Google Gemini spiegato: 7 cose da sapere sul nuovo rivale di Copilot e ChatGPT

0
679

Google è stato un gigante dell’intelligenza artificiale addormentato, ma questa settimana si è finalmente svegliato. È arrivato Google Gemini, la più potente gamma di strumenti di intelligenza artificiale del gigante tecnologico. Ma Gemini è anche, nel vero stile di Google, molto confuso, quindi siamo qui per spiegarvelo rapidamente.

Gemini è il nuovo nome ombrello per tutti gli strumenti di IA di Google, dai chatbot agli assistenti vocali e agli assistenti di codifica veri e propri. Sostituisce sia Google Bard, il precedente nome del chatbot AI di Google, sia Duet AI, il nome del rivale di CoPilot Pro e ChatGPT Plus orientato allo spazio di lavoro di Google.

Ma si tratta anche di qualcosa di più di un semplice rebrand. Nell’ambito del lancio, Google ha rilasciato una nuova applicazione gratuita Google Gemini per Android (per ora negli Stati Uniti). Per la prima volta, Google rilascia anche il suo modello linguistico di grandi dimensioni (LLM) più potente, Gemini Ultra 1.0. È possibile giocare anche con questo, se si sottoscrive il nuovo abbonamento Google One AI Premium (per saperne di più).

Si tratta di un’esperienza davvero sorprendente, e non abbiamo ancora scalfito la superficie di ciò che è possibile fare con questi strumenti di intelligenza artificiale. Perciò, per una rapida ricarica per aggiornarvi su tutto ciò che riguarda Google Gemini, collegatevi al nostro spiegone facilmente digeribile qui sotto…

Gemini sostituisce Google Bard e Duet AI

Per certi versi, Google Gemini semplifica le cose. È il nuovo nome ombrello per tutti gli strumenti di intelligenza artificiale di Google, sia che si tratti di smartphone o desktop, sia che si utilizzino le versioni gratuite o a pagamento.

Gemini sostituisce Google Bard (il precedente nome del chatbot AI “sperimentale” di Google) e Duet AI, la raccolta di strumenti orientati al lavoro per Google Workspace. Siete alla ricerca di un AI gratuito che vi aiuti a creare immagini o a rielaborare le e-mail? Ora potete andare su Google Gemini e iniziare a usarlo con un account Google standard.

Ma se volete gli strumenti più potenti di Gemini Advanced AI e l’accesso al nuovissimo Gemini Ultra LLM di Google, dovrete pagare un abbonamento mensile. Questo fa parte del piano Google One AI Premium, di cui potete leggere di seguito.

Gemini sostituisce anche Google Assistant

Come abbiamo detto sopra, Google ha lanciato una nuova app Gemini gratuita per Android. Questa è in fase di lancio negli Stati Uniti e Google afferma che sarà “completamente disponibile nelle prossime settimane”, con altre località “in arrivo”. Google è noto per avere una definizione ampia di “presto”, quindi il Regno Unito e l’UE potrebbero dover avere pazienza.

Per iOS e iPhone è previsto un rollout simile, ma con un approccio diverso. Invece di un’app separata, Gemini sarà disponibile nell’app di Google.

L’app per Android è importante soprattutto perché permetterà di impostare Gemini come assistente vocale predefinito, sostituendo l’attuale Assistente Google. È possibile impostarlo durante il processo di configurazione dell’app, dove è possibile toccare “Accetto” per consentire a Gemini di “gestire le attività sul telefono”.

In questo modo, ogni volta che si richiama un assistente vocale sul telefono Android, premendo a lungo il tasto Home o dicendo “Ehi Google”, si parlerà con Gemini anziché con Google Assistant. Detto questo, ci sono prove che indicano che non è ancora il caso di farlo…

Forse è meglio rimanere con l’Assistente Google (per ora)

L’app Google Gemini è uscita solo da pochi giorni e ci sono già i primi segni di problemi e limitazioni nell’utilizzo di Gemini come assistente vocale.

Il Play Store si sta riempiendo di reclami in cui si afferma che Gemini chiede di toccare “Invia” anche quando si utilizzano i comandi vocali e che manca di funzionalità rispetto ad Assistant, tra cui l’impossibilità di gestire promemoria a mani libere, il controllo dei dispositivi domestici e altro ancora. Abbiamo anche riscontrato alcuni bug durante i nostri primi test con l’app.

Fortunatamente, è possibile tornare al vecchio Assistente Google. Per farlo, basta accedere all’app Gemini, toccare il proprio Profilo nell’angolo in alto a destra, quindi andare su Impostazioni > Assistenti digitali di Google. Qui potrete scegliere tra Gemini e Google Assistant.

Sissie Hsiao (VP e General Manager delle esperienze Gemini di Google) sostiene che Gemini è “un primo passo importante nella costruzione di un vero assistente AI, che sia conversazionale, multimodale e utile”. Ma al momento, sembra che questo “primo passo” stia facendo un lavoro molto pesante.

Gemini è un nuovo modo di fare domande sulle altre app di Google

Come l’ormai scomparsa Bard, Gemini è stata progettata per essere una sorta di co-pilota creativo se avete bisogno di aiuto per “scrivere, fare brainstorming, imparare e altro ancora”, come la descrive Google. Quindi, come in passato, potrete chiedergli di raccontarvi una barzelletta, riscrivere un’e-mail, aiutarvi con la ricerca e altro ancora.

Come sempre, rimangono le solite avvertenze. Google è ancora abbastanza chiaro sul fatto che “Gemini commetterà errori” e che, anche se sta migliorando di giorno in giorno, Gemini “può fornire informazioni imprecise, o può persino fare affermazioni offensive”.

Questo significa che l’altro caso d’uso è potenzialmente più interessante. Gemini è anche un nuovo modo di interagire con gli altri servizi di Google, come YouTube, Google Maps e Gmail. Chiedendogli di “suggerire alcuni siti turistici popolari a Seattle”, li mostrerà in Google Maps.

Un altro esempio è chiedergli di “trovare video su come togliere rapidamente il succo d’uva da un tappeto di lana”. Questo significa che Gemini è effettivamente un modo più colloquiale di interagire con strumenti come YouTube e Google Drive. Ora è anche in grado di generare immagini, un’abilità che Bard ha appreso la settimana scorsa prima di essere rinominato.

La versione gratuita di Gemini ha delle limitazioni

La versione gratuita di Gemini (a cui si accede tramite l’app Google Gemini su Android, l’app Google su iOS o il sito web di Gemini) presenta alcune limitazioni rispetto a Gemini Advanced, che prevede un abbonamento.

Ciò è dovuto in parte al fatto che si basa su un modello linguistico di grandi dimensioni (LLM) più semplice, chiamato Gemini Pro, piuttosto che sul nuovo Gemini Ultra 1.0 di Google. In linea di massima, la versione gratuita è meno creativa, meno accurata, non è in grado di gestire domande in più fasi, non è in grado di codificare e ha una capacità di gestione dei dati più limitata.

Ciò significa che la versione gratuita è la migliore per le cose di base, come rispondere a domande semplici, riassumere le e-mail, creare immagini e (come abbiamo detto sopra) fare domande agli altri servizi di Google utilizzando il linguaggio naturale.

Siete alla ricerca di un assistente AI che possa aiutarvi con la codifica avanzata, con progetti creativi complessi e che possa lavorare direttamente all’interno di Gmail e Google Docs? Google Gemini Advanced potrebbe fare al caso vostro, soprattutto se siete già abbonati a Google One…

Gemini Advanced è allettante per gli utenti di Google One

Gemini Advanced, solo in abbonamento, costa $19,99 / £18,99 / AU$32,99 al mese, anche se attualmente è possibile ottenere una prova gratuita di due mesi. Per ottenere Advanced è necessario pagare il nuovo piano Google One AI Premium, che include 2 TB di spazio di archiviazione cloud.

Ciò significa che Gemini Advanced è particolarmente allettante se si paga già un piano di archiviazione cloud di Google One (o se si vuole comunque sottoscriverlo). Con un piano Google One da 2 TB che costa già 9,99 dollari al mese, le funzioni AI comportano un costo aggiuntivo di 10 dollari al mese.

Ci sono notizie ancora migliori per chi ha già un abbonamento a Google One con 5 TB di spazio di archiviazione o più. Google afferma che è possibile “usufruire delle funzionalità AI Premium fino al 21 luglio 2024, senza alcun costo aggiuntivo”.

Ciò significa che Google, in uno stile simile a quello di Amazon Prime, sta combinando le sue offerte di abbonamento (cloud storage e il suo assistente AI più potente) per renderle entrambe più attraenti (e, molto probabilmente, anche più appiccicose).

L’app Gemini potrebbe impiegare un po’ di tempo per arrivare nel Regno Unito e nell’Unione Europea

Sebbene Google abbia dichiarato che l’app Gemini per Android “arriverà presto” in “più Paesi e lingue”, non ha fornito alcuna tempistica in merito a quando ciò avverrà.

Sissie Hsiao (vicepresidente e direttore generale delle esperienze Gemini di Google) ha dichiarato al MIT Technology Review: “Stiamo lavorando con le autorità di regolamentazione locali per assicurarci di rispettare i requisiti del regime locale prima di poterci espandere”.

Anche se questo suona un po’ minaccioso, Hsiao ha aggiunto che “state tranquilli, ci stiamo assolutamente lavorando e spero che saremo in grado di annunciare l’espansione molto, molto presto”. Quindi, se siete nel Regno Unito o nell’Unione Europea, per ora dovrete accontentarvi di smanettare con la versione del sito web.

Viste le prime recensioni dell’app Google Gemini per Android e le sue incongruenze come sostituto di Google Assistant, potrebbe essere comunque la cosa migliore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here