Assassin’s Creed Mirage sarà tre volte più corto di Assassin’s Creed Valhalla!

0
278

Siete stanchi dei giochi di Assassin’s Creed troppo lunghi? Mirage, in uscita a ottobre, sarà molto più breve. In 20 ore la storia sarà conclusa.
Dopo una pausa di quasi tre anni, la saga di Assassin’s Creed sta per tornare con un’opera nuova di zecca. La sua promessa? Essere una vera e propria lettera d’amore, scritta per celebrare il quindicesimo anniversario della saga. Questo ritorno alle origini si traduce in una rifocalizzazione sui pilastri del marchio, allontanandosi dal genere open-world dell’ultimo opus. Come ha dichiarato Fabian Salomon, produttore di Assassin’s Creed Mirage, a Julien Chièze in un’intervista pubblicata su YouTube il 29 luglio, questo avrà un impatto sulla durata del gioco.

“In base agli ultimi dati che abbiamo ricevuto, ci aggiriamo intorno alle 23/24 ore”, afferma Fabian Salomon, che spiega che Ubisoft effettua molti test interni. Le 23/24 ore sono considerate una media. I giocatori più veloci impiegheranno 20 ore, mentre gli appassionati del 100% si avvicineranno alle 30 ore. Qualunque sia il vostro profilo di gioco, siamo ben lontani dalle decine e decine di ore promesse da Assassin’s Creed Valhalla.


Secondo i dati forniti dal sito How long to beat, che fornisce una stima della durata di un gioco, sono necessarie poco più di 60 ore per completare la campagna principale di Assassin’s Creed Valhalla (45 ore per Assassin’s Creed Odyssey). Assassin’s Creed Mirage è quindi tre volte più corto del suo predecessore, e questo non deve essere visto come un difetto. Troppi contenuti, se da un lato possono essere un argomento di comunicazione, dall’altro possono tendere a scoraggiare i giocatori. Potrebbero essere tentati di rinunciare molto prima dello scorrere dei titoli di coda.

Fabian Salomon confida che la narrazione sarà al centro del gioco ambientato a Baghdad, mentre tendeva a essere diluita in Valhalla (così come in Odyssey e Origins). Spiega: “La narrazione è molto importante per l’avventura. L’idea è quella di capire chi è Basim (…). Per noi era importante avere una storia che finisse”. Basim è un personaggio che incontriamo nel Valhalla e, ovviamente, Assassin’s Creed Mirage farà da collegamento. Tuttavia, non è necessario aver terminato Valhalla per capire cosa c’è in gioco in Mirage, che intende riportare l’infiltrazione e l’assassinio al centro del gameplay.


Potremmo assistere a un cambio di paradigma in Ubisoft? Perché Assassin’s Creed Mirage non sarà l’unico gioco importante della multinazionale a concentrarsi maggiormente sull’essenziale. In una recente dichiarazione, Ubisoft ha annunciato che Star Wars: Outlaws, il suo ambizioso adattamento dell’universo di George Lucas, non sarà un “interminabile gioco di oltre 300 ore”. Tanto meglio per le nostre vite sociali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here