Congresso USA: Facebook, Google e Twitter cosa hanno risposto

0
337
Congresso

Gli amministratori delegati Mark Zuckerberg, Sundar Pichai e Jack Dorsey rispondono a domande difficili da parte dei legislatori del Congresso. Su argomenti che vanno dalla disinformazione al tempo sullo schermo dei bambini.

Che domande sono state poste al Congresso?

I CEO di Facebook, Google e Twitter giovedì si sono confrontati con i legislatori statunitensi, che hanno martellato i tre dirigenti sulla disinformazione. Ma anche la dipendenza dalla tecnologia e altri problemi che affliggono alcune delle più grandi piattaforme online del mondo.

I dirigenti hanno testimoniato davanti al Congresso in passato. Ma l’udienza nella maratona di giovedì è stata la prima volta che il CEO di Facebook Mark Zuckerberg , il CEO di Google Sundar Pichai e il CEO di Twitter Jack Dorsey sono apparsi davanti ai legislatori dalla mortale rivolta di Capitol Hill a gennaio. 

Troppe tensioni

La diffusione di disinformazione sul virus, le elezioni statunitensi e altri argomenti hanno acuito le tensioni tra le società tecnologiche e i legislatori. I quali esplorano nuove normative. In vari momenti durante l’udienza di oltre cinque ore, i membri del Congresso hanno interrotto i dirigenti tecnici. Li hanno sollecitati a fornire risposte dirette alle loro domande con un sì o un no. 

“Hai i mezzi, ma in ogni occasione stai raccogliendo impegno e profitto sulla salute e la sicurezza dei tuoi utenti. Così ha detto ​​il rappresentante Mike Doyle, un democratico della Pennsylvania che presiede il Sottocomitato per le comunicazioni e la tecnologia della Camera.

Bambini e tempo davanti allo schermo

Democratici e Repubblicani hanno espresso preoccupazione per gli impatti negativi che i social media potrebbero avere sui bambini. “La grande tecnologia sta essenzialmente dando ai nostri figli una sigaretta accesa e sperando che rimangano dipendenti per tutta la vita”, ha detto il rappresentante Bill Johnson, un repubblicano dell’Ohio. 

Instagram di proprietà di Facebook richiede che i suoi utenti abbiano almeno 13 anni, ma la società sta costruendo una versione dell’app per la condivisione di foto per bambini fino a 12 anni. Le aziende hanno già una versione per bambini per Facebook, Messenger e YouTube. 

Cosa dice Facebook

Il CEO di Facebook ha detto che le sue figlie di 3 anni e 5 anni non usano la maggior parte dei prodotti dell’azienda. Permette a sua figlia maggiore, Max, di usare Messenger Kids per inviare messaggi ai suoi cugini e guarda video educativi su YouTube con entrambi i bambini. 

Zuckerberg ha respinto l’idea che i prodotti di Facebook danneggino i bambini, ma ha riconosciuto che ci sono ancora problemi che devono essere risolti, incluso “come le persone possono controllare l’esperienza dei bambini”.

Le opinioni di Google

Alla domanda se Google abbia studiato gli effetti dei suoi prodotti sulla salute mentale dei bambini, Pichai ha detto che la società consulta ampiamente esperti. Comprese le organizzazioni per la salute mentale. Ha aggiunto che YouTube collabora con i partner per curare contenuti per bambini, far emergere video sulla scienza, cartoni animati e Sesame Street. 

Pichai ha aggiunto più tardi durante l’udienza che concorda sul fatto che questa è una questione importante, notando che anche lui ha bambini e si preoccupa per il loro tempo sullo schermo. 

Il pensiero del Congresso

I legislatori affermano che stanno esplorando nuove normative, inclusa la sezione 230 del Communications Decency Act del 1996. Una legge che protegge le aziende online dalla responsabilità per i contenuti pubblicati dai propri utenti. 

“Oggi le nostre leggi danno a queste aziende un assegno in bianco per non fare nulla piuttosto che limitare la diffusione della disinformazione”, ha detto il presidente del Comitato Energia e Commercio Frank Pallone Jr., un democratico del New Jersey.

La responsabilità delle fake news

Il capo di Facebook ha espresso sostegno per la modifica della sezione 230. Ha affermato che le aziende dovrebbero “essere tenute a dimostrare di disporre di sistemi in atto per identificare i contenuti illegali e rimuoverli”. Ma che non dovrebbero essere ritenute responsabili se un parte di contenuto sfugge al loro rilevamento. Ha aggiunto, tuttavia, i legislatori devono essere cauti sull’impatto sulle piattaforme più piccole. 

Google teme che la modifica o l’abrogazione della Sezione 230 possa rendere più difficile la moderazione dei contenuti o danneggiare la libera espressione. Quando gli è stato chiesto se ha sostenuto le modifiche proposte da Zuckerberg, Pichai ha detto che ci sono “proposte decisamente buone in materia di trasparenza e responsabilità” che la società apprezzerebbe.

Facendo eco alle osservazioni di Pichai, Dorsey ha detto che le idee di Zuckerberg sulla trasparenza sono “buone” ma ha aggiunto “sarà molto difficile determinare cosa sia una grande piattaforma e una piccola piattaforma”.

L’attacco del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti

Gli amministratori delegati della tecnologia sono stati pressati sul ruolo svolto dalle loro piattaforme in relazione agli attacchi di gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti, in cui una folla di sostenitori di Donald Trump ha cercato di fermare la certificazione delle elezioni. Sulla scia dell’attacco, tutte le piattaforme hanno sospeso o bandito Trump per il suo ruolo nell’incitamento alla rivolta.

Congresso USA: un ruolo importante dei social network

Il CEO di Facebook ha detto che la società ha cercato di rimuovere i post che potrebbero portare alla violenza e ha lavorato a stretto contatto con le forze dell’ordine per identificare gli insurrezionalisti. Tuttavia, ha minimizzato il ruolo di Facebook nell’evento. “Credo che l’ex presidente dovrebbe essere responsabile delle sue parole e che le persone che hanno infranto la legge dovrebbero essere responsabili delle loro azioni”, ha detto. 

Il CEO di Google ha detto che YouTube aveva rimosso migliaia di video che violavano le sue regole prima della rivolta. “Avevamo politiche chiare e stavamo applicando energicamente quest’area”. 

Il leader di Twitter ha detto che la sua azienda ha lavorato duramente per rimuovere i post e ha cercato di non amplificare la disinformazione. “Non avevamo alcuna indicazione anticipata che ciò sarebbe accaduto, quindi abbiamo dovuto reagire abbastanza rapidamente”. Alla domanda di rispondere sì o no sul fatto che le piattaforme “abbiano qualche responsabilità” per la diffusione di informazioni sbagliate che hanno portato all’assalto al Campidoglio, ciascuno dei CEO ha esitato. Dorsey ha osservato che i legislatori devono considerare “l’ecosistema più ampio” e “non solo le piattaforme tecnologiche che utilizziamo”.

Presunto pregiudizio anti-conservatore

Molti legislatori repubblicani hanno irritato gli amministratori delegati sulla ripetuta affermazione che le piattaforme censurano le voci conservatrici. I leader tecnologici hanno negato le accuse, dicendo che applicano le loro politiche indipendentemente dalla politica . 

Al CEO di Twitter è stato chiesto della decisione dell’azienda di vietare la condivisione di un articolo del New York Post su Hunter Biden, figlio del presidente Joe Biden, pubblicato tre settimane prima del giorno delle elezioni. Dorsey ha detto che la gestione dell’articolo da parte di Twitter è stata un “errore totale”. “Non scriviamo politica in base a una particolare inclinazione politica”, ha detto Dorsey. “Se troviamo qualcosa, lo scriviamo.”

Alla domanda sulla rimozione di contenuti che potrebbero mettere a tacere le voci conservatrici e di altro tipo, Zuckerberg ha affermato che il software di intelligenza artificiale dell’azienda non sempre lo fa bene. “Dobbiamo creare sistemi e contenuti in 150 lingue in tutto il mondo e dobbiamo farlo rapidamente. E sfortunatamente ci sono alcuni errori nel tentativo di farlo in modo rapido ed efficace”. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here