Google Chrome: ecco alcuni motivi per smettere di usarlo

0
231
Google Chrome

Google Chrome è il browser più utilizzato al mondo. Tuttavia questo non significa che sia il migliore presente sul mercato. Vediamo alcuni motivi per smettere di usare Chrome.

Perché smettere di usare Google Chrome?

Google Chrome è senza dubbio il browser più utilizzato al mondo ed è presente ormai su quasi tutti i dispositivi. Tuttavia ci sono diversi motivi per cui Chrome non dovrebbe essere così tanto utilizzato. Innanzitutto, solo perché tutti lo utilizzano non significa che sia il migliore sul mercato. Un problema di Chrome è la sicurezza delle estensioni. Le estensioni, o componenti aggiuntivi di terze parti, sono diventate fonte di problemi mettendo a rischio la stabilità del browser oltre che la sicurezza degli utenti. Il modo in cui Google ha gestito il suo Chrome Web Store, che era ancora più aperto del suo Google Play Store per Android, ha complicato i problemi.  

In cambio di un ecosistema più aperto, non c’era quasi nessun controllo di qualità e molte estensioni cariche di malware sono state in grado di sfuggire alle fessure, spesso mascherate da estensioni provenienti da sviluppatori rispettabili. Google ha cercato di tappare quel grande buco, ma la sua strategia è stata un’arma a doppio taglio. Ha limitato l’accesso alle estensioni per mitigare gli effetti collaterali negativi delle estensioni dannose, ma ha anche rimosso le funzionalità necessarie per alcune estensioni. 

Impostazioni complesse

Un altro problema di Chrome è che è, come tutti i prodotti Google, complesso nelle impostazioni. Ci sono pro e contro in questa “caratteristica”, ovviamente. Da un lato, offre all’utente un maggiore controllo su come si comporta un browser, consentendo di modificare quasi ogni aspetto dell’esperienza. D’altra parte, è fin troppo facile perdersi in un mare di opzioni, ed è anche altrettanto facile seppellire importanti impostazioni di privacy o sicurezza per scoraggiare gli utenti dal cercarle. Chrome ha anche il difetto di essere lento nello sviluppare nuove funzionalità.  Ciò significa che Chrome non è sempre al passo con le ultime tendenze o i desideri degli utenti.

Problemi nella privacy

Chrome non eccelle neanche dal punto di vista della privacy. Chrome viene utilizzato come banco di prova degli sforzi di Google per la privacy, in particolare le nuove tecnologie progettate per bloccare annunci e tracker dannosi mentre promuovono quelli buoni. È ancora un lavoro in corso, tuttavia, e deve ancora superare il controllo normativo e di mercato, soprattutto considerando che alcuni dubitano che funzionerà davvero a favore della privacy degli utenti. Chrome da anche un falso senso di sicurezza. La modalità di navigazione in incognito ad esempio nasconde davvero l’attività dell’utente a chiunque altro utilizzi lo stesso dispositivo e lo stesso browser o profilo del browser. Tuttavia, non nasconde completamente le tue attività dai siti Web che utilizzano altri metodi per tracciare la tua presenza. Inoltre, Chrome può inviare comunque alcuni dati ai server di Google per i soliti scopi di telemetria.

Infine il più grande problema per Chrome è che Google ha troppa influenza nella direzione in cui sta andando il Web. Se Google decide che Chrome bloccherà i siti che utilizzano questa o quella tecnologia o richiederà che i siti implementino una nuova funzionalità, la maggior parte dei siti Web dovrà adeguarsi per soddisfare le richieste di Google. 


Leggi anche: Chrome vs Firefox: quale è migliore?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here