Il passato storico nei videogiochi

0
382
passato storico

Forse dovremmo smettere di guardare al futuro e iniziare a guardare al passato storico. Ho appena finito Cyberpunk 2077 e posso dire che mi è piaciuto parecchio. Sebbene il gioco non sia privo di difetti, è piuttosto divertente e la storia è super coinvolgente. Dopo averlo giocato, però, ho avuto un’improvvisa reazione. 

Tutti i giochi recenti a cui ho giocato sono ambientati nel futuro ( Cyberpunk, Horizon Zero Dawn, TLOU2 ), nel presente ( Grand Theft Auto, Uncharted ), una realtà alternativa ( Hollow Knight, Skyrim ) o, nella migliore delle ipotesi, il recente passato ( Call of Duty, Mafia, Red Dead Redemption 2). Questo mi ha lasciato una domanda: perché ci sono pochissimi giochi ambientati nel passato storico?

Il passato storico in pochi videogiochi

Assassins Creed: Solitary Island

Il format di Assassin’s Creed non ha evidenziato le migliori storie, personaggi o gameplay del mondo là fuori. Allora, com’è che così tante persone (me compreso) vogliono giocarci? La risposta è il mondo; la possibilità di esplorare una società che prima era disponibile solo attraverso libri, film e documentari. Il successo di un gioco come Assassin’s Creed è legato all’abilità che hanno avuto di far sentire vivo il mondo. Onestamente, non hanno davvero bisogno di molto di più, poiché sembra che Ubisoft abbia il monopolio della storia.

Pensaci; se vuoi essere un pirata nei Caraibi, esplorare le piramidi di Giza o incontrare un giovane Leonardo Da Vinci, quali altre scelte hai? Certo, abbiamo ancora giochi di strategia, ma quelli non mi permettono di perdermi per le strade di Costantinopoli. L’esperienza coinvolgente del viaggio nel passato è disponibile solo tramite il franchise di Ubisoft.

Ghost of Tsushima: Not Quite My Tempo

Ghost of Tsushima è tutto ciò che Assasin’s Creed vuole essere e, tuttavia, fallisce rispetto al punto di forza di Assassin’s Creed. Non fraintendetemi, ho adorato Ghost of Tsushima , il gameplay è assurdamente divertente e lo scenario è semplicemente mozzafiato. Tuttavia, da un punto di vista storico, il gioco è un vero disastro. È l’analogo storico del film La Grande Muraglia.

Un mondo fantastico vagamente ispirato a eventi reali. Il gioco sa che le sue risorse principali sono il gameplay e l’esplorazione, quindi tutto il resto, storia, personaggi, ecc., è lì solo per supportarlo. Direi che Ghost of Tsushima è un gioco arcade molto elaborato. Divertente da giocare, ma non offre molto di più. Quindi, come accade anche con Sekiro oNioh , Ghost of Tsushima non è il miglior gioco se vuoi sperimentare la vita nel Giappone feudale.

Kingdom Come Deliverance: qualcosa con cui lavorare

Ho sentimenti contrastanti su Kingdom Come Deliverance (KCD). Mettendo da parte tutte le controversie, il gioco sembra davvero grezzo. Quando ne ho sentito parlare per la prima volta, mi sono innamorato del concetto e delle possibilità. Dopo averlo giocato penso davvero che siano riusciti a creare un mondo che sembra reale. Puoi vedere lo sforzo compiuto per rendere il gioco il più accurato possibile. Puoi effettivamente entrare in Google Maps e riconoscere immediatamente la disposizione dei villaggi! 

Tuttavia, per me, ha fallito su quasi tutto il resto. La storia sembrava piatta, i personaggi erano per lo più irritanti e semplici e il gameplay era un po ‘scomodo. Non contano i difetti di progettazione dei livelli e i problemi di ottimizzazione che hanno reso l’esperienza di gioco complessiva noiosa nella migliore delle ipotesi e assurdamente frustrante nel peggiore dei casi.

Tuttavia, come ho detto, mi è piaciuto molto il concetto, l’ambientazione e l’atmosfera generale del gioco. Mi piaceva che tu dovessi camminare con una torcia di notte, o che dovessi contrattare quando compri qualcosa. Mi è piaciuto molto guardare il monastero e i castelli all’interno e contemplare come vivevano le persone in quel momento. Tutto sommato, aveva del potenziale.

Un gioco ambientato nel passato storico, le conclusioni

Allora, perché non ci sono più giochi ambientati un un passato storico? Onestamente, non ho una risposta. La mia ipotesi è che richieda troppe risorse. Dai un’occhiata a Ghost of Tsushima. Perché preoccuparsi di cercare una storia vera, con personaggi reali, e cercare come fossero i villaggi reali quando un’ambientazione completamente inventata fa il tutto? Anche Assassin’s Creed ci casca e crea personaggi o eventi per adattarli alla narrazione.

In ogni caso, la storia è davvero complessa. Naturalmente, gli eventi principali sono chiari, sappiamo tutti quando vissero Giulio Cesare o Gengis Khan, ma capire come vivevano le persone normali è molto più complicato. Soprattutto perché ciò che conosciamo come storia è solo la vita di pochissime persone quando ci pensi. Le vite della maggioranza della popolazione rimarranno per lo più sconosciute.

Tuttavia, non credo che qualcuno si aspetti che qualcosa sia accurato al 100%. Ci sono migliaia di romanzi storici là fuori che sono molto ben documentati e coinvolgenti allo stesso tempo. Quindi, se i libri possono arrivarci, perché non i videogiochi? Perché rinunciamo all’opportunità di esplorare mondi antichi, non solo con voce passiva ma con la possibilità di interagire con essi? I videogiochi ci consentono non solo di raccontare storie, ma di creare mondi vivi e reali con cui interagire. Credo che le ambientazioni storiche abbiano un grande potenziale che non viene esplorato come merita. Forse è ora di iniziare a fare proprio questo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here