Fotocamera delle dimensioni di un granello di sale

0
652
Fotocamera delle dimensioni di un granello di sale

I ricercatori dell’Università di Princeton e dell’Università di Washington hanno sviluppato una fotocamera dalle dimensioni di un granello di sale. Il dispositivo è in grado di produrre foto come una fotocamera con un obiettivo 500.000 volte più grande di volume.

I ricercatori hanno sviluppato una fotocamera delle dimensioni di un granello di sale?

Un gruppo di ricercatori di Princeton e dell’Università di Washington hanno sviluppato una fotocamera delle dimensioni di un granello di sale grosso. In genere le nanocamere producono una qualità dell’immagine scadente. Tuttavia, i ricercatori hanno trovato un modo per produrre immagini nitide a colori paragonabili alle fotocamere convenzionali 500.000 volte più grandi. Secondo quanto riferito dalla rivista Nature Communications, il sistema è sviluppato con una tecnologia chiamata metasuperficie. La struttura dell’oggetto è composta da 1,6 milioni di perni cilindrici ed è larga solo mezzo millimetro. Ogni perno funziona come una sorta di “antenna ottica” in grado di catturare correttamente la luce riflessa da un oggetto. Dopo che la luce raggiunge la metasuperficie, viene quindi elaborata da un algoritmo di elaborazione del segnale. L’intera configurazione è chiamata Neural Nano-Optics e in futuro sarà migliorata ulteriormente.

Il team vuole aggiungere il rilevamento di oggetti

Il prossimo obiettivo del team di ricerca è aggiungere più capacità computazionali alla tecnologia. Il team ha affermato che dopo l’ottimizzazione della qualità delle immagini vogliono anche incorporare il rilevamento degli oggetti e altre capacità di rilevamento per rendere la fotocamera utile per la medicina e la robotica.  “Potremmo trasformare singole superfici in fotocamere ad altissima risoluzione, quindi non avresti più bisogno di tre fotocamere sul retro del telefono, ma l’intero retro del telefono diventerebbe un’unica fotocamera gigante”, ha affermato Felix Heide, autore senior dello studio e assistente professore di informatica a Princeton. “Possiamo pensare a modi completamente diversi di costruire dispositivi in ​​futuro”.


Leggi anche: Instax mini Evo: la nuova fotocamera Hybrid di FUJIFILM

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here