Funghi e micelio, uno studio per dispositivi indossabili

0
758
Funghi e micelio

In un recente studio intitolato `Reactive fungal wearable ‘, i ricercatori stanno sperimentando dei funghi e micelio come potenziale candidato per produrre tessuti sostenibili. Che possano essere utilizzati come bio indossabili ecologici. Ad esempio, i processori in dispositivi indossabili tecnologici come Fitbits potrebbero essere sostituiti incorporando micelio di funghi.

Chi sta collaborando?

La joint venture di ricerca è intrapresa dall’Università dell’Inghilterra occidentale, Bristol, Regno Unito (UWE Bristol). In collaborazione con Mogu Srl e l’istituto Italiano di Tecnologia, Torino. La Facoltà di Informatica, Multimedia e Telecomunicazioni del L’Universitat Oberta de Catalunya (UOC). Insieme hanno valutato il potenziale di dei funghi relativamente ai dispositivi indossabili.

I ricercatori hanno condotto diversi esperimenti di laboratorio sulla risposta elettrica di un tessuto di canapa catturato dai funghi ostrica collegandolo a sensori del computer e stimolandolo con attrattivi e repellenti. I dispositivi indossabili richiedono circuiti complessi e sofisticati che si collegano a sensori con almeno una certa potenza di calcolo, rendendoli così ‘intelligenti’.

Funghi e micelio: come funziona

Il micelio del fungo di ostrica, i tessuti fibrosi dei funghi che popolano il suolo e da cui i funghi germogliano sono stati in grado di percepire diversi stimoli esterni come luce, temperatura e umidità. Nonché alcune sostanze chimiche nell’ambiente e persino segnali elettrici in un modo che imita la stessa funzione per sensori e processori.

Per spiegare ulteriormente questo concetto, utilizziamo un esempio di un cardiofrequenzimetro e utilizziamo i risultati dello studio. Le percezioni dell’ambiente del fungo diventerebbero i dati che danno il conteggio dei battiti al minuto su questo dispositivo.

Lo studio dei funghi e micelio

Il dottor Mohammad Mahdi Dehshibi, ricercatore presso lo Scene Understanding and Artificial Intelligence Lab (SUNAI) dell’UOC è l’autore dello studio. Ha affermato che i funghi costituiscono il gruppo più grande, più diffuso e più antico di organismi viventi del pianeta. “Crescono estremamente veloce e si legano al substrato con cui vengono combinati. Sono persino in grado di elaborare le informazioni in un modo che assomiglia ai computer. Possiamo riprogrammare una geometria e una struttura teorica dei grafici delle reti di micelio e quindi utilizzare l’attività elettrica dei funghi per realizzare circuiti di calcolo. I funghi non solo rispondono agli stimoli e attivano i segnali di conseguenza, ma ci consentono anche di manipolarli per svolgere compiti, in altre parole, per elaborare le informazioni”.

Il micelio

Il micelio è l’apparato vegetativo dei funghi ed è formato da un intreccio di filamenti. Per natura, il micelio si organizza in strutture geometriche all’interno e in tutto il suolo. Ma il micelio fungino non ha molte ragioni per riconoscere i segnali elettrici in natura che conosciamo. Il Prof.Adamtzky sta sperimentando di riprogrammare i geni del micelio del fungo ostrica, per ottimizzare la potenza di rilevamento dei segnali elettrici.

I prodotti a base di micelio sono già utilizzati commercialmente nella costruzione. “Puoi modellarli in forme diverse come faresti con il cemento, per sviluppare uno spazio geometrico sono necessari solo tra cinque giorni e due settimane. Hanno anche una piccola impronta ecologica. Infatti, dato che si nutrono di rifiuti per crescere, possono essere considerati rispettosi dell’ambiente”. Con i risultati di questo studio, gli autori dell’articolo non intendono sostituire i chip di silicio: le reazioni fungine sono troppo lente per questo. Piuttosto, pensano che i risultati potrebbero aiutare gli esseri umani a utilizzare il micelio che cresce in un ecosistema come un `sensore ambientale su larga scala’.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here