Come Pinterest, il pionieristico social network fotografico, sta tenendo duro

0
338

La piattaforma punta sul commercio online per potenziare il suo social network di immagini d’ispirazione.

Quando Instagram non era ancora nato e Facebook puntava sulle pubblicazioni testuali, Pinterest irrompeva sul mercato digitale con un forte impegno per le immagini. Era il 2010 e questo social network nato nella Silicon Valley voleva sostituire la tradizionale bacheca di sughero, dove gli utenti pubblicavano annunci di prodotti che volevano acquistare. Allo stesso modo, Pinterest voleva che gli utenti postassero le immagini dei prodotti che desideravano.

I fondatori, Evan Sharp, Ben Silbermann e Paul Sciarra, avevano già ideato un social network simile che non aveva avuto successo, ma con Pinterest hanno fatto centro. Nel 2011 sono riusciti a rendere il social network virale grazie a un concorso per blogger sulla decorazione, uno dei campi in cui questo social network è oggi più forte (oltre a moda, viaggi e gastronomia). Quell’anno Pinterest è diventato uno dei dieci social network più scaricati al mondo. Ma è stato presto oscurato da rivali come Snapchat, Instagram e Twitter.

Confrontando le cifre degli utenti, Pinterest conta oggi 445 milioni di utenti in tutto il mondo. Una cifra che lo colloca molto indietro rispetto ai grandi player: Facebook ne ha 2,96 miliardi, Instagram 2.000 e Twitter 556, secondo i dati del primo trimestre del 2023 elaborati dal portale Statista.

L’azienda è nata nel 2010, quando gli altri social network stavano puntando sul testo.
Secondo il consulente Enrique San Juan, specializzato in social network, “Pinterest è sempre rimasto in secondo piano perché non ha mai aspirato a diventare un punto di incontro per la socializzazione, ma piuttosto un luogo digitale dove si va a cercare ispirazione. E questa strategia non gli ha fatto male.

Infatti, Pinterest ha tracciato un percorso di crescita silenzioso, sostenuto da introiti pubblicitari e, recentemente, da partnership con aziende di e-commerce, come il gigante Amazon. In effetti, San Juan ritiene che l’impegno a facilitare l’acquisto online dei prodotti visualizzati sull’applicazione abbia perfettamente senso, dal momento che Pinterest è uno dei social network dove gli utenti si recano con la maggiore intenzione di acquistare e dove la maggior parte dei prodotti viene pubblicata a questo scopo.

L’azienda punta all’e-commerce



I risultati del secondo trimestre dell’anno finanziario, presentati quindici giorni fa, confermano il buon andamento del business: i ricavi sono cresciuti del 6% a 708 milioni di dollari, mentre le perdite sono scese del 19% a 35 milioni. Il numero di utenti ha raggiunto i 465 milioni, l’8% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Secondo l’amministratore delegato Bill Ready, la Generazione Z sta guidando la crescita, che ha superato le aspettative degli analisti per il periodo.

L’azienda della Silicon Valley si è alleata con Amazon per potenziare l’e-commerce.


Anche in borsa l’azienda ha resistito alle turbolenze macroeconomiche. Oggi le sue azioni valgono circa 25 dollari, uno in più rispetto al giorno del suo debutto in borsa nel 2019. Le cifre attuali sono ben lontane dal boom che il social network ha vissuto durante la pandemia. Allora il titolo era salito a 86 dollari, favorito dall’euforia tecnologica durante la crisi sanitaria e da un anno in cui aveva registrato un utile netto, a differenza degli anni precedenti e successivi. A causa del clamore suscitato dalla pandemia, aziende come Microsoft e PayPal erano interessate ad acquisire la società, ma alla fine si sono tirate indietro.

Per il momento, Pinterest continua il suo percorso nel mondo dell’e-commerce. “Lo shopping sta funzionando e le partnership con le aziende ci stanno aiutando. Ce ne saranno altri. Se un anno fa l’e-commerce era una grande domanda, ora abbiamo la risposta”, ha dichiarato il CEO.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here