Il Bitcoin crolla dopo un tweet di Elon Musk

0
312
Il Bitcoin crolla dopo un tweet di Elon Musk

Elon Musk pubblica una dichiarazione e, per effetto, il Bitcoin crolla.

Perché il Bitcoin crolla?

Elon Musk, CEO di Neuralink e di SpaceX, pubblica su Twitter un post nel quale parla di Tesla. Il miliardario statunitense dice che la sua compagnia di auto elettriche non può più accettare i Bitcoin come pagamento. Il motivo? Musk si preoccupa dell’impatto che la criptovaluta potrebbe avere sull’ambiente. A questa notizia il Bitcoin reagisce subito con una caduta libera. Dopo la pubblicazione del tweet, la più grande valuta digitale al mondo perde il 5%. “Siamo preoccupati per il rapido aumento dell’uso di combustibili fossili per l’estrazione e le transazioni di Bitcoin, in particolare il carbone, che ha le peggiori emissioni di qualsiasi carburante”, dice Musk nel suo post.

Il Bitcoin e l’impatto ambientale  

La criptovaluta è legata ai computer, che a loro volta dipendono dall’elettricità. Il numero di computer e l’energia necessaria per alimentarli sono in forte aumento. Questo vuol dire che il valore crescente del bitcoin è legato alla quantità di energia che alimenta i computer. Elon Musk continua a sostenere che la criptovaluta sia una “buona idea su molti livelli”, ma la sua sopravvivenza non può scavalcare l’impegno ambientale. Ora, le stime sulla quantità di energia utilizzata da Bitcoin variano, ma grazie ad uno studio recente possiamo avere un’idea del reale impatto della criptovaluta.

Uno studio sulla criptovaluta

Lo studio di cui stiamo parlando risale al 2019. I ricercatori della Technical University di Monaco e del Massachusetts Institute of Technology analizzarono attentamente la questione. La conclusione alla quale giunsero fu la seguente: alla fine del 2018, l’intera rete di bitcoin produceva 22,9 milioni di tonnellate di CO2. Lo stesso impatto che avrebbe una grande città occidentale o un Paese in via di sviluppo come lo Sri Lanka. L’anno scorso le emissioni globali totali di gas serra provocate dai combustibili fossili hanno raggiunto le 37 miliardi di tonnellate. Nessuna meraviglia che Elon Musk sia preoccupato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here