Microsoft: arriva il “diritto alla riparazione”

0
157
Microsoft:

Microsoft ha appena compiuto un passo verso il ​​” diritto alla riparazione ” dopo le pressioni riguardo alle politiche restrittive del settore tecnologico.

Microsoft: come si è arrivati al “diritto alla riparazione”?

VGC riferisce che, nonostante ci siano ancora alcuni passi da compiere, Microsoft potrebbe diventare la prima grande azienda tecnologica ad approvare il “diritto alla riparazione”. Lo slancio sulla questione arriva dall’organizzazione no-profit As You Sow, che ha presentato una risoluzione degli azionisti alla società. Nella mozione si esortava la società a considerare i “benefici ambientali e sociali” della rimozione degli ostacoli alla riparazione dei dispositivi. As You Sow e la sua mozione si rivolgono agli azionisti dopo che una precedente “conversazione in buona fede” con Microsoft non aveva portato a nulla. E pare che questa trovata della no-profit abbia smosso le acque.

Microsoft: la mozione di As You Know

As You Sow ha ritirato la mozione dopo che Microsoft ha accettato di esaminare la questione. L’azienda assumerà un consulente indipendente. Questi studierà se dare ai consumatori l’accesso alle parti e alla documentazione per la riparazione porterà vantaggi ambientali e sociali.  L’azienda dovrebbe pubblicare un riepilogo dello studio entro l’inizio di maggio 2022. Se lo studio mostrerà i vantaggi auspicati, Microsoft si impegnerà a lanciare nuove iniziative di riparazione.

Le dichiarazioni dell’azienda

In una dichiarazione rilasciata a Grist, un portavoce di Microsoft ha detto: “Riteniamo che i clienti abbiano diritto a opzioni di riparazione sicure e affidabili. Attualmente forniamo ai clienti servizi di riparazione che garantiscono l’alta qualità delle riparazioni, salvaguardano la privacy e la sicurezza dei clienti e proteggono clienti dall’infortunio. As You Sow ci ha chiesto di indagare sulle connessioni tra i nostri impegni di sostenibilità e la riparabilità dei dispositivi. È stata una discussione produttiva e abbiamo deciso di intraprendere questo importante studio, i cui risultati verranno utilizzati per guidare la progettazione del nostro prodotto e i piani per espandere le opzioni di riparazione dei dispositivi per i nostri clienti“.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here