Neuralink: ecco, tutto su un inizio di follia cyberpunk?

0
173

Neuralink è, da un lato, un progetto incredibilmente rivoluzionario ed eccitante, e dall’altro, è la ragione di tutta una serie di paure, che, purtroppo, sembrano abbastanza giustificate.

Elon Musk: dirige anche la società di neurotecnologie Neuralink

E’ attualmente una delle persone più ricche del mondo, nota non solo per possedere Tesla e cercare di colonizzare Marte. Nonostante Tesla sia oggetto di pesanti critiche da parte di ex e attuali dipendenti che si lamentano delle condizioni di lavoro e della qualità della Model 3. Elon Musk non si perde d’animo. Continua a presentare al mondo soluzioni tecnologiche in grado di rivoluzionare la vita delle persone in futuro. Una di queste tecnologie su cui sta lavorando Neuralink è l’eventuale creazione di un’interfaccia cervello umano-intelligenza artificiale.

Neuralink ha lavorato per anni a un progetto di interfaccia cervello-computer

Tuttavia, oltre all’innegabile impatto rivoluzionario sulle neuroscienze e sulla bioingegneria, tali tecnologie possono portare a enormi sfide che potrebbero cambiare il mondo in cui viviamo. Anche una regolamentazione rigorosa non fermerà la crescente disuguaglianza tra paesi ricchi e paesi poveri legata a questa tecnologia.

Neuralink: Che cos’è comunque?

Cominciamo da cos’è Neuralink. È una società di neurotecnologie fondata, tra gli altri, da Elon Musk, uno dei miliardari più eccentrici del mondo, e non si può negare che il fatto abbia un enorme impatto sulla popolarità dell’intera impresa. Inserendo Elon Musk Neuralink nel motore di ricerca, apprendiamo che la sede dell’azienda è a San Francisco e che ha iniziato le sue attività nel 2016.

In effetti, Neuralink non è stata fondata da Elon Musk da solo

Max Hodak, Dongjin Seo, Ben Rapoport, Paul Merolla, Tim Gardner, Philip Sabes, Tim Hanson e Vanessa Tolosa, è un intero gruppo di esperti in neurobiologia, biochimica e robotica ha partecipato al processo di creazione. Ma per la maggior parte delle persone comuni, Neuralink è associato a Elon Musk. Nell’aprile 2017, Neuralink ha annunciato l’obiettivo di creare dispositivi per il trattamento di gravi malattie cerebrali a breve termine, con l’obiettivo finale di migliorare e potenziare l’essere umano, sia negli aspetti cognitivi che fisici. “Il mio obiettivo a lungo termine è raggiungere la simbiosi con l’intelligenza artificiale, che è vista come una minaccia esistenziale per l’umanità”, ha detto Musk.

Secondo un articolo pubblicato da Stat News, ad agosto 2020

Solo tre degli otto scienziati che originariamente hanno fondato Neuralink rimangono con l’azienda. Nessuno conosce i motivi della partenza degli altri, anche se si vocifera che non avrebbero sopportato la natura difficile di Elon Musk. Ma queste sono solo voci. Inoltre, nel maggio 2021, il co-fondatore e presidente di Neuralink Max Hodak ha annunciato di non collaborare più con l’azienda. Il motivo delle sue dimissioni non è stato reso noto. Le persone collegate all’industria notano che il motivo potrebbe essere l’annuncio di Musk qualche mese prima sui piani per integrare ampiamente il cervello umano con l’intelligenza artificiale.

Scimmie, topi e umani

A startup worth more than half a billion dollars has already been able to boast of successes in experiments with animals. During a live broadcast, Elon Musk spoke about how a monkey controlled a computer with its brain. The project’s official document (which has yet to receive peer review) mentions implanting a chip in a rat. This was done with the help of a specially designed robot that somewhat resembles a combination of a microscope and a sewing machine. Data transfer is possible through the USB Type-C port on the rat’s head, which, on the one hand, looks cyberpunk, and very grotesque on the other.

Tutti capiscono che c’è ancora molta strada da fare

Prima di installare impianti adeguati nel cervello umano. Dopotutto, c’è anche l’intenzione di evitare qualsiasi perforazione nel cranio. Gli sviluppatori ritengono che la connessione tra il cervello e il computer dovrebbe essere wireless. Il co-fondatore e CEO di Neuralink, Max Hodak, ha paragonato questo intero processo complesso all’apprendimento della digitazione tattile o al suonare il piano. Tuttavia, gli impianti, utilizzati negli esperimenti sugli animali, sono menzionati nel documento come un’opera d’arte e un prototipo sulla strada per un’interfaccia cervello umano-macchina. Nell’aprile 2021, Neuralink ha pubblicato un video che mostra una scimmia che gioca a un gioco di pong con l’impianto dell’azienda. Gli scienziati hanno confermato i piani ingegneristici per rendere l’impianto wireless e aumentare il numero di elettrodi impiantati.

Un macaco di 9 anni a cui è stato impiantato Neuralink sei settimane fa

E’ stato addestrato a giocare a semplici giochi per computer. Per ogni “gioco” riuscito, la scimmia riceveva una piccola porzione di frullato di banana attraverso un tubo speciale. Innanzitutto, Pager ha imparato a usare un joystick per dirigere una palla su un campo visualizzato in un’altra area del monitor, mentre gli scienziati hanno raccolto registrazioni della sua attività cerebrale per poter creare un programma che interpretasse correttamente i suoi segnali.

Dopo aver creato l’algoritmo di base

Il manipolatore è stato disconnesso dal computer. Ma la scimmia lo stava ancora usando, ora il controllo è attraverso l’impianto. I livelli successivi dell’esperimento utilizzavano il gioco preferito del macaco, il classico ping-pong. Dopo qualche tempo, il joystick è stato completamente rimosso e Pager, nonostante la mancanza di interazione fisica, è stato in grado di continuare il gioco in modo molto più efficiente. Cioè, la neurotecnologia Neuralink ha funzionato e il fantastico chip usato ha funzionato. Sono sicuro che hai letto di questo chip, ma lascia che ti dica di più.

Tecnologie di Neuralink

Il primo progetto Neuralink è un’interfaccia cervello-computer, che sarà essenzialmente un chip impiantato nel cervello dell’utente, da cui usciranno sensori sotto forma di fili molto sottili che leggono l’attività neurale dal tessuto cerebrale – suona un po’ spaventoso, tu devo ammettere. È noto che un chip N1 da 4 mm verrà impiantato nel cranio. I fili più sottili di un capello umano sono attaccati al chip e corrono nel cervello. I filamenti si trovano vicino ad aree importanti del cervello e sono in grado di rilevare e registrare gli impulsi trasmessi tra i neuroni. Neuralink osserva che l’N1 può connettersi a 1.000 diverse cellule cerebrali e un paziente può essere impiantato con un massimo di 10 di questi chip.

Cosa si può dire di questo impianto?

Innanzitutto è molto piccolo. Come dice lo stesso Musk, “Se metti qualcosa nel tuo cervello, non vuoi che sia enorme, vuoi solo che sia minuscolo”. Il chip, posto sotto la pelle, è collegato al cervello tramite elettrodi, realizzati con fili polimerici dello spessore di un quarto di capello umano. Vengono introdotti nel cervello attraverso piccoli fori (2-8 mm) realizzati da un robot. Si prevede che in futuro verranno realizzati con l’aiuto di un laser.

Nel corpo verranno inseriti quattro sensori

Tre nelle aree motorie, uno nell’area somatosensoriale. Ma non è tutto. Oltre al chip impiantato nel cervello, ci sarà anche un componente “esterno”, un piccolo dispositivo posizionato dietro l’orecchio dell’utente che a prima vista sembra un apparecchio acustico molto piccolo. Tutti i segnali ricevuti dal cervello verranno inviati lì e dall’impianto esterno tramite interfacce standard come Bluetooth ad altri dispositivi come smartphone, computer o tablet. Neuralink afferma che i primi dispositivi verranno impiantati utilizzando la neurochirurgia tradizionale, ma alla fine i chip verranno inseriti in modo sicuro e praticamente indolore da un chirurgo robotico attraverso incisioni microscopiche.

La polemica sulle idee di Elon Musk

Le idee controverse di Elon Musk sono state sia criticate che accolte con favore da scienziati e varie pubblicazioni. Durante una presentazione dal vivo nell’agosto 2020, Elon Musk ha descritto uno dei suoi primi dispositivi come un “Fitbit in the Skull”, che potrebbe presto curare una serie di disabilità, tra cui cecità, sordità e persino paralisi. La rivista MIT Technology Review ha descritto il progetto come “molto incerto”.

Thomas Oxley, CEO dell’azienda australiana Synchron

Che sta sviluppando anche un sistema per inserire sonde nel cervello attraverso cateteri nei vasi sanguigni, che impedisce la penetrazione diretta del tessuto cerebrale e non provoca lesioni, afferma che dovremo aspettare i risultati per confermare l’efficacia di questo processo, poiché la tecnologia non è ancora sufficientemente sviluppata. Ci sono state anche critiche da organizzazioni per i diritti degli animali come la PETA. Dopotutto, Neuralink conduce esperimenti sugli animali, inserendo chirurgicamente impianti nel loro cervello.

Ma le maggiori preoccupazioni riguardano l’ossessione di Elon Musk per l’intelligenza artificiale (AI)

Questo si riflette in tutte le attività di Neuralink. A questo punto, iniziamo a capire il “lato oscuro” di Neuralink. Ecco le parole pronunciate da Elon Musk durante una conferenza sulle attività di Neuralink: “Anche con un’IA benigna, rimarremo indietro. Con un’interfaccia cervello-macchina ad alto rendimento, saremo in grado di continuare e stare al passo con essa.’

C’è qualcosa di allarmante in questa affermazione?

A prima vista, tutto questo ha un senso. L’intelligenza artificiale sta andando avanti e lavorare sul nostro auto-miglioramento è un passo necessario che impedirà agli esseri umani di diventare un anello in più nell’evoluzione. È questo miglioramento stesso che è il problema. Neuralink si concentra non solo sul ripristino delle funzioni motorie e della percezione, ma anche sul miglioramento dello sviluppo dell’IA stessa. Quindi, il filmato del film Terminator può diventare realtà e la morte dell’umanità potrebbe essere inevitabile. Spaventa l’umanità e gli scienziati.

Molti scienziati hanno raffreddato l’entusiasmo del miliardario

Poiché è stato più volte ridicolizzato per il suo atteggiamento eccessivamente emotivo nei confronti del rapporto tra intelligenza artificiale e uomo. Elon Musk crede che l’IA incontrollata possa essere la causa della nostra caduta. I governi dei paesi non sono del tutto disposti a risolvere questo problema sempre più urgente.

L’intelligenza artificiale è un elemento della strategia di sviluppo di molti paesi del mondo

Ad esempio, l’India lo usa per gestire meglio le startup e la Cina lo usa per controllare le persone (ad esempio, durante una pandemia). Inoltre, non va dimenticato che questo è un elemento integrante di Industria 4.0. L’intelligenza artificiale offre un vantaggio nel mercato, motivo per cui così tante persone stanno cercando di investire in essa.

Le paure di Elon Musk sono giustificate

La mancanza di controllo in quest’area può portare al fatto che in una fase dello sviluppo una persona non sarà in grado di competere con le macchine. Tuttavia, molti esperti di intelligenza artificiale negano che sia così. Possiamo davvero prevedere la direzione in cui sta andando questo settore tecnologico estremamente interessante?

La tecnologia sviluppata da Neuralink

Porterà a una completa simbiosi tra uomo e intelligenza artificiale. Secondo Philip Sabes, le persone con disturbi cerebrali dovuti a malattie (come l’epilessia) o lesioni potranno utilizzare l’IA per ripristinare la vista o il senso del tatto. Indica anche le possibilità di riprendere il controllo su tutto il corpo, qualcosa che i paralizzati sperano. Qui, tuttavia, dovrebbe essere sviluppata la tecnologia per stimolare i neuroni oi muscoli del midollo spinale. Ma questo non consentirà all’IA di apprendere e svilupparsi in modo incontrollabile? Consentirà all’IA di controllare il proprietario del chip? Ci sono molte domande qui.

Ma come si suol dire, se non puoi battere qualcuno, unisciti a loro

Questa è la strategia alla base dell’idea di combinare le capacità umane con l’IA. Secondo molte persone, incluso Elon Musk, questo è un modo efficace per competere con l’intelligenza artificiale. Tuttavia, questo comportamento può avere alcune conseguenze impreviste. L’introduzione di una soluzione così radicale può, anzi dovrebbe, suscitare qualche dubbio. La tecnologia dell’interfaccia cervello-computer avrà un impatto negativo sulla popolazione povera dei paesi in via di sviluppo. I paesi a basso livello di sviluppo non potranno competere con la Cina, gli USA o i paesi dell’UE. Economicamente, diventeranno completamente inutili per il resto del mondo, anche in termini di produzione a basso costo di beni.

Industria 4.0 e l’interfaccia cervello-computer: la rivoluzione è in corso

Industry 4.0, che utilizza algoritmi IoT e AI, è ottimo per applicazioni avanzate. Le fabbriche in cui l’innovazione è importante stanno investendo sempre più in tali soluzioni. Industria 4.0, la rete 5G e l’interfaccia cervello-computer sono una combinazione che produce una miscela esplosiva. La tendenza alla riduzione dei consumi nei paesi sviluppati aggraverà leggermente anche la situazione degli altri settori. Le fabbriche high-tech si trovano al meglio nei paesi che possono offrire l’infrastruttura, il personale, l’alimentazione e la connettività adeguati. La Gigafactory di Tesla sarà situata molto meglio a Berlino rispetto, ad esempio, a Sofia, la capitale della Bulgaria.

Cosa c’entra tutto questo con Neuralink?

Questa è la fonte di ulteriori enormi differenze tra i paesi. I paesi ricchi hanno già una migliore fornitura di energia, comunicazioni, istruzione, cibo e attraggono i migliori scienziati. I paesi più poveri beneficiano solo di minori costi di produzione, ma la situazione potrebbe cambiare con l’introduzione dell’Industria 4.0.

Paesi più promettenti come l’India

Saranno probabilmente in grado di far fronte a tali sfide a un certo punto. La situazione è peggiore, ad esempio, nei paesi dell’Africa Centrale e del Sud America. Combinare la mente umana con l’IA potrebbe approfondire ulteriormente il divario tra le società ricche e quelle povere. Sempre più regioni dovranno lottare con povertà e disperazione senza precedenti. Ricordiamo inoltre che anche la quantità di spazio nei paesi sviluppati è piuttosto limitata, quindi la migrazione è un fenomeno sempre meno accettato dalla società.

Chi può permettersi una tale interfaccia?

La disuguaglianza tra ricchi e poveri si intensificherà anche a livello sociale. Lo stiamo vedendo ora, ma quando tecnologie come Neuralink saranno ampiamente utilizzate, il denaro farà una differenza ancora più grande. Una situazione del genere è facile da immaginare: ad esempio, a seguito di un incidente, il midollo spinale è stato reciso, provocando danni cerebrali. Se la vittima ha un milione di dollari nel portafoglio, allora non ci sono problemi, può tornare in palestra in 24 ore. O altrimenti, trascorri il resto della vita su una sedia a rotelle. Questo è un esempio piuttosto radicale, ma mostra bene l’essenza del problema.

Neuralink

Neuralink e tecnologie simili sono un nuovo sviluppo, ma in termini di differenze individuali, comporta gli stessi rischi di CRISPR, una tecnica di editing genetico che consente all’organismo di essere riprogettato in una certa misura. Questa è una decisione che viene percepita in modo piuttosto critico. Vale la pena ricordare il caso dell’impiego di CRISPR/Cas9 in Cina, che mirava a sviluppare l’immunità all’HIV nei bambini. Tali pratiche sono spesso considerate non etiche. Anche l’interfaccia cervello-computer di Neuralink ha problemi simili. Il mondo non è ancora pronto per tale tecnologia, certamente non allo stato attuale.

Speranze e dubbi

La regolamentazione giuridica di progetti di questo tipo deve apparire quanto prima. Tuttavia, sarà praticamente impossibile sostenerli in tutto il mondo, poiché si tratta di una situazione completamente diversa rispetto, ad esempio, al caso di un patto contro l’uso delle armi nucleari. È uno strumento sottile che può dare un vantaggio a un paese rispetto a un altro. È anche un enorme rischio di un nuovo conflitto tra Stati Uniti e Cina.

Viviamo in tempi estremamente interessanti

Con molte altre rivoluzioni sociali e tecnologiche in vista. Partecipare a progetti come Neuralink è solo una via di fuga dalla potenziale minaccia rappresentata dall’IA. Entrambe queste tecnologie hanno un enorme potenziale per cambiare il mondo, ma non sono prive di difetti. Vale la pena stare al passo con le tendenze nel loro sviluppo e affrontare l’argomento con la dovuta attenzione.

Neuralink: il chip

D’altra parte, il chip Neuralink sta per dare un contributo significativo allo sviluppo dell’umanità lasciando che uno smartphone o un computer ‘leggano le nostre menti’, permettendoci di rispondere immediatamente ai messaggi in arrivo o di impartire comandi a dispositivi selezionati. Oltre a questi aspetti, il chip ha anche il potenziale per trattare alcuni disturbi e malattie del corpo umano, come il ripristino della vista e dell’udito.

Forse questa tecnologia diventerà un luogo comune

Accelerando naturalmente l’evoluzione dell’umanità, fornendo alla nostra specie una simbiosi con l’intelligenza artificiale. Musk afferma che la coesistenza con l’IA sarà cruciale per la sopravvivenza della nostra specie a lungo termine. C’è un fondo di verità in queste parole. So per certo una cosa: siamo sulla strada per cambiamenti incredibili e fantastici e forse assisteremo a questi eventi rivoluzionari nella storia dell’umanità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here