Privacy dei dati: La vostra auto raccoglie informazioni su di voi

0
263

Man mano che diventiamo sempre più dipendenti dalla tecnologia nella nostra vita quotidiana, la privacy diventa un problema ancora più pressante. E mentre l’attenzione di tutti era rivolta a telefoni, browser e hub intelligenti, un improbabile colpevole è diventato rapidamente problematico: le automobili.

Nell’era estremamente connessa in cui viviamo, i progressi tecnologici come i telefoni, i computer e le case intelligenti hanno promesso un aumento della qualità della vita, ma hanno anche introdotto nuove sfide: una delle più grandi è la privacy. Internet ha creato un ambiente in cui tutto può essere tracciato, le informazioni sono diventate una moneta molto ambita da raccogliere e vendere in un nuovo mercato. Le aziende hanno ampliato le loro strategie per includere i dati come strumento importante per la monetizzazione, il che ha lentamente trasformato i consumatori in prodotti stessi. Mentre l’attenzione era rivolta ai telefoni, agli orologi intelligenti, ai dispositivi domestici e agli altoparlanti, un altro attore si è fatto strada lentamente e senza dare nell’occhio nel business dei dati, raccogliendo in modo efficiente punti di dati unici: le case automobilistiche.

Come raccolgono i dati le automobili?

Oggi le auto vengono commercializzate non solo in base alle prestazioni dei loro motori e delle loro sospensioni, ma anche in base alla quantità di tecnologia che contengono. Il comfort e la comodità offerti da molti dispositivi controllati da un computer centrale sono una porta d’accesso a una macchina che registra ogni singola interazione con essa per inviarla al produttore e venderla. Inoltre, le automobili sono dotate di sensori, telecamere e microfoni che continuano a raccogliere dati in attesa di comandi. Il vostro telefono è un’altra via per la raccolta di dati, poiché l’auto raccoglierà informazioni dal dispositivo mentre è collegata ad esso.

Che tipo di dati vengono raccolti?

Alcuni sensori presenti nelle auto raccolgono informazioni come la posizione degli occhi, il linguaggio del corpo e la frequenza cardiaca. Servizi come la navigazione GPS consentono al produttore di avere informazioni dettagliate sui luoghi più importanti che si frequentano. Come già detto, quando si collega il telefono a un’auto o si scarica l’applicazione dell’auto sul dispositivo, i dati possono essere passati al setaccio, consentendo ai produttori di auto di accedere alla ricchezza di informazioni presenti sul telefono. Quando tutti questi dati vengono combinati, le aziende automobilistiche possono creare profili incredibilmente dettagliati sui loro utenti, che possono essere condivisi con broker di dati, governo, fornitori di servizi e qualsiasi altra parte interessata.

Secondo Mozilla Foundation’s Privacy Not Included, alcuni dati sono:

nome
indirizzo
numero di telefono
e-mail
età
data di nascita
dati demografici
informazioni di classificazione protette
posizione del dispositivo mobile

Le case automobilistiche incrociano anche le informazioni sulle auto e sui telefoni per creare “inferenze”, creando così nuovi dati. Utilizzano informazioni intime per creare profili dettagliati che sono molto ambiti da chiunque abbia un interesse personale…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here