Le emoji del 2021 più usate

0
210

Veloce, qual è stata l’ultima emoji che hai inviato? È una domanda un po’ retorica. Se il tuo uso di emoji è in linea con il resto del mondo, statisticamente, lo sappiamo già. Il Consorzio Unicode ha rilasciato il suo rapporto sulle emoji più popolari del 2021

Emoji del 2021: le più usate

Le migliori emoji di quest’anno sono state:

😂 – Viso con lacrime di gioia
❤️ – Cuore rosso
🤣 – Rotolarsi sul pavimento ridendo
👍 – Pollice in su
😭 – Faccia che piange forte
🙏 – Mani piegate
😘 – Faccia che soffia un bacio
🥰 – Viso sorridente con cuori
😍 – Viso sorridente con occhi a cuore
😊 – Viso sorridente con occhi sorridenti

Qualche numero


Se hai notato che le emoji che piangono e ridono occupano il primo posto e sono un po’ stantie, c’è una ragione: secondo i dati dell’Unicode Consortium, il cinque per cento di tutte le emoji inviate sono 😂. Inoltre, l’82% del totale delle emoji condivise nel 2021 erano quelle elencate nella top 100. Non ci sono dati per il 2020, ma la lista del 2021 non è molto diversa da quella del 2019 (😂 ❤️ 😍 🤣 😊 🙏 💕 😭 😘 👍). L’emoji con due cuori è sceso al 13° posto per essere sostituito nella top ten dalla faccia sorridente con i cuori. L’Unicode Emoji Subcommittee del Consorzio studia la popolarità delle emoji per determinare quali tipi di emoji dovrebbe considerare per le aggiunte future. Dice che i risultati di quest’anno sono la prova che la gente tende ad usare emoji universalmente attraenti con significati multipli: l’emoji delle mani piegate, per esempio, può ovviamente significare la preghiera, ma è anche frequentemente usata come stenografia per la gratitudine.


Emoji 2022: tutte le nuove divertenti faccine

Emoji 2021 meno usate

Ci sono anche alcune altre chicche interessanti nel rapporto. Per esempio, è vero anche il contrario della regola di universalità di cui sopra: emoji super-specifiche come la scarpa piatta (🥿) non vengono usate molto. Le bandiere dei paesi sono anche tra le emoji meno popolari, nonostante comprendano la più grande collezione di 258 opzioni individuali. “Questi dati sono un forte segnale per codificare meno concetti specifici come le bandiere e meno oggetti monouso come le cuffie da doccia”, dice il Consorzio, e “invece concentrarsi su concetti comunicativi rilevanti a livello globale e ben stabiliti”. Per me ha senso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here