Jawbone fa causa ad Apple per violazione di brevetto

0
251
Jawbone

Jawbone, società produttrice di speaker, cuffie senza fili e braccialetti smart fallita nel 2017, ha intentato causa contro Apple e Google per violazione di brevetto sulle funzionalità di cancellazione del rumore. Google e Apple si difendono: “Dimostreremo la nostra innocenza”.  

Perché Jawbone fa causa ad Apple e Google?

Jawbone ha recentemente intentato una causa contro Apple e Google per le funzionalità di cancellazione del rumore (ANC) delle loro cuffie. L’azienda, che nel 2017 aveva deciso di chiudere le attività dopo anni di crisi finanziari, ha così iniziato una nuova battaglia legale. Secondo quanto riferito da Bloomberg, l’azienda è intervenuta martedì presso la corte federale di Waco, in Texas. La causa menziona una violazione di alcuni dei suoi brevetti relativi alla limitazione del rumore di fondo nei dispositivi audio, poiché questi sono stati sviluppati nei primi anni dell’azienda. Bloomberg scrive che gli otto brevetti citati nel caso riguardano modi per limitare il rumore di fondo nei dispositivi, tecnologia che è stata sviluppata nei primi anni di Jawbone, quando è stata incaricata dalla Defense Advanced Research Projects Agency di ricercare tecniche di soppressione del rumore per le forze armate statunitensi.

Contestiamo le affermazioni e ci difenderemo con forza”, ha detto José Castañeda, un portavoce di Google, in risposta alle cause. Anche Samsung Electronics Co., è stata citata in giudizio da Jawbone Innovations a maggio per due dei brevetti di cancellazione del rumore. Quel caso è pendente presso la corte federale di Marshall.

L’azienda Jawbone

Jawbone era un’azienda nata nel 1999 come AliphCom. Prima di cambiare nome sviluppava soluzioni audio per il mercato militare. Poi è passata a sviluppare speaker Bluetooth, cuffie senza fili e braccialetti smart. Nel 2011 decise di investire sul mercato dei wearable. Tale decisione si rivelò controproducente e nel 2017 l’azienda fallì.  Nel 2015 Jawbone aveva trascinato in tribunale i concorrenti di Fitbit. Fitbit era accusata di aver trafugato segreti industriali e violato alcuni brevetti sulla raccolta di dati biometrici. Una prima parte del procedimento si è conclusa a metà del 2016 con una vittoria per Fitbit, che nel frattempo aveva fatto causa a sua volta.


Leggi anche: Ue vs Apple: è guerra sulla questione del caricabatterie universale

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here