La rete intelligente: infra, cloud e sicurezza

0
342
rete intelligente

La rete minaccia di passare un pò in secondo piano nelle storie di innovazione, migrazione e sicurezza, c’è bisogno di una rete intelligente. Ciò non è giustificato, sostiene Joris van Oers di BT Global in una conversazione. In effetti, la rete è ancora un punto di partenza per molte delle conversazioni che ha con i clienti. Tuttavia, è importante che la rete sia intelligente. Vediamo cosa intende.

Il B2B

Van Oers è senza dubbio qualcuno con una comprovata esperienza nel mercato delle telecomunicazioni, dell’IT e delle infrastrutture. In un intervista su techzine.eu dice: “Quando ho iniziato come economista commerciale presso KPN, sono rimasto affascinato dai dispositivi mobili, da Internet, dalle comunicazioni e dai cambiamenti nei modelli di business che ne derivavano”, riassume lui stesso.

Ha un’ovvia preferenza B2B, tra l’altro (Business-to-business, spesso indicato con l’acronimo B2B, in italiano commercio interaziendale. È una locuzione utilizzata per descrivere le transazioni commerciali elettroniche tra imprese. Distinguendole da quelle che intercorrono tra le imprese e altri gruppi, come quelle tra una ditta e i consumatori/clienti). Quando KPN ha iniziato a dare maggiore enfasi al B2C e Van Oers ha visto la nuova direzione in BT (chiameremo soltanto così l’azienda nella quale lavora), ha deciso di tornare in BT. In BT è attivo in due aree. Fa parte del cosiddetto team verticale globale, in cui gestiscono i migliori clienti in tutto il mondo. Inoltre, è responsabile delle attività di BT in Europa (Europa continentale, quindi senza il Regno Unito, luogo di nascita di BT).

Quattro pilastri

BT è una grande organizzazione. È molto più di un semplice fornitore di telecomunicazioni nel Regno Unito. Circa 16.000 persone in BT in tutto il mondo trattano con i clienti di BT Global. Questa è una parte significativa delle 110.000 persone che lavorano per BT nel suo complesso. L’azienda è presente in più di 80 paesi. I suoi servizi non sono limitati a quei paesi, tra l’altro. BT serve un totale di 180 paesi.

La base dell’azienda è nell’infrastruttura, in particolare nella componente di rete intelligente. Ciò non sorprende date le sue radici nelle telecomunicazioni. Quindi la rete è più o meno il punto di partenza, anche per le altre parti del portafoglio. Oltre all’infrastruttura, questi includono cloud e sicurezza. Quando si tratta di applicazioni, BT si concentra sulla collaborazione cloud e su tutto ciò che riguarda il contatto cloud, come lo chiama Van Oers. Con questo intende le applicazioni per i contact center, cioè il servizio clienti digitale e altre questioni correlate. Tutto ciò che BT offre e sviluppa sul mercato si basa su questi quattro pilastri: rete intelligente, cloud, sicurezza e collaborazione.

Clienti che operano a livello internazionale

BT non ha solo spostato e acuito il proprio obiettivo. In termini di clienti, c’è stato anche un cambiamento di recente. BT aveva una struttura per paese, in cui i clienti venivano formati e serviti per paese. Non è una situazione ideale, secondo Van Oers. “Sei quindi in competizione con il mondo intero, mentre non puoi mai farlo abbastanza bene a causa della mancanza di concentrazione”, afferma. Questo è il motivo per cui al giorno d’oggi BT si concentra solo su organizzazioni operanti a livello internazionale al di fuori del Regno Unito. La dimensione di queste organizzazioni non è così rilevante. Riguarda principalmente la natura distribuita delle organizzazioni. L’idea è che BT possa fare la differenza in questo segmento di mercato, a causa delle sue dimensioni (ne parleremo più avanti).

Come esempio del primato della struttura organizzativa sulle dimensioni, Van Oers paragona un’azienda (e cliente) come Nestlé, che impiega centinaia di migliaia di persone, a Kärcher. Quest’ultimo “solo” ha 10.000 dipendenti. Anche se Kärcher potrebbe non essere grande come Nestlé, opera in 78 paesi. Ciò richiede capacità specifiche della rete intelligente, indipendentemente dal numero di dipendenti. In termini di infrastruttura, ma anche gli altri pilastri su cui si basa la strategia di BT.

Il cloud e la sicurezza non sono nulla senza infrastruttura

Abbiamo già affermato sopra che BT ha come punto di partenza la rete (intelligente). C’è una buona ragione per quello. Van Oers lo riassume nella seguente dichiarazione, basata sulle sue conversazioni con le parti del mercato: “La ricompensa di andare nel cloud è certamente vista dai clienti, ma ciò significa anche che la complessità aumenta solo, il che li rende più vulnerabili da una prospettiva di sicurezza. “La sicurezza e il cloud sono quindi più che semplicemente collegati lateralmente alla rete (e tra di loro), è il punto che Van Oers vuole sottolineare. Si potrebbe anche sostenere che esiste una relazione quasi 1 a 1 tra sicurezza e cloud da un lato e infrastruttura dall’altro, è il suo punto di vista. Quindi puntare su una rete intelligente non significa solo focus sull’infrastruttura, ma anche sicuramente sui rapporti con gli altri componenti.

Qui, ovviamente, dobbiamo fare una distinzione tra la base di clienti di BT, che consiste di clienti puramente attivi a livello internazionale e spesso molto grandi, e il resto del mondo. Ci saranno anche molte organizzazioni (molto) più piccole per le quali l’attuale mantra che Internet è la nuova rete funziona perfettamente. Non hanno esigenze infrastrutturali speciali. Per quei clienti, la dichiarazione di cui sopra non si applica necessariamente. Ma poi, questo non è il gruppo target che BT ha in mente.

La sicurezza è una priorità

Sulla base di quanto sopra, si potrebbe pensare che BT abbia principalmente molti specialisti interni nel campo delle infrastrutture. La realtà è un po ‘diversa, sottolinea Van Oers. Hanno molte conoscenze interne e anche specialisti in sicurezza. “Impieghiamo circa 3.000 specialisti della sicurezza in tutto il mondo e siamo tra i primi 10 nel campo della sicurezza”, indica. Inoltre, BT ha 16 SOC in tutto il mondo, che monitorano un totale di 2 milioni di eventi al secondo. Queste non sono le statistiche di un’azienda che vede la sicurezza come un ripensamento, ma quelle di un’azienda che la vede come una priorità.

Si noti che BT lavora con un ecosistema di partner, al fine di fornire la sicurezza informatica desiderata ai clienti. Ad esempio, non sviluppa software per il rilevamento e la riparazione, cosa che fa un’azienda come NTT Security (ora parte di NTT Ltd). “Creiamo un servizio con tutti i componenti dell’ecosistema al suo interno”, sottolinea Van Oers. Cioè, BT crea una sorta di sovrapposizione OTT sopra le offerte dei partner che portano. Quella sovrapposizione aggrega i risultati.

Alla richiesta di un esempio di servizio OTT, Van Oers menziona la piattaforma Eagle-i. Con questa piattaforma, BT offre sicurezza predittiva. La particolarità di questa piattaforma è che non solo utilizza i 16 SOC di BT, ma anche l’infrastruttura dei principali clienti di BT. Il mercato combatte insieme le minacce. “C’è un’enorme disponibilità tra le società che operano a livello internazionale a farlo insieme”, indica.

Infrastruttura su larga scala

Uno dei motivi per cui la piattaforma Eagle-i può essere efficace è la sua scala. La scala è comunque qualcosa di cui BT si occupa principalmente. Ciò è visibile nell’attenzione ai clienti con dimensioni, ma ovviamente anche nella scala dell’infrastruttura propria di BT, eventualmente combinata con quella di terze parti in paesi in cui BT stessa non ha sede. Senza quella scala, una piattaforma come Eagle-i è molto meno potente di quanto non sia ora.

Il fatto che BT offra 180 prodotti e servizi è ovviamente molto importante anche per le grandi organizzazioni. L’acquisizione di infrastrutture e servizi globali, su scala dei clienti di BT, è qualcosa che le organizzazioni non vorrebbero mai fare da sole. SD-WAN è un ottimo esempio di questo. In teoria, SD-WAN consente di gestire internamente gran parte dell’approvvigionamento e della gestione della rete. Sembra tutto molto interessante, ma in pratica due connessioni Internet di solito non sono sufficienti per mantenere le applicazioni sempre disponibili, sottolinea Van Oers. Per questo devi davvero andare nella direzione dell’infrastruttura dedicata di BT, ad esempio.

Conoscenze e abilità su larga scala

Oltre alla disponibilità, c’è un altro argomento tra i clienti di BT per non voler fare tutto da soli. Spesso mancano delle conoscenze per farlo correttamente. “La conoscenza in realtà è sempre molto sottovalutata”, afferma Van Oers. E se la conoscenza non è già sottovalutata, c’è ancora la carenza nel mercato del lavoro. La sicurezza informatica è una di queste parti del mercato del lavoro in cui la domanda è molte volte maggiore dell’offerta. Per affrontare problemi come la mancanza di conoscenza e di personale presso i clienti, BT dispone di diversi hub operativi in ​​tutto il mondo. BT gestisce i clienti da questi centri operativi e di conoscenza. Gli hub operativi consentono anche di standardizzare, sottolinea Van Oers. “Molti clienti vogliono davvero anche questo, allontanarsi il più possibile dalla personalizzazione e avvicinarsi a uno standard”, afferma.

In conclusione: non si tratta solo di infra

Tuttavia, non si tratta solo della storia “difficile” del business di BT. C’è un altro aspetto di BT, che potresti non aspettarti immediatamente: la psicologia. Questo è ciò con cui vogliamo concludere questo articolo. Dei 600 milioni di sterline che ogni anno vengono investiti in ricerca e sviluppo, specialmente all’Adastral Park nel Regno Unito, una parte va allo studio degli aspetti sociologici e psicologici. Studi su come le persone lavorano meglio da casa, ad esempio, o su cosa accadrà dopo che ci saremo sbarazzati del virus, ma anche su come i contact center affrontano l’impatto del corona virus. Pensa anche al ruolo dell’edificio per uffici dopo che il virus è finalmente passato. Le aziende devono iniziare a utilizzarlo in modo da incoraggiare e ottimizzare la collaborazione.

In definitiva, essere in grado di collaborare in modo ottimale è una caratteristica condivisa tra la storia dell’infrastruttura e ciò che viene ricercato nel campo della sociologia e della psicologia all’Adastral Park. I clienti di BT vogliono effettivamente la stessa cosa in entrambe le aree. La loro attività globale deve continuare a funzionare in modo ottimale, sia dal punto di vista dell’infrastruttura che dal punto di vista delle persone che la utilizzano. E questo è in definitiva anche l’obiettivo di BT.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here