App Store: in aumento i prezzi delle app, già dal 5 ottobre

0
190

Apple ha annunciato oggi che, già dal 5 ottobre, i prezzi delle app su App Store e degli acquisti in-app aumenteranno in tutti i paesi e territori che utilizzano l’euro. Gli aumenti sono attualmente il risultato della debolezza dell’euro nei confronti del dollaro USA.

Aumento dei prezzi su App Store

Secondo Apple, i prezzi delle app e degli acquisti in-app aumenteranno anche in Cile, Egitto, Giappone, Malesia, Pakistan, Polonia, Corea del Sud, Svezia e Vietnam.

Per coloro che non hanno familiarità con il funzionamento dei prezzi su App Store

Apple offre agli sviluppatori livelli preimpostati a cui possono quotare la loro app e questi livelli aumenteranno per l’euro il mese prossimo. Ad esempio, il livello uno aumenterà da € 0,99 a € 1,19, mentre il livello massimo dovrebbe aumentare da € 999 a € 1.199, secondo Apple.

iOS 16.1: aggiornamento e nuove 10 impostazioni utili

Apple adegua periodicamente i livelli di prezzo su App Store in tutto il mondo

Ulteriori informazioni su questo aumento sono disponibili sul sito Web degli sviluppatori di Apple. Alcuni sviluppatori possono modificare il livello di prezzo della loro app per adeguarsi agli aumenti. Gli abbonamenti con rinnovo automatico non sono interessati dagli aumenti di prezzo.

Apple rivede periodicamente le tabelle di prezzi delle app

L’aumento dei prezzi non cambia le percentuali di commissione legate a ciascun “tier”, ovvero la fascia di prezzo prevista. Per gli utenti che hanno abbonamenti in-app attivi, i prezzi non cambieranno. Come sempre è ovviamente possibile annullare il rinnovo o un abbonamento almeno 24 ore prima del termine del periodo di prova. La procedura di annullamento degli abbonamenti varia leggermente in alcuni Paesi e aree geografiche. Stando a quanto riportato in una recente ricerca di Apptopia – azienda specializzata in insight relativi alle app per dispositivi mobile – negli Stati Uniti il prezzo medio a luglio per gli acquisti in-app sull’App Store è cresciuto del 40% anno su anno, rispetto ai dati del 2021.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here