Huawei Mate X2 presentato: preoccupazioni per la fornitura di chip

0
342
Huawei Mate X2

Huawei ha presentato uno smartphone pieghevole Huawei Mate X2 rinnovato, che si dice abbia un divario interno molto più piccolo quando è chiuso rispetto a quello del suo principale rivale Samsung.

Il Mate X2 segna un’importante riprogettazione per l’azienda cinese. Quando è chiuso, l’ampio display è ora nascosto all’interno del dispositivo anziché esposto all’esterno, come nel caso delle generazioni passate. Ma il suo prezzo, circa $ 2.800, probabilmente limiterà la domanda. I divieti commerciali statunitensi minacciano anche la capacità dell’azienda di produrli. Le sanzioni statunitensi hanno posto grandi difficoltà alle operazioni commerciali e al lavoro quotidiano di Huawei. Tuttavia, grazie al solido supporto dei partner, fornitori e in particolare dei consumatori di tutto il mondo, sono sopravvissuti al 2020.

A differenza di molti dei precedenti lanci di alto profilo di Huawei, questo evento è stato presentato in cinese mandarino anziché in inglese, riflettendo il fatto che le sue vendite sono ancora in crescita nel mercato interno e in calo altrove.Ma l’azienda ha pubblicato una versione sottotitolata su YouTube .

Cosa è la cavità a goccia d’acqua del Huawei Mate X2?

Huawei afferma di aver sviluppato un nuovo robusto meccanismo a cerniera per salvaguardare il suo display simile a un tablet. Quando è chiuso, parte dello schermo flessibile si piega in una cavità “a forma di goccia d’acqua” per evitare che venga sottoposta a tensione nella piega.

Huawei ha anche riferito di un ulteriore vantaggio dell’innovazione brevettata ovvero che la piega era anche meno visibile quando lo schermo veniva aperto. Al contrario, Z Fold 2 della Samsung inclina le sue due metà per creare uno spazio intenzionale lungo la sua spina dorsale.

Il punto vincente è lo schermo

Inoltre lo schermo principale da 8 pollici (20,3 cm) di Mate X2 era più grande dell’equivalente da 7,6 pollici (19,3 cm) del suo rivale. Le dimensioni del suo display esterno, per quando il telefono è chiuso, sono più adatte alle app rispetto al suo concorrente. Inoltre, afferma la Huawei, l’uso di un nuovo “strato nano-ottico” comporta che il display sia molto meno riflettente. Ma un osservatore dell’azienda ha detto che era un fatto inevitabile che Huawei seguisse l’esempio del suo rivale.

Il Mate X originale sembrava fenomenale con il suo schermo morbido e flessibile avvolto all’esterno del dispositivo. Ma è evidente che sarebbe stato estremamente vulnerabile. L’alto costo dei pieghevoli di entrambe le società significava che nessuno dei due sarebbe stato il migiore.

Crollo delle vendite

Il lancio coincide con un rapporto della società di ricerche di mercato Gartner che indica che Huawei ha venduto il 41% in meno di telefoni negli ultimi tre mesi del 2020 rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente.

Ciò è dovuto, in gran parte, al fatto che non è possibile offrire né il Play Store né molte altre app di Google, tra cui YouTube, Maps e il browser Chrome, a causa delle sanzioni commerciali statunitensi. Huawei offre un software simile, così come i mezzi per “caricare lateralmente” prodotti di terze parti non elencati nel suo marketplace di App Gallery. Anche per questo, ha visto i consumatori passare a telefoni Android rivali, compresi quelli di Xiaomi.

“Al di fuori della Cina, i servizi di Google sono fondamentali per gli utenti finali e offrire alternative non funzionerà”, ha spiegato l’analista di Gartner Anshul Gupta. Ma in Cina, le persone non usano i servizi di Google e Huawei ha una rete di distribuzione e un marchio molto più forti lì.

Carenza di chip per Huawei Mate X2

Ma anche in Cina, Huawei deve affrontare un problema: numero in diminuzione dei suoi processori Kirin per alimentare i suoi telefoni. Huawei progetta i propri chip, ma ha fatto affidamento su un’azienda taiwanese, TSMC, per produrli. Solo TSMC e Samsung hanno l’esperienza e le attrezzature per produrre i microprocessori coinvolti. Ma gli Stati Uniti hanno vietato a entrambi di farlo sulla base del fatto che Huawei rappresenti un rischio per la sicurezza nazionale, cosa che l’azienda cinese nega.

La scorsa settimana, Nikkei Asia ha riferito che Huawei aveva comunicato ai suoi fornitori che i suoi ordini di altri componenti per smartphone sarebbero stati inferiori di oltre il 60% nel 2021 rispetto allo scorso anno. Huawei ha già venduto il suo marchio Honor. Ma la società ha smentito le notizie secondo le quali sta considerando una mossa simile per il suo marchio di punta. A meno che le restrizioni non vengano revocate o allentate, o che Qualcomm e altri produttori di chip non abbiano il permesso di fornire Huawei, penso che finirà i processori in poco tempo.

Fonte: bbc.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here