Perché giochi come Animal Crossing sono i nuovi social media dell’era del coronavirus

Giochi delicati e confortanti come l'ultimo successo di Nintendo sono un perfetto intrattenimento per evadere, ma ci stanno anche aiutando a connetterci in questi tempi strani.

0
398


Se a molti, un mese fa, avessimo detto che sarebbero diventati ossessionata da Animal Crossing di Nintendo, non ci avrebbero creduto. Poi, complici i tempi strani e le offerte del black friday in molti hanno acquistato un Nintendo Switch Lite e hanno scaricato un solo gioco: Animal Crossing. Giochi come questo stanno diventando nuovi social media.

Come funziona Animal Crossing?

Nel gioco, i giocatori sono incoraggiati a costruire su un’isola deserta guidata da un magnate immobiliare procione panciuto e dai suoi nipoti e chattare con una serie di stupidi animali antropomorfi. Molti trovano che il gioco sia una via di fuga, uno spazio sicuro per riconnettersi con gli amici. In molti trovano conforto nel connettersi su un’isola digitale durante l’attuale crisi. L’attrice Brie Larson ha condotto un’intervista alla rivista Elle dalla sua “Dessert Island”, la modella Chrissy Teigen ha twittato la sua ossessione per il gioco e la cantante Lil Nas X ha inviato una richiesta su Instagram per connettersi con gli altri.

Quali altri giochi stanno diventando nuovi social media?

Animal Crossing non è l’unico gioco a creare una fuga virtuale per le persone frustrate dall’essere rinchiuse. Un altro gioco simile è Stardew Valley. Sono giochi delicati e non violenti e sono diventati, insieme a cuocere elaborate pagnotte di pane, uno dei nostri meccanismi di isolamento del coronavirus. Questi giochi sono più che intrattenimento evasivo: stanno aiutando a rimodellare il modo in cui ci connettiamo in un futuro in cui le distanze sociali potrebbero diventare la norma.

Perchè questi giochi piacciono così tanto?

I videogiochi consentono alle persone di chattare, connettersi e incontrare nuove persone. Solo nell’ultimo mese, le lauree, le cerimonie nuziali, le proteste e gli incontri virtuali con gli amici sono stati coordinati su lussureggianti schermi pixelati. Nel frattempo, gli studenti di San Antonio e del Bronx hanno ricreato le loro scuole superiori in Minecraft e Final Fantasyplayers ha organizzato una marcia commemorativa digitale quando uno di loro è morto a causa del coronavirus. Mentre la pandemia e il conseguente blocco hanno cambiato radicalmente il modo in cui viviamo le nostre vite, i videogiochi ci offrono un modo per assecondare in sicurezza il nostro fondamentale bisogno umano di connetterci. Stanno diventando sempre più nuovi social media.

Cosa dicono gli esperti

Rachel Kowert, una psicologa e ricercatrice che ha studiato i giochi negli ultimi dieci anni, suggerisce che l’impulso primario non è tanto quello legato alla fantasia e alla distrazione quanto un disperato bisogno di avere il controllo su qualcosa, qualsiasi cosa sia. “Molti di questi giochi “confortanti” sono classificati come “simulatori di vita”, afferma Kowert. Le attività consentono ai giocatori di provare un senso di normalità. Non sono fondati sulla fantasia. Si muovono su una narrativa di frontiera, costruire il proprio territorio e connettersi con i vicini per creare comunità, promuovendo un ambiente in cui i giocatori sentono di non competere ma lavorano insieme. Permette anche la comunicazione, ad esempio mentre ti alleni per raccogliere fossili e pesci. Entrano in gioco anche le dinamiche del mondo reale. “In Animal Crossing, vai su un’altra isola e giochi con i tuoi amici”, dice Kowert. “A Stardew Valley, impari a conoscere gli abitanti del villaggio intorno a te. Queste sono relazioni parasociali “.

Kind Words

Kind Words è un altro gioco che aiuta i giocatori bloccati a comunicare con estranei. In questo gioco un avatar siede a una scrivania in una camera da letto digitale e digita domande sui problemi personali nel mondo reale. In cambio, altri giocatori rispondono con note incoraggianti. Il gioco si svolge interamente all’interno dello spazio di una stanza, con i giocatori che ricevono e inviano note tramite busta digitale. Rilasciato a settembre, Kind Words è stato originariamente progettato come antidoto a un ambiente Internet sempre più al vetriolo, afferma il co-creatore Ziba Scott. Nelle ultime settimane, tuttavia, ha assunto un ruolo aggiuntivo come mezzo confortante e sicuro per le persone di comunicare. “La scorsa settimana, il gioco ha registrato un aumento di 17.000 messaggi rispetto alla settimana precedente, molti dei quali includevano parole come “quarantine”, “covid” e “sick”, dice Scott.

Le nuove microcomunità

Chris Ferguson, ricercatore di videogiochi presso la Stetson University, afferma che giochi come Kind Words e Animal Crossing stanno seguendo le orme delle microniche comunità online che sono spuntate negli ultimi anni, trasformandosi in nuovi social media. Gran parte del gioco si basa sulle relazioni che i giocatori possono instaurare con giocatori che la pensano allo stesso modo. Ciò è particolarmente importante nell’era del coronavirus. “Penso che la proposta di valore sia molto più chiara”, afferma Scott. “Le persone che non avevano mai giocato prima dell’attuale crisi ora possono improvvisamente vedere come i giochi possono aiutarle a connettersi” dice. Anche l’OMS sta ora incoraggiando le persone a rimanere a casa e giocare ai videogiochi, usando l’hashtag #PlayApartTogether. Questo sta sicuramente aiutando a cancellare parte dello stigma sui giochi e lo spettro della dipendenza dai videogiochi. “È incredibile“, dice Kowert. “Stanno cambiando la narrativa del panico morale.”

I videogiochi sono spazi sicuri

I videogiochi, in particolare quelli rilassanti, offrono anche spazi sicuri per le persone emarginate o per coloro che cercano conforto nella semplice gioia di incontrare qualcuno di nuovo. Ci offrono un modo possibile per mostrare il nostro sé digitale, la nostra personalità, senza dover mostrare il nostro “vero sé”, rendendo la connessione meno spaventosa, sia fisicamente che emotivamente. I giochi possono essere anche un portale su ciò che avrebbe potuto essere.

Roblox e il marketing: la nuova era di videogiochi
Videogiochi – Per meditare e rilassarsi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here