La Cina sta investendo 30 miliardi in Huawei, che sta segretamente diventando un gigante dei chip

0
293
Licenze Huawei per chip per auto approvate negli USA

Mentre l’UE e gli Stati Uniti stanno investendo decine di miliardi nella produzione di chip, la Cina ha ambizioni molto più grandi. Un blocco sulla vendita di macchinari per la produzione di chip dovrebbe frenare lo sviluppo cinese, ma Huawei sta elaborando piani per aggirarlo. Con il tempo, la produzione di chip cinese potrebbe essere superiore a quella di altri paesi.

Una notizia preoccupante arriva da Bloomberg: Huawei starebbe lavorando a una rete segreta di fabbriche per la produzione di chip, o “fabs”. Attraverso intermediari dall’aspetto indipendente, potrebbe ottenere macchine per chip occidentali nonostante le restrizioni all’esportazione in vigore. Infatti, Huawei è stata inserita nella “lista delle entità” negli Stati Uniti dal 2019 e le è anche vietato acquistare prodotti dall’olandese ASML, ad esempio. Tuttavia, le aziende statunitensi continuano a vendere macchine destinate a processi di produzione più vecchi, come il 28-nanometri.

Bloomberg ha chiesto un commento alla Semiconductor Industry Association (SIA), un’organizzazione che comprende membri come Nvidia, Intel, Micron e Western Digital, tra gli altri. Il gruppo avverte che Huawei da sola ha 30 miliardi di dollari di finanziamenti provenienti dallo Stato cinese. Con ciò, l’azienda sembra destinata a diventare una potenza nazionale nella produzione di chip. La SIA ha identificato cinque impianti che Huawei gestisce con altri nomi di società.

In totale, la Cina sarebbe disposta a spendere 100 miliardi di dollari fino al 2030 per potenziare la propria produzione di chip. Tuttavia, non è del tutto chiaro se si tratti di sovvenzioni a fondo perduto o di prestiti. Si tratta comunque di uno sviluppo preoccupante per chi spera che l’Europa e gli Stati Uniti diventino leader a lungo termine nella produzione di chip.

Sicurezza nazionale


Le restrizioni all’esportazione da parte dell’Occidente sono sempre state inquadrate come una questione di sicurezza nazionale. Huawei, ad esempio, è stata bandita per lo stesso motivo, con la conseguente rimozione delle torri di trasmissione 5G nei territori europei. Questa azienda è assolutamente inaccessibile per le aziende statunitensi, cosa che ha portato Western Digital a ricevere una multa di 300 milioni di dollari all’inizio di quest’anno.

Ma chi ha in mente la sicurezza nazionale non dovrebbe affatto facilitare la produzione di chip per i Paesi che non sostiene pienamente. Dopo tutto, un chip su un processo apparentemente obsoleto può ancora essere molto utile per strumenti militari, automobili e apparecchiature industriali.

Che si spieghino le restrizioni all’esportazione come un rischio per la sicurezza o meno: in fin dei conti, si tratta di proteggere la propria competitività. Da questo punto di vista, sia l’Europa che, in misura minore, gli Stati Uniti hanno qualche problema.

Europa: una cifra modesta per un grande recupero


Tuttavia, ci sono sviluppi positivi per quanto riguarda la produzione di chip in Europa: Intel, TSMC, NXP e Bosch hanno ottenuto il via libera per i loro piani di costruzione di fabbriche. La Germania, in particolare, e la Polonia possono sperare in un aumento dell’industria interna dei chip. Inoltre, l’Europa è già un fornitore leader di macchine per la produzione di chip, con ASML come attore di fama internazionale.

Tuttavia, se l’importo di circa 100 miliardi di dollari di aiuti di Stato cinesi è corretto, dimostra che l’UE è alquanto parca in confronto. La cifra ammonta a 92,4 miliardi di euro contro i 43 miliardi stanziati dal Chips Act dell’UE. L’obiettivo europeo è quello di raggiungere una quota di mercato globale del 20%, ma di fronte all’imminente ascesa della Cina e a investimenti simili in America, resta da vedere se questo obiettivo sia raggiungibile. Almeno, con l’attuale livello di investimenti.

Gli Stati Uniti: dove sono i soldi?


La legge europea sui chip non è stata la prima del suo genere: L’America l’ha preceduta di quasi un anno con il CHIPS Act. Gli investimenti sono destinati a diversi scopi, con 52,7 miliardi di dollari (48,7 miliardi di euro) destinati alla produzione di chip. Tra gli altri, TSMC, Intel e Samsung stanno avviando fabbriche in Arizona, mentre Ohio, New Mexico, Texas e New York sono altri Stati in cui verranno sfornati chip.

Data l’attuale migliore posizione competitiva degli Stati Uniti rispetto all’Europa, non sorprende che gli investimenti non siano molto più consistenti. Ma è altrettanto discutibile se saranno sufficienti. Un altro problema: le aziende produttrici di chip sono ancora in attesa di fondi governativi. Le autorità si trascinano ancora quando si tratta di approvare le sovvenzioni, mettendo a rischio la realizzazione di nuove fabbriche.

Tutto ciò rende particolarmente discutibili gli ambiziosi piani di Intel Foundry Services. I problemi dell’azienda su altri fronti l’hanno già costretta a mettere da parte numerose divisioni. Spera di integrare i risparmi sui costi con il denaro proveniente da accordi con Arm, ad esempio, che avrà chip prodotti nelle strutture di Intel. Tuttavia, il quadro finanziario di Intel è così preoccupante che gli esperti del podcast The Cube di SiliconANGLE si chiedono ad alta voce se il gigante dei chip riuscirà a sopravvivere. Se a ciò si aggiunge il recupero che deve fare nel campo dell’hardware per l’intelligenza artificiale, il gigante dei chip ha molto da fare. Nel complesso, è un attore importante nel quadro globale dei piani di produzione di chip occidentali, quindi il ridimensionamento di queste iniziative potrebbe avere effetti molto negativi sul livello di competitività dei due continenti.

Dopotutto, se anche la Cina supererà le restrizioni alle esportazioni, l’Europa e l’America avranno una battaglia da affrontare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here