Cyberpunk-2077: il ritorno del gioco regale Deus Ex

0
902
Cyberpunk 2077

Il lancio di Cyberpunk-2077 ha trovato diversi problemi. Primo fra tutti il funzionamento non sempre regolare. Secondo i problemi che derivati dal mancato allertamento dei giocatori sui potenziali fattori scatenanti dell’epilessia poi rapidamente risolti. Per finire con una versione per PS4 così debole che Sony ha deciso di rimuoverla subito dalla vendita. Non c’è dubbio che troppi giocatori non siano contenti di Cyberpunk, ma dove c’è insoddisfazione ci possono essere anche buone opportunità.

Cyberpunk-2077: avrà un futuro roseo?

Nel 2013, EA ha lanciato il suo riavvio di SimCity, che ha avuto diverse idee sorprendenti fatte sciaguratamente naufragare da una manciata di terribili decisioni di progettazione. Due anni dopo Colossal Order ha pubblicato Cities Skylines. Prendendo il modello di SimCity, evitando le trappole del suo predecessore e risolvendo i problemi il risultato è stato senza dubbio il miglior costruttore di città mai realizzato.

Penso che ci sia un’opportunità simile per un designer astuto di fare lo stesso con Cyberpunk e questa volta c’è già una serie perfetta in attesa dietro le quinte, cioè Deus Ex. Attualmente pubblicata da Square Enix, la serie Deus Ex è stata interrotta dal 2016, dopo che Mankind Divided (per lo più buono) non è riuscito a soddisfare le aspettative di vendita. Ma l’enorme attenzione e il successo commerciale che Cyberpunk-2077 ha raccolto, insieme ai suoi problemi altrettanto significativi ha aperto una finestra per il ritorno della serie.

In cosa consiste il gioco Cyberpunk?

Sarebbe davvero originale che le cose tornassero al punto di partenza. Deus Ex è servito essenzialmente come modello per il nucleo di Cyberpunk-2077 vantando la stessa miscela di combattimento, furtività e hacking. Condivide anche molti temi, come la modifica del corpo e le cospirazioni aziendali. A tutti gli effetti Deus Ex è un gioco cyberpunk. Ma non è mai stato davvero commercializzato su questa premessa. Quando l’originale Deus Ex è stato lanciato, l’attenzione era tutta sulla sua struttura e sui suoi sistemi innovativi. Quando Square Enix ha riavviato la serie nel 2011, questo ha continuato ad essere il suo fascino. 

Questo non vuol dire che un nuovo Deus Ex debba vendersi come Cyberpunk-2077: la campagna di marketing odiosa e provocatoria è stata una delle cose peggiori al riguardo. Ma si potrebbe commercializzare Deus Ex come un cyberpunk-di-lotta. Potrebbe sembrare arrogante, ma per molti versi i giochi Deus Ex esistenti sono già esattamente questo.

La superiorità di Deus Ex è particolarmente evidente quando si parla di gioco di ruolo. Mettendo da parte i bug e le questioni tecniche il problema più grande di Cyberpunk è che i suoi sistemi di gioco di ruolo sono implementati male o semplicemente non funzionano affatto. La progressione del personaggio è qualcosa con cui CD Projekt Red ha lottato nel corso della sua storia. Anche in Witcher 3 il sistema di aggiornamento è una delle parti più deboli del gioco. Semplicemente conta meno nel capolavoro di CDPR, perché non si basa sui suoi sistemi per portare avanti l’esperienza.

Quali sono le differenze tra Cyberpunk e Deus Ex?

Cyberpunk-2077 in confronto è molto più guidato dai sistemi, quindi i suoi difetti meccanici sono molto più evidenti. I vantaggi sembrano impressionanti quando sono tutti disposti di fronte a te, ma quasi tutti gli aggiornamenti sono limitati a guadagni percentuali basati su statistiche astratte come precisione e danno. Nell’albero della furtività, l’aggiornamento più eccitante è la possibilità di lanciare un coltello. Gli aggiornamenti del cyberware sono altrettanto deludenti. Particolarmente deludenti sono i Mantis Blades, che sono stati il ​​primo film di Cyberpunk CD Projekt mai rivelato. Sebbene abbiano un bell’aspetto, in pratica non alterano affatto il combattimento corpo a corpo di base. Gli scalpelli da braccio di Adam Jensen sono molto più divertenti da usare e sono limitati a una sequenza di animazioni predefinite.

“Essere in grado di vedere i nemici attraverso i muri, sollevare tre volte il proprio peso corporeo o correre completamente in silenzio è stato rivoluzionario”.

I miglioramenti di Deus Ex d’altra parte riguardano tutte le scelte chiave che alterano drasticamente le capacità del tuo personaggio. Le idee del gioco originale potrebbero non sembrare nuove ora ma vent’anni fa essere in grado di vedere i nemici attraverso i muri, sollevare tre volte il proprio peso corporeo o correre completamente in silenzio era rivoluzionario. I prequel di Square Enix nel frattempo, ti permettono di perforare i muri, mascherarti per nasconderti dai nemici e lanciare un’esplosione di cuscinetti a sfera dal corpo di Jensen. Quasi ogni aggiornamento è interessante, utile o entrambi rendendo ogni nuovo contenitore di potenziamento o punto Praxis un’importante scoperta.

Questo senso di occasione è un’altra cosa con cui Cyberpunk a volte lotta. Questo potrebbe sembrare ridicolo visto come appare il mondo, ma non si sta parlando di quel tipo di spettacolo, ma piuttosto del suo approccio al design del livello e della missione. Ogni missione in Deus Ex è fondamentalmente una missione di rapina di alto livello, dall’apertura del tutorial su Liberty Island fino all’infiltrazione nell’Area 51. Ciascuno degli obiettivi di JC Denton è inquadrato come “Questo è un compito impossibile, fallo.” I giochi più recenti portano avanti questa nozione. Il raid di Mankind Divided a Palisade Bank è uno dei momenti migliori dell’intera serie.

Deus Ex può rinascere?

A volte Cyberpunk fa anche questo, e non sorprende che questi siano i momenti migliori del gioco. L’effettiva missione di rapina alla fine del primo atto e la missione di parata alla fine del secondo sono entrambe perfettamente realizzate. Ma sono anche riluttanti a lasciare andare le redini, spesso si sentono più come un estratto dell’ultimo Call of Duty che un gioco di ruolo. I concerti secondari tendono ad essere più aperti, ma si svolgono tutti in edifici simili dall’aspetto prefabbricato con storie usa e getta. Questo andrebbe bene se i sistemi fossero divertenti da interagire, ma spesso non lo sono e quindi il mondo più ampio di Cyberpunk si confonde rapidamente nella ripetizione.

A causa di tutto ciò un sequel di Deus Ex nel nuovo anno sarebbe un enorme successo. Eidos Montreal sa già come farcela, mentre Mankind Divided ha dimostrato di poter entrambi spingere i limiti tecnici e costruire un mondo aperto più convincente. La domanda è se sia Eidos che Square Enix la pensano allo stesso modo. Il doppiatore di Adam Jensen Elias Toufexis ha recentemente dichiarato di non avere idea di quando o se un nuovo Deus Ex potrebbe essere rilasciato, il che non promette nulla di buono.

C’è ancora motivo di essere ottimisti. Dall’uscita di Mankind Divided, gli sviluppatori Eidos Montreal hanno lavorato a The Avengers della Marvel, che non è riuscito a soddisfare le aspettative di vendita lottando per recuperare i propri costi di sviluppo. Sicuramente qualcuno in Square Enix deve dare un’occhiata tra i dati di vendita selvaggi di Cyberpunk 2077 e le sfumature a specchio di Adam Jensen e chiedersi se sia ora di riportare una delle serie più amate dei giochi per PC. 

Leggi anche: Cyberpunk 2077: opinioni sul gioco

Leggi anche: Cyberpunk 2077: sviluppatori contro gli spoiler

Sito Cyberpunk: https://www.cyberpunk.net/pt/it/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here