Spider-Man 2 è ora il capolavoro tecnico definitivo della PS5

0
708

Samit Sarkar (lui/lei) è il vice direttore di Polygon. Ha più di 15 anni di esperienza nel campo dei videogiochi, del cinema, della televisione e della tecnologia.
Marvel’sMarvel’s Spider-Man 2 è finalmente arrivato e, alla vigilia del terzo compleanno della PlayStation 5, si aggiudica il trono di gioco tecnicamente più impressionante della console.

Lo scorso autunno ho detto più o meno la stessa cosa di God of War Ragnarök, ma in questo lavoro c’è sempre qualcosa all’orizzonte che ha il potenziale per farti sembrare stupido a posteriori. (E poi ho detto che Ragnarök potrebbe essere il gioco tecnicamente più impressionante della PS5, all’epoca. In 11 mesi possono cambiare molte cose).

Insomniac Games ha messo in campo tutta la sua esperienza nello sviluppo per PS5 – questo è il quarto progetto dello studio per la piattaforma, dopo Ratchet & Clank del 2021: Rift Apart del 2021 – per realizzare un’avventura supereroistica a mondo aperto che sfrutta al meglio l’hardware della console. È il primo titolo del franchise costruito appositamente per questo sistema. I due giochi precedenti sono stati Marvel’s Spider-Man del 2018, che ha debuttato su PlayStation 4, e Marvel’s Spider-Man: Miles Morales, titolo di lancio per PS5 del 2020, che era un gioco cross-generation, quindi doveva essere progettato in modo da poter funzionare sia su PS4 che su PS5.

In Rift Apart, che ha debuttato esclusivamente su PS5, Insomniac ha mostrato cosa poteva fare quando non doveva preoccuparsi di supportare l’hardware più vecchio: un’azione di salto dimensionale che si affidava alla velocità dell’SSD della PS5. Lo studio ha fatto tesoro di questo lavoro con Spider-Man 2, sfruttando ancora meglio l’SSD per consentire viaggi veloci istantanei e altre transizioni notevoli. E la città natale degli Spider-Man, New York – di cui ora sono disponibili tre distretti, con Queens e Brooklyn che si trovano al di là dell’East River da Manhattan – ha un aspetto sorprendente come quello dei nostri due eroi, reso con il ray-tracing in tempo reale in ogni modalità grafica.

Vi starete chiedendo quali siano queste modalità e quale sia l’opzione migliore. L’offerta è molto ampia, ma il punto è che l’esperienza di gioco è sempre ottima.

LE MODALITÀ GRAFICHE DI SPIDER-MAN 2, SPIEGATE


Gatta Nera e Miles Morales (con un costume nero e rosso da Spider-Man), entrambi con la Bacchetta di Watoomb, con la Torre Eiffel sullo sfondo in Spider-Man 2. Le ciocche dei capelli grigi di Gatta Nera sono un po’ sfocate nella modalità Performance del gioco.
Il fantastico sistema di ciocche di capelli di Insomniac è reso in modo un po’ sfocato nella modalità Performance di Spider-Man 2, come si può vedere in questo screenshot con Black Cat. Le ciocche sarebbero più chiare e dettagliate nella modalità Fidelity. Immagine: Insomniac Games/Sony Interactive Entertainment via Polygon
Ci sono due modi per giocare a Spider-Man 2: la modalità Fidelity e la modalità Performance. Le troverete nell’area “Grafica” della sezione Visuale del menu delle impostazioni e, a differenza di molti altri giochi, troverete anche descrizioni dettagliate di ciascuna modalità e delle opzioni associate.

Come ci si aspetterebbe, la qualità e la risoluzione dell’immagine sono massime nella modalità Fedeltà, che ha un obiettivo di frame rate di 30 fotogrammi al secondo (ed è l’impostazione predefinita). La modalità Prestazioni prevede compromessi nella risoluzione e in altre aree per raggiungere l’obiettivo di 60 fps. Entrambe le opzioni utilizzano il ridimensionamento dinamico della risoluzione, regolando la quantità di pixel renderizzati per raggiungere il frame rate in questione.

Nessuna delle due modalità riesce a mantenere un frame rate impeccabile. Giocando la sequenza introduttiva del gioco in modalità Performance, ad esempio, ho notato qualche piccolo intoppo durante l’attacco di Sandman a Lower Manhattan, quando lo schermo si riempiva di nuvole di polvere. Tuttavia, in circa 15 ore di gioco, ho riscontrato solo pochi casi di questo problema, della durata massima di un paio di secondi.

La modalità Fidelity opera in una gamma di risoluzioni che va da 2160p – cioè 4K nativi – fino a 1440p, e scala l’output a 4K utilizzando la tecnica di iniezione temporale di Insomniac per l’anti-aliasing, secondo quanto dichiarato dallo studio. L’estremo inferiore, 1440p, è il punto massimo della modalità Performance; la risoluzione media oscilla tra 1080p e 1440p.

In ogni caso, l’illuminazione ray-tracing – sotto forma di riflessi (anche sulle superfici acquatiche) e di interni delle finestre – è sempre attiva in Spider-Man 2. È solo che in modalità Performance, gli effetti di ray-tracing sono “semplificati per alcuni casi d’uso”, secondo il gioco. Si tratta di uno sviluppo importante, che garantisce un aspetto coeso indipendentemente dal modo in cui si decide di giocare; unito all’aumento del livello di dettaglio del mondo di gioco, si tratta di un miglioramento inequivocabile rispetto alle immagini dei titoli precedenti di Spider-Man.

Spider-Man 2 supporta anche l’uscita a 120 Hz – una caratteristica che Insomniac ha aggiunto a Rift Apart in una patch successiva al lancio – quindi avrete più opzioni visive se la vostra PS5 è collegata a un pannello a 120 Hz. L’attivazione di questa impostazione consente alla modalità Fidelity di funzionare a 40 fps invece che a 30 fps, e il miglioramento della fluidità e della latenza di input è palpabile. È un’ottima via di mezzo tra la modalità Performance e la modalità Fidelity standard, che offre la qualità e la chiarezza dell’immagine di quest’ultima impostazione a un frame rate più reattivo. È la soluzione ideale se si ha la fortuna di giocare su uno schermo a 120 Hz come il mio televisore LG C1. L’unico inconveniente è che a 40 fps, la risoluzione (comprensibilmente) può scendere ulteriormente, con una media che si colloca tra i 1296p e i 4K, secondo Insomniac.

La terza impostazione per la grafica di Spider-Man 2 è la frequenza di aggiornamento variabile (VRR), che può essere utilizzata con entrambe le modalità grafiche. Complica ulteriormente l’immagine con due opzioni: “smoothed” e “uncapped”. La prima impostazione mantiene il limite massimo di frame rate (30 fps o 60 fps, a seconda della modalità scelta) e contribuisce a mantenerlo attenuando eventuali cali al di sotto dell’obiettivo. La seconda impostazione è dedicata a coloro che desiderano un’esperienza più reattiva possibile: Sblocca la frequenza dei fotogrammi, consentendo al gioco di funzionare a 40-60 fps in modalità Fidelity e a 60-90 fps in modalità Performance. (Dato che la velocità dei fotogrammi è prioritaria rispetto alla risoluzione, il numero di pixel può scendere fino a 1152p in modalità Fedeltà e a 1008p in modalità Prestazioni, ma nessun caso di calo della risoluzione è risultato offensivo ai miei occhi).

QUALE MODALITÀ GRAFICA DI SPIDER-MAN 2 È MIGLIORE, FEDELTÀ O PRESTAZIONI?


In questa scena dell’Uomo Ragno di Peter Parker che guarda verso le strade di Midtown Manhattan all’imbrunire, si noti l’aumento del livello di dettaglio nella modalità Fedeltà (a sinistra). C’è più traffico sulle strade. I lampioni sono visibili da questo punto di osservazione elevato, ma mancano nella modalità Performance (a destra), così come elementi minori come le bocchette dell’aria condizionata sui tetti. Ma i riflessi in ray-tracing delle finestre dell’edificio su cui Peter è appollaiato? Sono praticamente identici in entrambe le modalità grafiche.

Ho giocato a Spider-Man 2 in entrambe le modalità grafiche per diverse ore e non credo che ci sia un vincitore evidente. Certo, ho trascorso la maggior parte del tempo in modalità Fedeltà giocando con l’opzione 120 Hz attivata. La sensazione è ancora ottima a 30 fps, ma la possibilità di ottenere altri 10 fps – o più, se si usa il VRR con un frame rate non limitato – mantenendo tutte le caratteristiche visive è un vantaggio significativo.

Se non si gioca su un pannello a 120 Hz, propenderei per la modalità Performance. I compromessi visivi – sia in termini di chiarezza (a causa della risoluzione ridotta) che di livello di dettaglio e densità del mondo di gioco – sono notevoli, ma non sono abbastanza gravi da determinare una differenza gigantesca nella qualità dell’immagine.

Certo, ci sono meno auto e pedoni per le strade di New York e le ciocche di capelli sulla testa dei personaggi sono meno dettagliate. Ma è qui che la presenza costante del ray-tracing in entrambe le modalità grafiche fa la differenza: Anche con effetti di ray-tracing di qualità inferiore, la modalità Performance mantiene la presentazione visiva complessiva del gioco. E comunque, quanto noterete davvero le carenze quando Miles o Peter voleranno sopra la città a qualcosa come 100 miglia orarie? Sono già arrivato al punto in cui gli incontri di combattimento diventano difficili, e apprezzo la maggiore reattività della modalità Performance in quelle sequenze.

Vale la pena notare che è necessario fare una scelta e mantenerla durante la sessione. Mentre in Horizon Forbidden West passavo spesso da un’opzione all’altra, esplorando l’ambiente in modalità qualità e passando alla modalità performance per le sequenze di combattimento, Spider-Man 2 costringe a ripartire da un checkpoint quando si cambia la modalità grafica. (Immagino che gli sviluppatori abbiano una buona ragione per questo, ma è uno strano problema, dato che il gioco sembra passare senza problemi alla modalità Fedeltà non appena si entra nella modalità fotografica).

L’assortimento di opzioni grafiche di Spider-Man 2 può confondere, se non addirittura opprimere. Il bello è che se non ci si vuole preoccupare delle varie modalità, si possono lasciare i valori predefiniti ed essere sicuri di avere un’esperienza di gioco fluida e dall’aspetto fantastico, indipendentemente dalle impostazioni. Insomniac Games ha sfruttato al massimo l’hardware della PS5, fino al prossimo gioco Wolverine, quando lo studio troverà sicuramente il modo di superarsi ancora.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here