Roblox e il marketing: la nuova era di videogiochi

0
875
Roblox

A partire dalla fine di novembre, la rete via cavo di proprietà della Warner-Brothers Boomerang ha lanciato il primo episodio di “Le disavventure di Master Moley“, una nuova serie TV animata. Ma prima che i bambini potessero guardare lo spettacolo, hanno potuto esplorare l’universo di “Master Moley” sulla piattaforma di gioco online Roblox. Una nuova era di videogiochi lega Roblox e il marketing.

Di cosa stiamo parlando?

Torniamo alle “Le disavventure di Master Moley” e a “Master Moley“. Nel gioco Master Moley segue una talpa che vive in una città sotto il Castello di Windsor, chiamata MoleTown. Il gioco Roblox, “Welcome to MoleTown“, ha lo scopo di vendere quel mondo a potenziali spettatori. È uno degli esempi più intriganti di una frontiera in erba nella pubblicità: giochi Roblox di marca che indirizzano i giocatori verso nuovi film, TV e, sempre più, giocattoli e altri prodotti al dettaglio. Il potenziale che lega Roblox e il marketing è evidente. La società, che è stata costituita nel 2006 e ha da poco presentato un OPA pubblica, vanta oltre 150 milioni di utenti mensili. Il suo gioco più popolare, “Adopt Me!”, è stato giocato 10 miliardi di volte. Roblox ha già dimostrato la sua capacità di monetizzarsi: nei primi nove mesi del 2020, gli utenti di Roblox hanno speso collettivamente 1,2 miliardi di dollari in valuta di gioco, in crescita del 171% rispetto allo scorso anno.

Roblox e il marketing

Roblox è ancora agli inizi come strumento di marketing. Ma negli ultimi due anni, il numero di marchi e rivenditori su Roblox è cresciuto notevolmente. Rispetto ad altri sistemi di gioco, è incredibilmente facile scoprire nuovi giochi su Roblox, il che rende la piattaforma adatta per aiutare anche i piccoli marchi a creare un pubblico. In effetti, un’agenzia ha detto a Modern Retail che i rivenditori vstanno cercando di costruire i propri giochi di marca. La maggior parte della pubblicità su Roblox è rudimentale: un mix di banner pubblicitari e collaborazioni nel gioco. Nike, ad esempio, l’anno scorso ha creato delle sneakers Air Max virtuali da utilizzare su Roblox. Il film “Scoob!” ha collaborato con il gioco Roblox “Adopt Me!” per offrire uno Scooby-Doo virtuale nel gioco.

Roblox e la musica

Roblox sta anche cercando di entrare nel campo dei concerti virtuali: Lil Nas X e Ava Max hanno recentemente tenuto esibizioni dal vivo per milioni di utenti Roblox. Ma i giochi di marca potrebbero rivelarsi la forma di pubblicità più efficace della piattaforma. “Master Moley” non è la prima proprietà multimediale a utilizzare Roblox per creare pubblicità. Il film “Wonder Woman” e la serie TV “Ben 10” hanno ciascuno i propri giochi sulla piattaforma. Ma “Welcome To MoleTown” è uno dei primi grandi tentativi di promuovere un IP completamente nuovo su Roblox e metterà alla prova la capacità di Roblox di entusiasmare la sua base di giovani utenti per un nuovo prodotto.

Come funziona il rapporto tra Roblox e il marketing

Il fascino crescente per Roblox arriva poiché i rivenditori stanno creando partnership sempre più sorprendenti con i principali videogiochi come Fortnite, Minecraft e Animal Crossing. Roblox, tuttavia, funziona in modo diverso da Fortnite o Minecraft. È una piattaforma che funziona in modo simile a una sala giochi online. In un’unica app sono ospitati milioni di giochi più piccoli creati dagli utenti, come “Adopt Me!”. Gran parte del suo potenziale pubblicitario deriva dal fatto che è facile trovare e creare giochi. Gli utenti possono entrare in un nuovo gioco con un semplice tocco. “Con Roblox non c’è installazione aggiuntiva. È molto più facile acquisire utenti“, ha affermato Andrew Douthwaite, direttore operativo dello studio di ricerca e sviluppo per bambini Dubit. Douthwaite ha collaborato con Boomerang per creare il gioco “Welcome To MoleTown”. A differenza dei giochi Xbox o Wii di marca di epoche precedenti, i giochi Roblox sono facili da costruire. La piattaforma è progettata in modo che i bambini con anche una moderata abilità di programmazione possano creare le proprie avventure. Questa infrastruttura di facile accesso apre anche possibilità ai marchi che cercano modi più semplici per entrare nel mondo dei giochi.

Una piattaforma più aperta

Un aspetto interessante di Roblox è che, rispetto ad altri videogiochi, non ha molti gatekeeper. “Con i marchi che vengono lanciati su Fortnite, devi ottenere un accordo con Epic“, ha detto Douthwaite, riferendosi allo sviluppatore di Fortnite. Al contrario, “Roblox è una piattaforma incredibilmente aperta. Chiunque può avviare un gioco lì. Non c’è davvero niente che ti fermi“.

Inoltre, secondo Douthwaite, “ai bambini di Roblox piace vedere i marchi che vedono nella vita reale sul gioco“. Ad esempio, ha stimato che ci sono dai 500 ai 600 giochi creati dai fan per la WWE. Quando i bambini amano un prodotto o una proprietà multimediale, creano un gioco Roblox. L’interfaccia di Roblox sembra più un social network scorrevole rispetto ad altre piattaforme di gioco. Ovviamente, affinché un gioco di marca funzioni, deve essere divertente. “La cosa importante con Roblox è che crei lo spazio affinché i bambini possano socializzare e avere quasi i propri giochi in un certo senso“, ha detto. “Deve avere flessibilità sotto forma di una lobby dove i bambini possono entrare, chattare, andiamo qui insieme, andiamo a vedere un lago, giochiamo al gioco delle corse“.

Super Nintendo World aprirà il 4 febbraio 2021

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here