Netflix password: nasce la tariffa per gli account

0
385

Netflix sta testando un nuovo modo per affrontare la condivisione delle password in Argentina, El Salvador, Guatemala, Honduras e Repubblica Dominicana come riportato per primo da Bloomberg. Il test richiederà agli utenti di pagare una tariffa aggiuntiva se utilizzano un account al di fuori della propria famiglia per oltre due settimane. Il costo aggiuntivo sarà di 219 pesos (1,17 dollari in Argentina) e 2,99 dollari ovunque. Secondo Netflix gli account degli abbonati hanno una casa principale in cui possono accedere a Netflix attraverso i loro dispositivi e hanno la possibilità di viaggiare e utilizzare Netflix in movimento.


Stray: un videogioco graffiante e emozionante


Netflix password: i vari piani

Il test consentirà agli utenti di acquistare case aggiuntive, offrendo agli utenti in quelle località la possibilità di utilizzare il servizio anche su dispositivi in ​​quelle località. In questi paesi, Netflix sta anche lavorando a una funzione che consentirà di tenere traccia di dove viene utilizzato il vostro account e limitare l’accesso. Se avete il piano Basic, potete aggiungere una casa in più, se siete sul piano Standard potete aggiungerne fino a due e su Premium potete aggiungerne fino a tre. “È fantastico che i nostri abbonati amino così tanto i film e i programmi TV Netflix che vogliono condividerli in modo più ampio”, ha dichiarato Chengyi Long Direttore dell’innovazione di prodotto di Netflix. “Ma l’odierna condivisione diffusa degli account tra le famiglie mina la nostra capacità a lungo termine di investire e migliorare il nostro servizio”.

Netflix password: quanto si pagherà?

Ciò amplia il test esistente di Netflix che spinge gli abbonati in Costa Rica, Perù e Colombia a pagare un extra per gli utenti che vivono fuori dalle loro famiglie. Netflix sta attualmente addebitando agli utenti un extra di 2.380 CLP (2,52 dollari USD) in Cile, 2,99 dolalri USD in Costa Rica e 7,9 PEN (2,02 dollari USD) in Perù per aggiungere fino a due “sottoconti” aggiuntivi a un account esistente. La società ha anche iniziato a sperimentare uno strumento di trasferimento del profilo che dovrebbe rendere più facile per qualcuno trasferire i propri consigli, la cronologia delle visualizzazioni e la sua lista. Questo è un modo per la piattaforma di spingere passivamente i condivisioni di password verso l’apertura di un nuovo account o l’accesso a un subaccount. A maggio, un rapporto del Resto del Mondo ha rivelato confusione tra gli abbonati che partecipano al test in Perù. 

La perdita di abbonati

Secondo quanto riferito alcuni abbonati non erano sicuri della definizione di Netflix “di famiglia”, mentre altri sono stati in grado di aggirare un messaggio inteso a convalidare i proprietari di account. Netflix non ha specificato come determina la differenza tra casa e un abbonato che è in viaggio o cosa succede se rifiuta di pagare un extra quando richiesto. Netflix ha annunciato per la prima volta che avrebbe testato i modi per addebitare la condivisione delle password a marzo, solo poche settimane dopo aver annunciato aumenti di prezzo per i clienti Statunitensi. Netflix sta anche lavorando a un’opzione di abbonamento supportata dalla pubblicità e proprio la scorsa settimana ha affermato che collaborerà con Microsoft per alimentare i suoi annunci pubblicitari. L’azienda ha chiare ragioni per cercare nuovi modi per generare entrate. Ad aprile dopo un boom di abbonati all’inizio della pandemia ha annunciato ad aprile di aver perso abbonati per la prima volta in più di un decennio. Domani 19 Luglio verrà pubblicato il prossimo rapporto sugli utili trimestrali della società.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here