Cammina e guadagna: quanto c’è di vero?

0
1391

Cammina e guadagna: “WeWard” è un app che in questi ultimi giorni sembra rivoluzionaria. In grado di dare agli utenti che la utilizzano il doppio beneficio di: tenersi in forma e guadagnare. È veramente così?

Cammina e guadagna è possibile?

Ma davvero esiste un’app che potrebbe farci alzare dal divano nelle giornate di ozio per spingerci a camminare e fare movimento in cambio di un guadagno? Insomma, esiste un app che ti paga per camminare, e sembra che funzioni. Dal momento che è svettata in testa a tutte le classifiche degli App Store, ottenendo anche una rilevanza a livello giornalistico.

WeWard: l’app che paga per camminare

WeWard, questo è il nome dell’app gratuita per iPhone e Android che ti paga per camminare. Ma come funziona e, soprattutto come mai, merita il primo posto nelle classifiche? Da quando esiste la possibilità di far guadagnare qualcosa agli utenti che la installano sui propri dispositivi. Effettivamente, lo smart working, la Dad e la generale tendenza in seguito ai tanti lockdown degli ultimi anni a preferire una serata a casa all’uscita movimentata, hanno instillato nelle persone una predilezione alla sedentarietà.

Camminare è meglio

Passeggiare abitualmente più volte durante la settimana è un vero toccasana per la nostra salute. La camminata infatti permette di bruciare calorie e quindi tenere sotto controllo il peso corporeo, migliora la postura e l’equilibrio, ha effetti positivi sulla circolazione del sangue e sull’attività del cuore, favorisce la motilità intestinale. Camminare spesso, a lungo andare, può concorrere a diminuire il rischio di sviluppare patologie come il diabete e abbassa le probabilità di soffrire di alzheimer in età avanzata. Ha un’azione benefica anche su muscoli e ossa e può rallentare il processo di invecchiamento. Infine può avere effetti positivi anche sull’umore: riduce i livelli di ansia e stress e stimola la capacità dell’organismo di produrre endorfine.

Quanto bisogna camminare?

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità 10 mila passi al giorno. Pari a circa 7 km, ovvero il doppio di quanto cammina abitualmente una persone normale, sono il traguardo da raggiungere per ottenere tutti i benefìci indicati sopra. Praticamente significa fare 16 / 17 passi ogni 10 secondi, se si vuole capire che ritmo effettivamente tenere, oppure più o meno 100 metri al minuto, che equivalgono, sempre più o meno, a 6 km.

Camminare è un passatempo glorioso e primordiale: perchè?

Cosa succede se cammino 10 km al giorno?

Sia che passeggiare ad una velocità costante, o no, ciò aiuta a far diminuire i livelli di colesterolo cattivo nel sangue aumentando quello dell’HDL ossia, il colesterolo buono. In genere si consiglia di camminare circa 45 minuti al giorno. Se invece puoi camminare solo 3 volte a settimana il tempo di camminata deve arrivare ad almeno 1 ora, con un passo piuttosto sostenuto. Di solito ci si aspetta di vedere dei cambiamenti dopo appena 2 settimane.

WeWard: cammina e guadagna

Gli sviluppatori l’hanno presentata come lo strumento “che ti farà venire voglia di camminare offrendoti sconti sui tuoi prodotti e indirizzi predefiniti”, perché “rimanere dinamici e motivati a fare attività fisica è possibile”.

Novità? Nient’affatto,
Yves Benchimol

L’ Ingegnere con master a Berkeley ideatore dell’app, ha semplicemente fatto la stessa cosa già fatta da altri, ma meglio. Di app che ti pagano se fai una certa cosa, o se ti comporti in un certo modo ce ne sono a bizzeffe: persino ho. Mobile si era messa a incentivare le camminate regalando GIGA. Ma nessuna è immediata e facile come WeWard. Il motivo del suo successo è proprio questo: per guadagnare soldi (veri) basta che conduci una vita sana, camminando ogni giorno.

Altri casi analoghi

Di app che premiano se l’utente cammina o svolge certe attività ce ne sono tantissime. Si pensi ad esempio a Movecoin, l’app italiana con cui “più cammini, più corri, più pedali… più guadagni”. In pratica, i movecoin accumulati possono essere convertiti in cryptomoneta Move e scambiati con Bitcoin o Ethereum o, in alternativa, è possibile acquistare prodotti su un sito dedicato. Si tratta di un’app che ha avuto un discreto successo, ma il suo funzionamento – così come quello di tante altre app simili – appare un po’ troppo macchinoso (il denaro sonante piace in generale di più della fredda cryptomoneta).

Ma questa app funziona davvero?

L’App permette di convertire i passi in denaro. Lo smartphone diventa un contapassi utile a monitorare le camminate giornaliere e permetterà di guadagnare monete, dette Ward. Analizzando l’app, si può immediatamente notare come il sistema si componga di diversi livelli e sfide sportive per incentivare gli utenti a muoversi. E sembra che sul serio si possa arrivare a camminare fino al 24% in più. Il guadagno, però, sembra irrisorio.

Quanto si guadagna se si cammina?

Il funzionamento, è molto semplice, e prevede l’accumulo di punti, chiamati ” ward “, ogni volta che si cammini. Se fai jogging e bicicletta arriveranno più avanti, si legge sul sito ufficiale. Un ward vale 0,005 euro: a 1500 passi corrisponde 1 Ward, a 3000 3 Ward, a 20 mila 25 Ward. In pratica, se percorriamo tra i 10mila e 20mila passi al giorno, possiamo arrivare a guadagnare un massimo di circa 4 euro al mese (poco più di 40 euro l’anno). Inoltre, non bisogna dimenticare di convalidare i passi percorsi durante la giornata per vederli riconosciuti cliccando sul pulsante convalida i miei passi.

Opzioni tra cammina e guadagna

Ovviamente non possono mancare le sfide con i propri amici, e facendo acquisti in determinati negozi si ha diritto ad ulteriori bonus, cashback e ricompense. CLoosì come visitando siti turistici, musei e monumenti. I punti accumulati rappresentano dei crediti da convertire in voucher, buoni regalo, offerte di beneficenza e addirittura in euro, con accredito sul proprio conto corrente.

Come si guadagna?

L’App ti da quattro possibilità:
1) camminando
2) vincendo sfide
3) visitando luoghi turistici
4) acquistando determinati prodotti nei negozi partner suggeriti dall’app

Un successo che resisterà?

Riuscirà WeWard ad essere per i più pigri il surrogato del proverbiale telecomando per cui bisogna necessariamente alzarsi dal divano per raccoglierlo? Oppure rimarrà un’app confinata alla categoria delle app-meteore di cui oggi parlano tutti ma di cui domani non si ricorderà più nessuno?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here