Meta offrirà un abbonamento senza pubblicità in Europa nel tentativo di continuare a tracciare gli altri utenti

0
422
Meta: previsto divieto pubblicità su “temi sensibili”

Meta offrirà una versione di Facebook e Instagram in abbonamento senza pubblicità nell’Unione Europea, nello Spazio Economico Europeo (SEE) e in Svizzera, confermando quanto riportato dal WSJ all’inizio del mese. Il nuovo abbonamento senza pubblicità sarà disponibile a partire dal mese prossimo, secondo un post sul blog di Meta.

La mossa segue anni di controversie sulla privacy, azioni legali e sentenze dei tribunali dell’UE, che sono culminate in una situazione in cui Meta non può più rivendicare un diritto contrattuale (né un interesse legittimo) a tracciare e profilare gli utenti per il targeting pubblicitario. (Anche se, al momento in cui scriviamo, Meta continua a fare quest’ultima cosa, il che significa che tecnicamente sta operando senza un’adeguata base legale). Ma quest’estate Meta ha annunciato l’intenzione di passare al consenso).

In base alla legge regionale sulla protezione dei dati, l’unica base disponibile per l’attività di tracciamento e profilazione degli annunci di Meta è l’ottenimento del consenso liberamente espresso dagli utenti. Tuttavia, l’interpretazione che il gigante dell’adtech dà del libero consenso con questa proposta di abbonamento “pagaci o sarai tracciato” lascerà giustamente infuriati i difensori della privacy, dal momento che la scelta offerta si riduce a “pagaci i soldi o pagaci con la tua privacy”.

Secondo il post sul blog di Meta, la tariffa che intende addebitare agli utenti per sfuggire al tracciamento e al targeting (cioè l’abbonamento senza pubblicità) è di 9,99 euro/mese sul web o 12,99 euro/mese su iOS o Android per ogni account Facebook e Instagram collegato nel Centro account dell’utente. Dopo il 1° marzo 2024 è previsto un costo aggiuntivo di 6 euro al mese sul web e di 8 euro al mese su iOS o Android per ogni account aggiuntivo elencato nell’Account Center dell’utente.

Quindi il costo per utilizzare i servizi di Meta senza essere tracciati e profilati potrebbe rapidamente accumularsi per chiunque abbia più di un account sui social network di Meta.

Anche per un utente con un solo account (su Facebook o Instagram) il costo per proteggere la propria privacy dal tracciamento e dalla profilazione di Meta sarebbe di quasi 120 euro all’anno (per l’uso sul web) o di poco più di 155 euro (su mobile).

Come abbiamo riportato all’inizio di questo mese, Meta si basa su una sentenza emessa all’inizio di quest’anno dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea, in cui i giudici hanno ammesso la possibilità – con l’avvertenza “se necessario” – di addebitare una (altra avvertenza) “tariffa appropriata” per un servizio alternativo equivalente (cioè privo di tracciamento e profilazione). Quindi la lotta legale contro il continuo tracciamento e la profilazione degli utenti da parte di Meta si baserà su ciò che è necessario e appropriato in questo contesto.

noyb, il gruppo europeo per i diritti della privacy che ha guidato gran parte del contenzioso strategico contro il tracciamento e la profilazione di Meta, ha già contestato – dal 2021 – simili pratiche “pay or okay” da parte degli editori di notizie, presentando una serie di reclami alle autorità per la protezione dei dati.

In un comunicato stampa dell’inizio del mese, dopo che il WSJ ha riportato la notizia che Meta intende far pagare gli utenti per la loro privacy, il fondatore e presidente onorario di noyb, Max Schrems, ha scritto: “La CGUE ha detto che l’alternativa agli annunci pubblicitari deve essere ‘necessaria’ e la tassa deve essere ‘appropriata’. Non credo che 160 euro all’anno siano ciò che avevano in mente. Queste sei parole sono anche un “obiter dictum”, un elemento non vincolante che andava al di là del caso centrale sottoposto alla CGUE. Per Meta questa non è la giurisprudenza più stabile e ci batteremo chiaramente contro questo approccio”.

Contattata per una risposta agli sviluppi, l’autorità di regolamentazione di Meta nell’UE per il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), la Commissione irlandese per la protezione dei dati (DPC), ci ha inviato una dichiarazione. “Meta ha notificato al DPC il 27 luglio la sua intenzione di implementare un modello alternativo, basato sul consenso, in cui gli utenti potranno scegliere tra le versioni delle sue piattaforme finanziate dagli annunci e le versioni in abbonamento in cui, in cambio del pagamento di un canone mensile, si dice che gli utenti non riceveranno pubblicità mirata”, ha scritto l’autorità di regolamentazione irlandese.

“Meta aveva inizialmente indicato il febbraio 2024 come la prima data in cui il suo modello di consenso sarebbe stato operativo, ma ha accettato di anticipare tale data al novembre 2023 su indicazione del DPC, il quale si è preoccupato di garantire che i cambiamenti venissero attuati alle piattaforme non appena possibile, alla luce di precedenti conclusioni secondo cui Meta non aveva dimostrato di essere legittimata a fare affidamento sulle basi giuridiche su cui si basava all’epoca quando trattava i dati degli utenti a fini di pubblicità comportamentale. Tra queste, le conclusioni della Corte di giustizia dell’Unione europea, pronunciate il 4 luglio 2023 in una causa in cui la Corte ha esaminato le basi giuridiche su cui si fonda il trattamento dei dati degli utenti da parte di Meta a fini di pubblicità comportamentale.

“Agendo in consultazione con le altre autorità di vigilanza europee, il DPC è impegnato in una valutazione normativa dettagliata del modello basato sul consenso da quando Meta lo ha proposto per la prima volta a luglio. L’esercizio è stato condotto dal DPC, in considerazione della sua posizione di autorità di vigilanza capofila per Facebook e Instagram in Europa. L’esercizio non si è ancora concluso e ad oggi non è stata formulata alcuna conclusione. Dovrebbe concludersi a breve e a quel punto il DPC comunicherà a Meta se ritiene che le modalità di implementazione delle sue nuove offerte agli utenti siano compatibili con gli obblighi di Meta ai sensi del GDPR”.

Quindi la mossa di Meta di offrire agli utenti un abbonamento o un monitoraggio non è ancora stata approvata dalle autorità per la protezione dei dati ed è chiaro che potrebbero seguire ulteriori interventi normativi. (A questo proposito, l’autorità norvegese per la protezione dei dati (DPA), che ha emesso un ordine di divieto locale sugli annunci di tracciamento di Meta, ci ha detto di essere preoccupata per il piano di abbonamento, affermando di avere dubbi sul fatto che possa costituire un consenso valido).

Oltre a dover rispettare il GDPR, che definisce le qualità necessarie affinché il consenso sia legale (ad esempio, che sia specifico, informato e dato liberamente), Meta è ora soggetta anche al Digital Services Act (DSA), che stabilisce le condizioni per le piattaforme più grandi quando si tratta di tracciare e profilare le persone per gli annunci pubblicitari. Quindi non saranno solo le autorità per la protezione dei dati a decidere se l’abbonamento o l’offerta di tracciamento di Meta sono validi; la Commissione europea è responsabile della supervisione della conformità al DSA delle piattaforme online più grandi.

Meta è stata anche designata come cosiddetto gatekeeper, ai sensi della normativa sorella del DSA, il Digital Markets Act (DMA), che pone anch’esso alcuni limiti all’uso dei dati delle persone per gli annunci pubblicitari. La Commissione è l’unica responsabile dell’applicazione del DMA.

Meta è già nel mirino della Commissione per il suo approccio al DSA: nei giorni scorsi l’esecutivo dell’UE ha chiesto al gigante tecnologico maggiori informazioni sul suo approccio alle minacce ai contenuti derivanti dalla guerra tra Israele e Hamas e sulle questioni di sicurezza elettorale. Ma resta da vedere se l’UE applicherà lo stesso attento esame all’offerta di Meta per il tracciamento degli annunci.

Nel suo post sul blog Meta sostiene che la scelta di offrire alle persone di pagare per la loro privacy o di accettare di essere tracciate “bilancia i requisiti delle autorità di regolamentazione europee, dando agli utenti la possibilità di scegliere e consentendo a Meta di continuare a servire tutte le persone nell’UE, nel SEE e in Svizzera”. Ma, beh, è proprio così.

Inoltre, l’abbonamento viene offerto solo a persone di età superiore ai 18 anni, il che solleva dubbi sul modo in cui l’azienda si conformerà ai requisiti della DSA e della DMA di non trattare i dati dei bambini per il targeting pubblicitario.

“Stiamo continuando a studiare come fornire agli adolescenti un’esperienza pubblicitaria utile e responsabile alla luce dell’evoluzione del panorama normativo”, scrive l’azienda.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here