WhatsApp: le spiegazioni sulle modifiche ai termini di servizio

0
445
Whatsapp
Whatsapp: nuove spiegazioni termini di servizio

WhatsApp sta portando avanti modifiche controverse ai suoi termini di servizio, ma alterando il modo in cui avvisa gli utenti in seguito a un contraccolpo.

WhatsApp: come sono stati spigati inizialmente i cambiamenti?

Dopo il suo primo annuncio a gennaio, milioni di utenti hanno scaricato app dai concorrenti di WhatsApp. La formulazione dell’avvertimento iniziale ha portato a timori diffusi che avrebbe condiviso grandi quantità di dati WhatsApp con Facebook. In realtà, molto poco era cambiato in quell’area e quasi tutti gli utenti avevano precedentemente accettato il tipo di condivisione dei dati coinvolti.

Cosa accadrà nelle prossime settimane

WhatsApp inizierà a visualizzare un avviso banner all’interno dell’app nelle prossime settimane e i nuovi termini entreranno in vigore il 15 maggio. L’avviso incoraggia gli utenti a saperne di più sull’aggiornamento e su cosa sta cambiando e cosa non cambia. I messaggi che informano gli utenti dell’aggiornamento verranno visualizzati anche nella sezione di stato dell’app.

Le dichiarazioni di Whatsapp

La piattaforma afferma che i dati che condivide con la sua società madre non includono messaggi, gruppi o registri delle chiamate. Dichiara invece che i nuovi termini si concentrano sulle modifiche per consentire agli utenti di inviare messaggi alle aziende. “Vogliamo che tutti conoscano la nostra storia di difesa della crittografia end-to-end e confidiamo nel nostro impegno a proteggere la privacy e la sicurezza delle persone“. Ha anche affermato che “farà molto di più” per essere chiari sui cambiamenti in futuro

Il parere degli esperti della privacy

Gli esperti di privacy dicono che la saga evidenzia quanto gli utenti siano inconsapevoli di come vengono utilizzati i loro dati. “Nel suo tentativo di chiarire che non sta facendo nulla di sbagliato, Whatsapp ha infatti inavvertitamente evidenziato che stava già raccogliendo enormi quantità di dati per Facebook“, ha affermato Ray Walsh, esperto di privacy digitale presso ProPrivacy. “L’aspetto più importante di tutto questo è che stava già raccogliendo identificatori a livello di dispositivo, indirizzi IP e informazioni sugli acquisti per conto di Facebook

Funzione antispia: il nuovo aggiornamento di WhatsApp web

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here