Hacker: come proteggersi dagli attacchi

0
411
Hacker

Con il 2021 arrivano novità di vario tipo. La sicurezza dei dispositivi IOT è una di queste, e diventa sempre più una necessità impellente. C’è bisogno di proteggere le fughe di dati personali ed aziendali, oggetti di attacchi da parte degli hacker.

I nostri dati sono minacciati dagli hacker?

Dobbiamo prepararci si prepara ai cyberattacchi lanciati dai vari hacker in giro per il mondo. Gli attacchi avranno come obiettivi le aziende, e il cavallo di troia potrebbero essere le persone che lavorano da casa. A causa della pandemia ancora in corso molte posizioni di lavoro si sono spostate a casa. Questo particolare fa gola all’hacker di turno, che può estrarre informazioni dal terminale dell’utente per accedere direttamente all’azienda. In poche parole, invece di attaccare una grossa struttura e rischiare così di imbattersi in sistemi di sicurezza aggiornati ed ostici, il pirata può concentrarsi su vittime più appetibili e meno protette.

Come fanno i pirati ad accedere ai nostri dati

L’IA (intelligenza artificiale) è diventata una costante. Gli hacker la usano per trarci in qualche tranello e rubare così le nostre informazioni personali ed i nostri soldi. Negli ultimi mesi, i pirati del web hanno attaccato i nostri computer tramite mail, con indirizzi auto-generati e profili molto credibili. Una delle tattiche più utilizzate sfrutta il buon nome e la credibilità di aziende come Amazon, Zalando o Mediaword. E visto il momento che stiamo vivendo, con la tecnologia che va a sostituire in parte i rapporti umani, i pirati hanno più possibilità di arrivare a bersaglio.

Gli hacker sfruttano Cloud

Questo è il momento migliore per gli hacker, poiché le aziende stanno dirigendo tutto il lavoro sul Cloud, e questo può costituire un bersaglio potenziale per tutti i tentativi di furto. I pirati sfruttano videocamere per scoprire password o utilizzano da una semplice lampadina smart per violare la sicurezza di un cellulare. Dovremo quindi fare attenzione a tanti aspetti che prima trascuravamo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here