Meta ha approvato annunci Facebook pieni di odio che incitavano alla violenza in Europa

0
263
Algoritmo Facebook

Meta è di nuovo alle prese con le accuse di non fare abbastanza per prevenire la diffusione di discorsi d’odio e contenuti violenti negli annunci di Facebook. Un nuovo rapporto descrive otto annunci di questo tipo, rivolti al pubblico europeo, che sono stati approvati nonostante contenessero palesi violazioni delle politiche dell’azienda in materia di odio e violenza.

Il rapporto proviene dall’organizzazione di vigilanza Ekō, che sta condividendo il suo lavoro per attirare l’attenzione sulle “pratiche di moderazione al di sotto degli standard” del social network in vista dell’entrata in vigore del Digital Services Act (DSA) in Europa alla fine di questa settimana. Il documento spiega come, nell’arco di pochi giorni all’inizio di agosto, l’organizzazione abbia tentato di acquistare 13 annunci pubblicitari su Facebook, che utilizzavano tutti immagini generate dall’intelligenza artificiale e includevano testi chiaramente contrari alle regole dell’azienda.

Ekō ha ritirato gli annunci prima che potessero essere visti dagli utenti. Il gruppo ha chiesto di non divulgare la formulazione esatta degli annunci, ma ha offerto descrizioni di alcuni degli esempi più gravi. Tra gli annunci approvati ce n’è uno, pubblicato in Francia, che “chiedeva l’esecuzione di un importante deputato al Parlamento europeo a causa della sua posizione sull’immigrazione”, nonché un annuncio rivolto agli utenti tedeschi che “chiedeva di radere al suolo le sinagoghe per ‘proteggere i tedeschi bianchi'”. Meta ha anche approvato annunci in Spagna che sostenevano che le ultime elezioni erano state rubate e che i cittadini avrebbero dovuto impegnarsi in proteste violente per annullarle.

“Questo rapporto si basa su un campione molto piccolo di annunci e non è rappresentativo del numero di annunci che esaminiamo quotidianamente in tutto il mondo”, ha dichiarato un portavoce di Meta. “Il nostro processo di revisione degli annunci prevede diversi livelli di analisi e rilevamento, sia prima che dopo la pubblicazione di un annuncio. Stiamo adottando ampie misure in risposta al DSA e continuiamo a investire risorse significative per proteggere le elezioni e vigilare contro l’hate speech, nonché contro la violenza e l’incitamento”.

Sebbene i controlli di Meta abbiano bloccato una manciata di annunci, Ekō afferma che la loro diffusione è stata impedita perché segnalati come politici, non a causa della retorica violenta e piena di odio in essi contenuta. (L’azienda richiede agli inserzionisti politici di sottoporsi a un ulteriore processo di verifica prima di poter pubblicare annunci).

Ekō sta utilizzando il rapporto per chiedere ulteriori garanzie nell’ambito della DSA, una legge di ampia portata che impone alle piattaforme tecnologiche di limitare alcuni tipi di pubblicità mirata e di consentire agli utenti di scegliere di non utilizzare gli algoritmi di raccomandazione. (Diversi servizi, tra cui Facebook, Instagram e TikTok, hanno recentemente apportato modifiche per conformarsi a quest’ultima disposizione). Inoltre, richiede alle piattaforme di identificare e mitigare i “rischi sistemici”, compresi quelli legati ai contenuti illegali e violenti.

“Con pochi clic, siamo stati in grado di dimostrare quanto sia facile per i cattivi attori diffondere discorsi di odio e disinformazione”, ha dichiarato Vicky Wyatt, direttore della campagna di Ekō, in un comunicato. “Con le elezioni europee dietro l’angolo, i leader europei devono applicare il DSA nella sua massima estensione e porre finalmente un freno a queste aziende tossiche”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here