il casting di contenuti dal telefono o dal laptop. Abbinandolo a una tastiera Bluetooth, è possibile svolgere anche lavori leggeri. Android ha apportato molti miglioramenti che rendono il multitasking molto più semplice su schermi più grandi, con un maggior numero di app ottimizzate per i tablet. La cosa migliore è che il Pixel Tablet supporta fino a otto utenti e ogni persona della famiglia può configurare lo slate nel modo che preferisce. Basta scegliere il proprio profilo, protetto dal sensore di impronte digitali.


Un’alternativa portatile


Diffusore domestico portatile Bose


Il diffusore portatile per la casa di Bose è destinato a chi desidera un diffusore da portare ovunque che dia priorità alla qualità del suono. I diffusori a 360 gradi diffondono il suono in tutte le direzioni e la risposta dei bassi è solida. La maniglia integrata lo rende facile da trasportare e la batteria dura più di 10 ore con una carica. Si collega alla rete Wi-Fi, che consente di parlare con l’Assistente Google, ma se si esce di casa è possibile collegarlo via Bluetooth attraverso il telefono per ascoltare la musica in streaming. È uno dei diffusori portatili più belli del nostro elenco.

I controlli del dispositivo si trovano nella parte superiore e c’è un interruttore Mute per la privacy. Ha solo un grado di protezione IPX4, che lo rende resistente agli schizzi ma non completamente impermeabile. Questo lo rende adatto al bagno se si vuole suonare sotto la doccia, ma non è il diffusore da portare in spiaggia. È anche piuttosto costoso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here