Iran e Clubhouse, è possibile parlare (quasi) liberamente

0
100
Iran

Il dibattito pubblico in Iran è stato per decenni monopolizzato dalle autorità statali che si occupavano principalmente di promuovere i valori islamici, arginare l’influenza occidentale e frenare il dissenso. 

Cosa sta succedendo ora?

L’app per iPhone solo su invito, Clubhouse, sta collegando insieme gli iraniani. Ma i più abituati a sfogare le loro differenze. Esiliati politici, veterani del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche, monarchici e strenui difensori della rivoluzione islamica del 1979.

All’interno delle “stanze” virtuali stanno discutendo apertamente, e educatamente, del sistema politico iraniano. Anche con più di 2.000 persone che ascoltano a volte. Twitter, Instagram e Facebook sono tutti ufficialmente banditi in Iran.

Iran e Clubhouse, un aiuto per le elezioni

“È tutto audio e puoi immediatamente vedere come le persone sono molto più civili quando il loro nome è lì e quando parlano”, ha detto un analista iraniano presso il centro di ricerca CARPO con sede a Bonn. L’app con sede a San Francisco sta guadagnando popolarità mentre l’Iran si prepara per le elezioni presidenziali di giugno e potrebbe aiutare a sensibilizzare l’opinione pubblica su ciò che è in gioco.

Clubhouse non ha risposto alle domande inviate via e-mail sul numero di utenti in Iran o nelle stanze in lingua persiana. L’app non è disponibile per i sistemi operativi Android che governano il mercato degli smartphone iraniani. Questa mancanza di portata popolare intaccherà il suo impatto, ha detto Fateme Karimkhan, giornalista e analista politico con sede a Teheran. Ma potrebbe anche aiutare Clubhouse a evitare la chiusura in Iran.

In Iran le autorità statali controllano

“In questo momento è principalmente dominato dalle élite dei media, giornalisti e analisti – e da alcuni individui che vogliono essere candidati alle elezioni presidenziali”, ha detto.

Mentre Cina e Oman hanno limitato l’app, i funzionari iraniani la stanno adottando. Mercoledì, il ministero degli Affari esteri iraniano ha dichiarato che il portavoce Saeed Khatibzadeh discuterà di un recente controverso accordo con la Cina su Clubhouse.

Così tutti possono esprimersi, con qualche censura

All’inizio di questa settimana, l’ex ministro del petrolio e comandante dell’IRGC Rostam Ghassemi ha parlato delle sue ambizioni di contestare il sondaggio di giugno. Valutato come uomo d’affari ora imprigionato che ha sottratto miliardi di dollari di entrate petrolifere durante il governo del presidente Mahmoud Ahmadinejad, Ghassemi è sembrato felice di rispondere. Fino a quando i giornalisti intransigenti che moderavano la sessione hanno ammonito la linea delle domande.

Quando un altro giornalista ha criticato l’IRGC, è stato severamente redarguito che qualsiasi segno di mancanza di rispetto o accusa contro le istituzioni statali non sarebbe stato tollerato.

Fonte: bnnbloomberg.ca

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here