Starlink Internet di Elon Musk attivato per gli iraniani

0
432

Elon Musk, CEO di SpaceX, ha ricevuto il via libera dal governo degli Stati Uniti. Per attivare il servizio Internet satellitare Starlink per aiutare gli iraniani a protestare contro la morte di una donna in custodia di polizia.

Starlink Internet è l’accesso a internet

L’accesso ai social media e ad alcuni contenuti è strettamente limitato in Iran. E sabato sono state segnalate significative interruzioni di Internet in tutto il paese. Con uno dei maggiori operatori di telefonia mobile interrotto, lasciando offline milioni di iraniani. Venerdì il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha emesso una guida sull’espansione. Dei servizi Internet disponibili per gli iraniani nonostante le sanzioni statunitensi sul paese.

La mossa segue le proteste mortali in Iran

In seguito alla morte di Mahsa Amini. Una donna di 22 anni morta dopo essere stata arrestata dalla “polizia morale” che ha messo in dubbio il modo in cui indossava il velo. Centinaia di manifestanti arrabbiati sono stati arrestati con la folla scesa nelle strade delle principali città dell’Iran per otto notti consecutive. La televisione di stato ha affermato che il numero di morti in “rivolte recenti” è salito a 35. Rispetto ai 17 precedenti, di cui almeno cinque membri del personale di sicurezza.

Starlink Internet: un portavoce del Dipartimento di Stato americano

Ha affermato che la licenza aggiornata è autoeseguibile e “chiunque soddisfi i criteri delineati. In questa licenza generale può procedere con le proprie attività senza richiedere autorizzazioni aggiuntive”. Non è stato possibile contattare Musk per commenti o chiarimenti sull’autorizzazione di Starlink ad operare in Iran. Tuttavia, ha affermato che la società voleva fornire il servizio a banda larga satellitare Starlink. Già fornito all’Ucraina per la sua lotta contro l’invasione della Russia – agli iraniani e avrebbe chiesto un’eccezione alle sanzioni.

L’Iran ha frenato l’accesso alle reti di social media Instagram e WhatsApp

Durante le proteste, secondo i residenti e il watchdog di Internet NetBlocks. Azadeh Akbari, dell’Università di Twente. Ha affermato che l’arresto digitale in Iran è “la continuazione di decenni di filtraggio di Internet da parte del governo iraniano”. Ha fornito esempi di “filtraggio della tastiera” e l’arresto di giornalisti come mezzo per reprimere l’accesso. Akbari ha aggiunto che con la chiusura del cyberspazio globale in Iran sarebbe sempre più “difficile e pericoloso”. Per i membri del pubblico accedere ad app di messaggistica sicure e utilizzare metodi per aggirare i blocchi.

Parlando da Capetown, in Sud Africa

L’editore di videogiornalismo mobile Yusuf Omar ha affermato che i tentativi del governo iraniano di limitare l’accesso a Internet sono una forma di “censura governativa”. Così come di “autocensura” della popolazione. “Le persone con cui entriamo in contatto con storie anche se hanno accesso a Internet per un paio d’ore e vogliono inviare un video. Hanno davvero paura”, ha detto Omar ad Al Jazeera.

Il presidente Ebrahim Raisi

Ha affermato che l’Iran deve “trattare in modo deciso con coloro che si oppongono alla sicurezza e alla tranquillità del Paese”, hanno riferito i media statali iraniani. I commenti di Raisi sono stati fatti in una telefonata di cordoglio alla famiglia. Di un agente di sicurezza accoltellato a morte la scorsa settimana, presumibilmente dai manifestanti infuriati per la morte di Amini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here