Samsung QN90C Neo QLED: l’aspetto del prodotto premium

0
528


“Il Samsung QN90C Neo QLED è l’aspetto che dovrebbe avere un televisore di qualità superiore”. Non giriamoci intorno. Per il Samsung QN90C si pagherà un sovrapprezzo: Samsung ha fissato il prezzo di listino a 2.800 dollari per il modello da 65 pollici, anche se spesso è in vendita a circa 2.100 dollari. Le uniche domande che rimangono sono: cosa si ottiene con questo sovrapprezzo e se ne vale la pena?

Pro
Prestazioni HDR ai vertici della categoria
Livelli di nero eccellenti, controllo della retroilluminazione
Prestazioni cromatiche eccezionali
Elaborazione potente
Design e struttura premium

Contro
Sistema operativo Smart TV frustrante
Prezzo elevato


Qualità dell’immagine: si paga per quello che si ottiene


In realtà, c’è un’altra domanda: Il QN90C non assomiglia molto al QN85B dell’anno scorso piuttosto che al successore del QN90B? È una domanda giusta, ma la risposta è un po’ complicata.

Sulla carta, il QN90C assomiglia più al QN85B del 2022 che a un sostituto diretto del QN90B dell’anno scorso. Ci sono due cose in gioco. A livello aziendale, Samsung ha ristrutturato la sua linea di TV per il 2023. Ma a livello consumer, il QN90C è la risposta di Samsung alle nostre richieste.

Sì, la comunità degli appassionati di TV ha chiesto alcuni cambiamenti e Samsung li ha realizzati con il QN90C.

Rimescolamento della gamma


Innanzitutto, parliamo della ristrutturazione. L’anno scorso, il QN95B non era destinato al mercato nordamericano. Il QN90B doveva essere l’ammiraglia QLED 4K per questa parte del mondo. Ma un numero sufficiente di persone ha fatto rumore e Samsung ha finito per portare il QN95C negli Stati Uniti e in Canada, che è diventato il QLED 4K di punta per il 2022. In un certo senso, quindi, il QN90B è stato scalzato dalla classifica.

Quest’anno, il QN95C era previsto come QLED 4K di punta per il 2023. Ha un maggior numero di zone di regolazione, un sistema di altoparlanti più elaborato, una luminosità di picco leggermente superiore e alcuni altri piccoli dettagli. Ciò significa che il QN90C deve essere un passo indietro e quindi assomiglia un po’ di più al QN85B dell’anno scorso.


Samsung ha anche apportato alcune modifiche tecnologiche in risposta alle nostre richieste e/o lamentele – anche in questo caso, il “nostro e noi” si riferisce alla comunità di appassionati di TV composta da recensori come me e da fan accaniti come voi.

In particolare, il QN90C non dispone della stessa tecnologia antiriflesso del QN90B. Sebbene la migliore tecnologia antiriflesso di Samsung sia estremamente efficace nel ridurre i riflessi, ha l’effetto collaterale di diffondere la luce ambientale in modo tale da ottenere una sorta di effetto arcobaleno sbiadito. Alcuni si sono lamentati di questo aspetto.


Facendo un ulteriore passo avanti, la tecnologia antiriflesso è legata alla tecnologia di miglioramento dell’angolo di visione di Samsung, che è il motivo per cui Samsung commercializza “antiriflesso con angolo di visione ultra”.

Quindi, Samsung ha abbandonato questa tecnologia sul QN90C, ma voleva comunque migliorare la visione fuori dall’angolo di visione. Per questo motivo, Samsung utilizza il cosiddetto pannello LCD ADS su questo televisore. L’ADS è simile all’IPS di LG, noto per avere una visione fuori dall’angolo di visione migliore rispetto al comune pannello VA. Storicamente, il problema di ADS e IPS è stato che i livelli di nero non erano altrettanto buoni. Ma con la tecnologia di retroilluminazione mini-LED, i pannelli ADS e IPS possono avere eccellenti livelli di nero e uniformità del nero, offrendo anche un’ottima visione fuori dall’angolo.


Quindi, quello che abbiamo qui è un TV che non ha l’effetto arcobaleno della tecnologia antiriflesso di Samsung, ma ha comunque una buona visione fuori dall’angolo e ottimi livelli di nero. Sfortunatamente, l’antiriflesso di cui dispone il TV non è altrettanto efficace, quindi i riflessi possono essere visibili. Scambio di opinioni, gente. La progettazione di un televisore è, ed è sempre stata, una questione di compromessi.

Se si mette il QN90C in modalità filmmaker, segue molto bene la funzione di trasferimento elettro-ottico.

Il prossimo punto dell’elenco “l’abbiamo chiesto noi” è il livello medio dell’immagine, o luminosità complessiva, leggermente inferiore del QN90C. Questo televisore è comunque molto luminoso. Ma forse ricorderete che l’anno scorso molti recensori si sono lamentati del fatto che i televisori HDR di Samsung illuminavano eccessivamente tutto, abbandonando l’intento del creatore e, di conseguenza, la precisione.

Ebbene, quest’anno, se si mette il QN90C in modalità filmmaker, segue molto bene la funzione di trasferimento elettro-ottico (EOTF). In altre parole, produce un’immagine HDR luminosa come gli è stato detto di fare, senza aggiungere nulla. Ora, è possibile far sì che il televisore sia più luminoso. Si può iniziare scegliendo la modalità film, assicurarsi che l’impostazione della mappatura dei toni HDR sia attiva invece che statica (questa opzione è nuova e su nostra richiesta, tra l’altro) e si possono attivare impostazioni come il contrasto dinamico, il tutto per cercare di illuminare eccessivamente l’immagine, se lo si desidera. Ma Samsung ci ha dato ciò che avevamo chiesto, lasciandoci decidere se ottenere un’immagine esuberante e tecnicamente sovrailluminata o una conforme agli standard di precisione.


Per quanto riguarda le specifiche di luminosità leggermente inferiori rispetto al QN90B dello scorso anno? Beh, ricordate che il QN95C è ora il QLED 4K di punta, quindi il massimo potenziale di luminosità è riservato a quel televisore più costoso.

Tutto questo per dire che se l’anno scorso il QN90B era considerato da molti – me compreso – la migliore alternativa all’OLED che si potesse acquistare in un televisore 4K, ora tale distinzione spetta molto probabilmente al QN95C. Ma questo non vuol dire che il QN90C sia un prodotto insignificante. Al contrario. È un televisore eccellente. La domanda che credo la maggior parte delle persone si ponga è se sia migliore della concorrenza, molto meno costosa.


Beh, risponderò subito a questa domanda: Sì, sotto molti punti di vista il QN90C è leggermente migliore del TCL QM8 o dell’Hisense U8K. In particolare, il suo upscaling e l’elaborazione della pulizia dell’immagine sono migliori rispetto ai televisori TCL o Hisense. Quando guardo contenuti a bassa risoluzione e a bassa profondità di bit (si parla di profondità di bit, non solo di bit rate), il Samsung fa un lavoro migliore per attenuare le bande di colore, la pixelizzazione e la posterizzazione, tutti termini da nerd dei display per indicare ciò che rende l’immagine sporca e sfocata. Il QN90C ha un’immagine molto pulita e nitida quando riproduce contenuti non proprio fantastici da Sling TV, YouTube TV o dai decoder via cavo e satellitari. Quindi, per la visione televisiva di tutti i giorni, il Samsung QN90C è un po’ meglio della concorrenza più economica.


Inoltre, quando si utilizza la modalità Film o Filmmaker, la precisione del colore e la temperatura del colore sono migliori rispetto alla concorrenza meno costosa. E se si desidera una calibrazione perfetta, ci sono tutti i controlli necessari.

Il QN90C, essendo un televisore Samsung QLED, dispone anche di quattro porte HDMI 2.1 a piena larghezza di banda che supportano la risoluzione 4K fino a 144 Hz, con praticamente ogni tipo di frequenza di aggiornamento variabile (VRR) che si possa desiderare, e Samsung ha una dashboard di gioco piuttosto pratica per attirare ulteriormente i giocatori.


L’impostazione dell’immagine in modalità Gioco lascia un po’ a desiderare: ho notato che il sistema di controllo della retroilluminazione non sembra essere così efficace in modalità Gioco come nelle impostazioni dell’immagine in modalità Film o Filmmaker, e tende a sembrare eccessivamente illuminato.

Nel complesso, però, il QN90C supera la concorrenza sotto molti punti di vista. L’immagine è splendida, le luci HDR sono di grande impatto con un buon dettaglio dei punti salienti, il contrasto è ottimo e i livelli di nero sono eccellenti, senza alcuno schiacciamento del nero percepibile, in modo da mantenere tutti i dettagli delle basse luci.

Il televisore raggiunge un picco di circa 2.000 nits per SDR e HDR, e arriva a poco meno di 700 nits per il bianco a schermo intero, che è molto luminoso.
Considerando la luminosità, il blooming e l’alone sono ben controllati. Si può notare un po’ di blooming e di alone quando si hanno oggetti piccoli e intensamente luminosi su sfondi molto scuri, soprattutto fuori dall’angolo, ma le barre nere delle lettere rimangono nere e non si nota un enorme blooming quando si inseriscono i sottotitoli bianchi sopra le barre letterbox come avviene su alcuni TV.

L’unica mia lamentela dal punto di vista delle prestazioni è che il sistema di retroilluminazione sembra essere un po’ lento. Quando si utilizzano gli schemi di prova, la transizione tra le zone di retroilluminazione è un po’ lenta, ma, a dire il vero, questo problema era raramente visibile durante la visione di normali film e contenuti televisivi. L’ho notato soprattutto durante i giochi in cui ci si muove con estrema rapidità, facendo sì che una zona luminosa in mezzo all’oscurità si muova rapidamente sullo schermo. In questi casi è evidente, ma dovrete decidere quanto spesso pensate di fare questo tipo di attività con il vostro TV.
La mia unica lamentela dal punto di vista delle prestazioni non fotografiche riguarda Tizen, di cui potrei fare a meno, in particolare la funzione di riproduzione automatica dei video. Non va bene su Internet e non va bene sul televisore. E non ho ancora trovato un modo per disattivarla.

In futuro, mi dedicherò a un confronto diretto tra il Samsung QN90C e il TCL QM8, e lascerò a voi decidere se il Samsung si merita il suo prezzo superiore, ma spero di aver chiarito che il Samsung offre sicuramente qualcosa in più. Sta a voi decidere se apprezzerete questi miglioramenti al punto da spendere molto di più.

Ma se usciamo dagli schemi e ci poniamo da una prospettiva di 10.000 metri, non c’è dubbio che il QN90C sia un televisore davvero eccellente e molto simile a quello che mi aspettavo da Samsung. Sono rimasto immensamente colpito la prima volta che l’ho visto e lo sono ancora. Non c’è bisogno di rovistare nelle impostazioni dell’immagine per ottenere un’immagine eccellente, basta scegliere la modalità Film o Filmmaker – quella che vi piace di più – e godersela.

Questo è il televisore Samsung di fascia alta che credo la maggior parte delle persone dovrebbe considerare di acquistare, ed è sicuramente un televisore da inserire nella lista dei migliori per chiunque apprezzi la qualità dell’immagine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here