Il memoriale di Auschwitz critica la X di Musk per non aver rimosso i contenuti antisemiti

0
302

Il Memoriale di Auschwitz ha criticato la piattaforma di social media X (ex Twitter) per non aver rimosso un post antisemita.

Il proprietario di X, Elon Musk, si è descritto come un assolutista della libertà di parola, ma alcuni critici hanno affermato che il suo approccio è irresponsabile. I ricercatori hanno riscontrato un aumento dei discorsi d’odio e dei contenuti antisemiti sulla piattaforma da quando Musk ne ha assunto la direzione, e alcuni governi hanno accusato l’azienda di non fare abbastanza per moderare i suoi contenuti.

Il Memoriale di Auschwitz, che conserva il sito del campo di sterminio istituito dalla Germania nazista sul territorio della Polonia occupata durante la Seconda guerra mondiale, ha dichiarato in un post su X di aver segnalato un messaggio antisemita, ma la risposta ricevuta da X è stata che il contenuto non violava le sue regole.

Il memoriale ha pubblicato degli screenshot del messaggio e di quella che, a suo dire, è stata la risposta di X al suo reclamo. “Lasciare incontrollato questo tipo di linguaggio perpetua il ciclo dell’odio e rafforza l’idea che tali discorsi d’odio siano accettabili su questa piattaforma”, ha scritto il memoriale.


Più di 1,1 milioni di persone, per lo più ebrei, morirono nel campo di Auschwitz in camere a gas o per fame, freddo e malattie. Tra il 1941 e il 1945, la Germania nazista e i suoi collaboratori uccisero sistematicamente circa sei milioni di ebrei nell’Europa occupata dai tedeschi.

All’inizio del mese, X ha citato in giudizio un’organizzazione no-profit che combatte i discorsi d’odio e la disinformazione, accusandola di fare affermazioni false e di spaventare gli inserzionisti. Il gruppo, Center for Countering Digital Hate, ha accusato l’azienda di bullismo e ha dichiarato che le sue accuse erano infondate.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here