Facebook ha aggiornato il suo programma Protect

0
204
Facebook ha aggiornato il suo programma Protect

Facebook ha annunciato che ha aggiornato il suo programma Protect. Lo scopo di Protect è aiutare gli account più sensibili, possibili vittime di hacker, ad abilitare forme avanzate di protezione, come la doppia autenticazione.

Facebook ha aggiornato il programma Protect?

Per migliorare la sicurezza dei suoi iscritti Facebook ha aggiornato il suo programma Protect, progettato per fornire funzionalità di sicurezza aggiuntive ad attivisti per i diritti umani, politici, giornalisti e altri utenti a rischio. Facebook ha annunciato che inizierà a richiedere agli utenti che fanno parte del programma di attivare l’autenticazione a due fattori. Il sito Web inizierà a implementare la nuova regola nei prossimi mesi in tutto il mondo. Per gli utenti negli Stati Uniti, il requisito entrerà in vigore tra la metà e la fine di febbraio. 

Facebook ha spiegato che ha lavorato per rendere l’iscrizione e l’uso di due fattori sul suo sito Web “il più semplice possibile per questi gruppi di persone fornendo una migliore esperienza utente e supporto“. Ha ammesso che potrebbe volerci del tempo prima che tutti gli utenti siano in grado di conformarsi alla nuova regola, dal momento che non tutti utilizzano attivamente la sua piattaforma. Ma Facebook e la sua società madre sembrano essere soddisfatti di ciò che hanno visto nei primi test.

Protect testato per la prima volta nel 2018

Facebook ha testato per la prima volta Protect nel 2018 offrendolo ai politici americani prima delle elezioni statunitensi del 2020. Ha ampliato l’ambito del programma e lo ha aperto a più utenti in seguito.  Lo scopo di Protect è aiutare gli account più sensibili, possibili vittime di hacker, ad abilitare forme avanzate di protezione, come la doppia autenticazione. Questa richiede l’immissione di un codice temporaneo ricevuto su un’app oppure via sms su un numero certificato, da inserire in fase di accesso assieme alla propria password. Protect fornisce anche protezioni di sicurezza aggiuntive per gli account e le Pagine, tra cui il monitoraggio contro minacce potenziali di hackeraggio.


Leggi anche: Meta: divieto alle pubblicità su “temi sensibili”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here