Uber: la decisione del tribunale non sarà per tutti

0
327
Uber

La Corte Suprema del Regno Unito ha deciso che gli autisti di Uber nel Regno Unito sono lavoratori impiegati e non lavoratori autonomi. Tuttavia l’azienda americana ha dichiarato che la decisione riguardava solo un piccolo numero di conducenti

Cosa è stato deciso in tribunale?

Uber consente alle persone di prenotare taxi e servizi di consegna tramite la sua app, quindi elenca questi lavori affinché i conducenti possano accettare. L’azienda ha sempre considerato i suoi autisti britannici come lavoratori autonomi e li ha pagati per ogni corsa o consegna che effettuano, piuttosto che pagare un salario fisso. La Corte Suprema del Regno Unito si è ora pronunciata contro questo, affermando che i conducenti di Uber devono essere considerati “lavoratori”. 

Cosa significa essere considerati “lavoratori”

Significa che a differenza dei lavoratori autonomi, dovrebbero ricevere un salario minimo e una retribuzione per le ferie. Un “lavoratore” è leggermente diverso da un “dipendente”. Tuttavia: i lavoratori non hanno sempre diritto all’indennità di malattia e al congedo di maternità o paternità.

Uber: la decisione del tribunale non si applica a tutti

Nonostante la sentenza storica, Uber ha dichiarato che la decisione della Corte Suprema britannica sui diritti dei lavoratori presso il servizio riguardava solo un piccolo numero di conducenti e che ora lancerà una consultazione sui cambiamenti necessari. “Rispettiamo la decisione della Corte che si è concentrata su un numero limitato di conducenti che hanno utilizzato l’app Uber nel 2016“, ha affermato Jamie Heywood, capo di Uber per l’Europa settentrionale e orientale. “Ora ci consulteremo con tutti i conducenti attivi in ​​tutto il Regno Unito per comprendere i cambiamenti che vogliono vedere“.

Carenza di Notebook, potrebbe continuare per mesi?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here