Apple 6G: si lavora per sviluppare la nuova super rete

0
785
Apple 6G

Il 5G è entrato a rivoluzionare il mondo della Telefonia in generale, ma ora Apple vuole già pensare in avanti. Si vocifera infatti che Apple voglia incentrarsi sul 6G che potrebbe dare una spinta maggiore all’innovazione e allo sviluppo. Inoltre sarebbe una decisione che travolgerebbe in anticipo la concorrenza che però di sicuro non si lascerebbe trovare impreparata. Che dite volete avventurarvi nel mondo 6G? entriamo a conoscere tutto.


CPU Apple M1: attenti ai malware


Apple 6G: cosa sta accadendo nell’azienda?

Apple ha pubblicato online alcune offerte di lavoro in cui l’azienda indica di essere alla ricerca di persone che possano contribuire allo sviluppo di una rete 6G. In questo modo l’azienda sembra voler diventare meno dipendente da Qualcomm. I due posti vacanti sono stati notati da Bloomberg. Il sito web scrive che i posti vacanti riguardano posizioni negli uffici Apple a San Diego e nella Silicon Valley. A San Diego l’azienda sta cercando un “Wireless Research Systems Engineer- 5G/6G”, a Cupertino Apple ha bisogno di un “RAN1 / RAN4 Standards Engineer”. Nell’annuncio di lavoro a San Diego, Apple chiede al candidato di aiutare “a fornire la progettazione di sistemi di reti di accesso radio rivoluzionarie di prossima generazione”. L’offerta di lavoro menziona specificamente il 6G come una delle tecnologie su cui il candidato avrebbe lavorato. La persona assunta nel posto vacante di Cupertino farà parte del team che lavora sugli standard 5G. Il richiedente contribuirà a fornire contributi tecnici alle specifiche 4G e 5G. In questo annuncio di lavoro viene menzionata anche la ricerca sugli “standard di prossima generazione come il 6G”.

Apple: lavorerà ancora sul 5G?

Anche se Apple stia gettando le basi per essere un attore chiave nel 6G, ha molto lavoro da fare per sfruttare appieno il 5G, una tecnologia agli inizi. La società non ha esteso il 5G ad altri dispositivi come l’Apple Watch e l’iPad e vende più iPhone che utilizzano la vecchia tecnologia 4G. È probabile che il primo modem di Apple sarà per la connettività 5G.Inoltre ha anche intensificato il lavoro sui propri schermi personalizzati e sulle tecnologie della fotocamera, oltre ai chip wireless per AirPods, Apple Watch e dati precisi sulla posizione.

Johny Srouji, responsabile della tecnologia personalizzata e dei chip di Apple, ha affermato che “gli investimenti strategici a lungo termine come questi sono una parte fondamentale per abilitare i nostri prodotti e assicurarci di avere una ricca pipeline di tecnologie innovative per il nostro futuro.”

Apple 6G: si allontana dal Qualcomm?

Apple è alla ricerca di esperti nel campo del 5G e del 6G, in quanto il primo iPhone con supporto 5G è uscito solo pochi mesi fa. Per questo tuttavia l’azienda utilizza un modem di Qualcomm. Quindi Apple si sta chiaramente concentrando sempre di più sulla progettazione del proprio hardware come ha fatto da dieci anni con i SoC per i suoi smartphone e più recentemente con il nuovo processore M1 per computer. Presumibilmente la società si concentrerà inizialmente anche sullo sviluppo del proprio modem 5G che lo renderà indipendente da Qualcomm.

Apple 6G: quali saranno le migliorie?

Come sarà il 6G? La sesta generazione dei network dovrebbe fare capolino nei prossimi anni aumentando la velocità di trasmissione da fino a 10 volte rispetto al 5G. Dunque teoricamente a 100 gigabit al secondo, fino ad addirittura 8000 volte fino a 1 terabyte al secondo facendo soprattutto scendere la latenza sotto i 100 microsecondi. In Europa è già partito il progetto esplorativo Hexa-X. Il 6G andrà di sicuro a rivaleggiare con i sistemi che sfruttano le reti di satelliti per la trasmissione di dati come il progetto Starlink ora aperto anche ai clienti italiani.

In cosa consiste la Next G Alliance?

L’anno scorso Apple insieme ad altre società come LG e Google è entrata a far parte della cosiddetta “Next G Alliance”. Sono le aziende che vogliono gettare le basi per la tecnologia che succederà al 5G. Tuttavia lo sviluppo di questa tecnologia è ancora in una fase iniziale e ci vorranno probabilmente molti anni prima che possa essere trovata nelle apparecchiature di consumo. Ma come si dice Roma non è stata costruita in un giorno e chi ben comincia è già a metà dell’opera. Vedremo cosa accadrà più avanti.

Pagina Twitter Apple: https://twitter.com/apple

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here