L’adorabile Easter egg di Spider-Man 2 ci ricorda di giocare ai giochi indie

0
312

Chris Plante ha co-fondato Polygon nel 2012 come editor-at-large e ora è redattore capo. Ha anche creato e occasionalmente insegna il corso Introduction to Games Journalism della NYU.
Se metti libri, giochi o scatole di DVD all’interno del tuo videogioco, li ispezionerò fino all’ultimo. Questo e i bagni dei videogiochi sono il mio particolare peccadillo e vi sarei grato se non mi giudicaste.

Di solito, utilizzando la modalità foto per dare un’occhiata ravvicinata a uno scaffale o a una scrivania in disordine, si scopre il lavoro di uno scrittore o di uno staff molto esausto che doveva compilare un foglio di calcolo prima di staccare la spina per il fine settimana. Libri come “Biologia: Una scienza” e film come “Bad War 3”. Come scrittore che ha una grande familiarità con le scadenze e i blocchi creativi, ho una certa simpatia per questi libri.

Ma apprezzo molto quando uno sceneggiatore o un altro membro del team – si spera in uno studio che abbia i fondi per permettersi questo livello di dettaglio – utilizza questi piccoli e trascurati elementi di scenografia per inserire qualcosa di speciale per se stesso. Chi ha lavorato a Spider-Man 2 ha fatto proprio questo.

All’inizio del gioco, diamo un’occhiata alla casa di Peter Parker, lasciatagli in eredità da zia May. Accanto a una cucina disordinata e a una bolletta del mutuo che fa ridere, il giocatore può trovare sul tavolo di Peter una copia di un videogioco: Speed Nonagon.

Il gioco fittizio sembra essere un caloroso cenno al capolavoro dell’indie Terry Cavanagh, Super Hexagon, che si può acquistare su Steam, iOS e Android per soli 2,99 dollari. Oltre al titolo simile, entrambi i giochi condividono un carattere quasi identico, tutto maiuscolo. Inoltre, la copertina arancione con giubbotto di sicurezza di Speed Nonagon ricorda quella di Super Hexagon.

Speed Nonagon viene citato per la prima volta in Spider-Man: Miles Morales come un gioco che Genke, l’amico di Miles, sta sviluppando a parte. Congratulazioni a Genke per aver spedito almeno una copia.

È una piccola cosa, ma fa parte di qualcosa di più grande: piccoli dettagli come questo ci ricordano che i giochi sono fatti da persone e fanno parte di una continuità, ogni opera d’arte si basa su ciò che l’ha preceduta. Inoltre, mi sento vendicato per aver passato così tanto tempo a guardare le scatole dei videogiochi, il che non guasta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here