I 30 migliori personaggi di Mortal Kombat di tutti i tempi

0
1154

Dalle lande desolate di Outworld ai luoghi familiari di Earthrealm, questi sono i migliori personaggi dell’intero universo di Mortal Kombat.
I franchise di giochi di combattimento spesso vivono e muoiono per la forza dei loro roster di personaggi (o per la loro mancanza), e pochi riescono a essere costantemente eccellenti su questo fronte come lo è stato Mortal Kombat nel corso degli anni. Dalla prima irruzione sulla scena con il suo debutto fino a oggi, quando, a distanza di decenni e con numerosi giochi all’attivo, è diventato un fenomeno culturale a sé stante, Mortal Kombat ha regalato alcuni personaggi davvero eccezionali che sono diventati delle icone a tutti gli effetti. In attesa del lancio di Mortal Kombat 1 e della promessa di un nuovo universo rinnovato (e dell’interpretazione unica che darà a tutti questi personaggi), ci guardiamo indietro e stiliamo una classifica di quelli che secondo noi sono stati i migliori personaggi di Mortal Kombat nel corso degli anni.

30. KOTAL KAHN

Introdotto per la prima volta in Mortal Kombat X, Kotal Kahn è uno dei volti più freschi di questa lista, ma ha avuto un impatto abbastanza forte da meritare un posto. Come sovrano di Outworld, forte, deciso e allo stesso tempo onorevole, si distingue dai suoi predecessori per alcuni aspetti interessanti, mentre il suo arco personale – che lo vede cercare di tenere sotto controllo una guerra civile in corso – è altrettanto forte. Certo, a volte è un po’ stupido, ma questo è Mortal Kombat: tutti possono essere un po’ stupidi.

29. Rain

Uno dei tanti casi in cui qualcuno in Mortal Kombat ha iniziato come un personaggio da barzelletta e in qualche modo è riuscito a farsi strada nella cerchia ristretta (o quasi), Rain è probabilmente un personaggio migliore di quanto la sua posizione nella gerarchia della serie possa far credere. La sua storia è estremamente interessante (almeno una volta che la si approfondisce) e le sue abilità (può letteralmente far piovere) rappresentano un’interessante novità.

28. ERRON Black

Cosa si ottiene quando si combina un pistolero della Frontiera americana con la capacità del franchise di Mortal Kombat di ritrarre i suoi personaggi nel modo più figo possibile? Si ottiene un buon personaggio garantito, ecco cosa. Erron Black potrebbe non essere così importante o non avere tanto tempo di schermo come molti dei suoi colleghi, ma quando appare, non si può fare a meno di rimanere incollati a ogni singola cosa che fa o dice.

27. NIGHTWOLF

Dalla sua storia unica e intrigante di sciamano al modo in cui si traduce nel suo stile di combattimento in termini di gioco effettivo, Nightwolf è sempre stato uno dei personaggi più unici e intriganti di Mortal Kombat per anni. Giocare nei panni di un personaggio il cui stile enfatizza la difesa quasi quanto l’attacco potrebbe sembrare un po’ innaturale in un gioco di Mortal Kombat all’inizio, ma una volta capito come usarlo, può essere incredibilmente divertente da giocare.

26. FUJIN

Mortal Kombat 4 aveva molte cose che non andavano, ma l’introduzione di Fujin è stata senza dubbio uno dei suoi indiscutibili successi. Arrivando come controparte di Raiden e apportando il suo tocco unico con la sua attenzione alle abilità basate sul vento invece che su quelle infuse elettricamente, Fujin ha raggiunto il perfetto equilibrio tra la sensazione di essere completamente nuovo e abbastanza familiare. Speriamo che i futuri giochi di Mortal Kombat lo utilizzino in modo più evidente di quanto non abbiano fatto negli ultimi anni.

25. KABAL

Kano è forse il membro più popolare del Drago Nero (di cui parleremo tra poco), ma Kabal è un altro personaggio che non si può non amare. Non solo ha un design visivo eccellente (grazie soprattutto al suo respiratore e al volto orribilmente sfregiato che nasconde sotto di esso), ma è anche uno dei personaggi più letali e divertenti da interpretare. La sua assurda velocità e agilità possono essere un po’ difficili da gestire, ma una volta che ci si riesce, Kabal può essere praticamente inarrestabile.

24. QUAN-CHI

Saremo caritatevoli e definiremo il debutto di Quan-Chi come un debutto deludente, ma non c’è dubbio che, col tempo, si sia evoluto in un ottimo antagonista. Il fatto che sia riuscito a uccidere definitivamente Liu Kang – cosa che nemmeno Shao Kahn è mai riuscito a fare – lo rende da solo uno dei migliori cattivi della serie, ma se a questo si aggiungono le sue imprese che hanno sconvolto l’esistenza quando faceva parte della famosa alleanza mortale con Shang Tsung, diventa ancora più memorabile.

23. SEKTOR

Mortal Kombat vanta numerosi personaggi cyborg memorabili, e uno in particolare che si distingue nella memoria è Sektor. Sektor è il personaggio più palesemente malvagio di tutti i personaggi di questo gruppo e i fan della serie amano odiarlo. Inoltre, il fatto che giocare nei suoi panni e utilizzare le sue abilità non è mai stato così divertente, ce lo fa apprezzare ancora di più.

22. CYRAX

Cyrax può essere stato un po’ difficile da convincere quando è stato introdotto per la prima volta in Mortal Kombat 3 (proprio come Sektor), ma col tempo è diventato un vero e proprio beniamino dei fan. Con la sua armatura accattivante e le sue trecce, ha un design visivo che rimane impresso nella memoria, mentre è molto divertente usare la sua rete e i suoi detonatori in combattimento. È stato anche al centro di alcune delle storie più interessanti di Mortal Kombat.

21. SINDEL

Come Sindel ha dimostrato più volte, può essere uno dei personaggi più devastanti di Mortal Kombat. Spesso si è lasciata alle spalle un’enorme quantità di morti e ha anche fatto da catalizzatore per alcuni dei più importanti archi narrativi della serie. Nel corso degli anni, ha anche oscillato tra l’essere un’antagonista e uno dei buoni, e indipendentemente dal modo in cui è stata ritratta, è rimasta un personaggio avvincente.

20. SHAO KAHN

Shao Kahn, il cattivo per antonomasia del franchise di Mortal Kombat, ha un posto assicurato in qualsiasi lista come questa. Dal suo debutto intimidatorio e dal fatto che era un personaggio difficile da battere al suo eccellente design visivo, dal suo stile di combattimento micidiale al fatto che ti dice apertamente che fai schifo (con altrettante parole) mentre ti colpisce con il suo martello gigante, non c’è carenza di cose che amiamo dell’Imperatore dell’Outworld.

19. REPTILE

Un beniamino dei fan che non ha quasi mai ricevuto l’attenzione e il risalto che molti ritengono di meritare. Che si tratti della sua forma rettiliana simile a quella di un dinosauro o di quella umana, Reptile ha catturato il cuore dei fan di Mortal Kombat più e più volte. È triste vederlo trattato come uno zerbino dalla storia della serie? Sicuramente, ma non riusciamo nemmeno a immaginare un universo di Mortal Kombat senza Reptile.

18. GORO

Con il passare del tempo Goro è diventato molto meno importante per l’intera serie, ma non dimenticheremo mai la paura pura che evocava quando lo abbiamo visto per la prima volta nel Mortal Kombat originale. Con la sua forma massiccia e le sue quattro braccia muscolose, il Principe degli Shokan era uno spettacolo terrificante da vedere e, di certo, affrontarlo in un combattimento uno contro uno è stato all’altezza della sua fama. È passato molto tempo dal debutto di Goro, ma ancora oggi rimane uno dei personaggi più iconici e riconoscibili di Mortal Kombat.

17. ERMAC

Nato come uno dei tanti cambi di palette ninja di Mortal Kombat, Ermac non ha tardato a diventare uno dei personaggi più affascinanti della serie. Non solo la premessa di base del personaggio, che consiste nell’avere una moltitudine di anime che abitano un unico corpo, è immediatamente avvincente, ma Ermac è anche un vero spasso da controllare nei combattimenti. Combinando abilità telecinetiche e attacchi agili, questo ninja rosso è uno dei preferiti dai fan per una buona ragione.

16. KUNG LAO

Da non confondere con il Grande Kung Lao, il suo omonimo si è fatto apprezzare dai fan di MK nel corso degli anni, anche se non è diventato popolare come Liu Kang, il suo migliore amico e rivale. Non solo Kung Lao ha avuto alcune delle migliori Fatality nei giochi di Mortal Kombat nel corso degli anni, ma è anche uno spasso da giocare, grazie soprattutto alla sua capacità di smembrare e decapitare i nemici usando il suo cappello affilato come un rasoio.

15. BARAKA

Il generale dell’orda dei Tarkatan è stato il tentativo di Mortal Kombat 2 di superare il puro fattore intimidatorio di Goro e, bisogna dirlo, è stato un tentativo decisamente buono. Non solo Baraka ha l’aspetto di un incubo ambulante, ma anche il suo stile di combattimento lo conferma, dai suoi attacchi brutali e martellanti alle Fatality viscerali che infligge alle lame d’osso retrattili nelle sue braccia.

14. JAX BRIGGS

Una colonna portante dell’universo di Mortal Kombat, Jax esiste da molto, molto tempo e, come la maggior parte dei fan di MK, possiamo dire di esserne sempre stati grandi estimatori. Dal punto di vista narrativo, la trilogia reboot di NetherRealm gli ha conferito un’eccellente caratterizzazione, grazie soprattutto alle dinamiche che condivide con i personaggi che lo circondano (come Sonya e Jacqui), mentre a livello di gioco è un personaggio solido da usare, grazie alle sue braccia bioniche.

13. FUMO

Un altro guerriero Lin Kuei che da anni occupa un posto speciale nel cuore dei fan di Mortal Kombat, Smoke è uno dei ninja e cyborg più particolari della serie. E non solo perché può trasformarsi in fumo, anche se questo sarebbe stato un motivo sufficiente. Forse non è uno dei personaggi più prominenti o importanti dal punto di vista narrativo di Mortal Kombat, ma sia in combattimento che al di fuori di esso è stato ampiamente amato dalla fanbase ogni volta che è apparso.

12. JADE

Non ci sono molti personaggi così ferocemente amati dalla comunità di Mortal Kombat come Jade. Grazie al perfetto equilibrio tra velocità e forza, Jade e il suo devastante bastone sono uno dei personaggi più divertenti da interpretare nella serie. Dal punto di vista narrativo, per molto tempo non ha avuto molte cose interessanti da raccontare, ma negli ultimi anni la sua importanza è cresciuta e si è trovata coinvolta in alcuni archi avvincenti.

11. MILEENA

Gemella geneticamente modificata di Kitana, Mileena è una delle antagoniste più temibili di Mortal Kombat, il che è tutto dire (soprattutto dopo la sua eccellente interpretazione nella trilogia di NetherRealm). È stata al centro di alcune delle storie più memorabili della serie negli ultimi anni, mentre il fatto che possa letteralmente staccare a morsi la testa dei suoi nemici in un batter d’occhio la rende una beniamina dei fan sul campo di battaglia.

10. KANO

Personaggio che tutti amiamo odiare, Kano è stato una spina nel fianco dei buoni di Mortal Kombat da quando Mortal Kombat esiste. La sua depravazione e la sua odiosa astuzia non hanno mai avuto fine, e più volte si è dimostrato un ostacolo importante per gli eroi, ed è questo che lo ha reso un personaggio così avvincente. La sua lunga faida con Sonya Blade e Jax ha preso molte pieghe nel corso degli anni, ma in qualche modo è sempre riuscito a rimanere uno dei personaggi più interessanti di Mortal Kombat.

9. SONYA BLADE

Stiamo entrando nell’arena dei veterani e, tra questi, Sonya Blade è ovviamente la preferita dai fan. L’agente delle Forze Speciali è stata un punto focale delle storie di Mortal Kombat fin dall’inizio ed è cresciuta di importanza con il passare del tempo. Le sue relazioni e interazioni con personaggi come Johnny, Jacqui, Jax e Kano hanno cementato il suo posto nel cuore dei fan di Mortal Kombat.

8. KITANA

Potremmo parlare all’infinito degli elementi che rendono Kitana uno dei personaggi più iconici di Mortal Kombat. I suoi ventagli di lame che usa con grande efficacia, la rivalità di lunga data con il suo clone malvagio Mileena, il suo eccellente design visivo, il fatto che, nonostante sia associata in modo così forte all’Outworld, sia sempre stata una dei buoni. Sin dalla sua nascita, Kitana è stata uno dei migliori personaggi di MK, e questo vale anche oggi.

7. RAIDEN

Per molti versi, Raiden è il fulcro della storia di Mortal Kombat, e questo è stato vero più volte nel corso degli anni (anche se sembra che Liu Kang stia per assumere questo ruolo). Raiden ha guidato più volte la carica contro i cattivi dell’universo di Mortal Kombat e ha svolto il ruolo di comandante anche nel suo momento peggiore (anche se nel suo momento peggiore non è stato un buon comandante, per non dire altro). Metterlo così in alto nella lista è un po’ scontato, onestamente.

6. JOHNNY CAGE

Chi non ama questo assoluto imbranato? Vedere un attore hollywoodiano che ama le arti marziali in mezzo a un roster pieno di personaggi folli e fantastici è bastato a distinguerlo da tutti gli altri già nel primo gioco e, nel tempo, la popolarità di Johnny non ha fatto che crescere. Non possiamo fare a meno di amare il suo atteggiamento carismatico, il modo in cui interagisce con gli altri personaggi o il modo in cui cresce e si evolve in un vero e proprio leader con il passare del tempo. Una vera leggenda di MK in tutti i sensi.

5. SHANG TSUNG

Shao Kahn può essere il grande cattivo dell’universo di Mortal Kombat, Quan-Chi può essere l’unico ad aver battuto Liu Kang, Onaga può essere stato il catalizzatore della distruzione dell’universo e Kronika può essere colui che ha portato alla creazione di una linea temporale completamente nuova, ma come primo antagonista principale del franchise, Shang Tsung occupa un posto speciale nei nostri cuori come nessun altro cattivo di Mortal Kombat. Il suo succhiare l’anima, il suo invecchiamento accelerato, il modo in cui continua a trovare il modo di rovinare le cose per i buoni più volte: Shang Tsung non manca di attributi che lo rendono un cattivo così meravigliosamente deplorevole.

4. LIU KANG

Probabilmente, il vero protagonista dell’universo di Mortal Kombat. Raiden sarà anche il protettore di Earthrealm, ma quasi tutte le principali minacce che i buoni hanno affrontato nella serie nel corso degli anni sono state sconfitte da Liu Kang. Più volte ha dimostrato di essere il guerriero più forte di Earthrealm e più volte è stato determinante per alcune delle storie più cruciali della serie.

3. NOOB SAIBOT

I fan di Mortal Kombat sono sempre stati affascinati da Noob Saibot e questo è vero ancora oggi, anche se il suo personaggio non ha più l’aria di mistero che aveva ai suoi esordi. In vita era Sub-Zero, ma dopo essere stato ucciso da Scorpion, l’ex guerriero del Lin Kuei Bi-Han è tornato in forma di revenant come Noob Saibot, dimostrando di essere uno dei personaggi più intimidatori ed enigmatici della serie. Il suo moveset, il design del personaggio, la sua storia e i dettagli dietro le quinte di come è nato il personaggio lo rendono una delle personalità più magnetiche di MK.

2. SUB-ZERO

Per chi non lo sapesse, stiamo parlando di Kuai Liang, che è Sub-Zero fin dalla sua introduzione in Mortal Kombat 2, dove ha assunto il ruolo dopo la morte del suo predecessore (e fratello maggiore) Bi-Han. Definire Sub-Zero un personaggio iconico sarebbe un eufemismo, e il suo status è cresciuto con il passare del tempo. Dal suo moveset infuso nel ghiaccio alla rivalità e alla crescente dinamica con Scorpion, fino alla sua storia con il Lin Kuei e la loro iniziativa cibernetica, Sub-Zero è facilmente uno dei personaggi più avvincenti della serie.

1. SCORPION

Volto indiscusso del franchise, anche se non è centrale nella narrazione più ampia come Liu Kang, Scorpion è stato a lungo il personaggio più popolare di Mortal Kombat e non crediamo che questo cambierà presto. Le sue memorabili Fatality, la sua lancia, il design del personaggio, Ed Boon che urla “vieni qui”, le storie avvincenti di cui è stato protagonista nel corso degli anni: è facile capire perché Scorpion sia così amato.
Metterlo in cima a questa lista è stata una scelta piuttosto facile, alla fine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here